Paolo VI lo voleva cardinale

bouyerdi Sandro Magister

Paolo VI fu seriamente sul punto di farlo cardinale, se non l’avesse trattenuto la feroce reazione contraria che la nomina avrebbe sicuramente provocato tra i vescovi francesi, in testa l’allora arcivescovo di Parigi e presidente della conferenza episcopale, cardinale François Marty, personaggio di “crassa ignoranza” e “privo della più elementare capacità di giudizio”.

Ad aver mancato la porpora e ad aver bollato così un suo arcinemico è stato il grande teologo e liturgista Louis Bouyer (1913-2004), come si apprende dalle sue fiammeggianti “Mémoires” postume, pubblicate questa estate dalle Éditions du Cerf dieci anni dopo la sua morte.

Cresciuto luterano e divenuto pastore a Parigi, Bouyer si convertì nel 1939 al cattolicesimo, attratto più di tutto dalla sua liturgia, di cui si segnalò prestissimo geniale cultore con il saggio capolavoro “Il mistero pasquale”, sui riti della settimana santa.

Chiamato a far parte di una commissione preparatoria al Concilio Vaticano II, Bouyer ne colse da subito a occhio nudo la grandezza ma insieme le miserie, e presto se ne ritrasse. Trovava insopportabile l’ecumenismo a buon mercato, “da Alice nel paese della meraviglie”, di quella stagione ruggente. Tra i pochi teologi conciliari da lui salvati c’è il giovane Joseph Ratzinger, che nel libro è fatto segno soltanto di elogi. E viceversa, tra i pochi alti uomini di Chiesa che apprezzarono a prima vista il talento e i meriti di questo teologo e liturgista così fuori dagli schemi, fa spicco Giovanni Battista Montini quando era ancora arcivescovo di Milano.

Divenuto papa col nome di Paolo VI, Montini volle Bouyer nel consiglio per la riforma dei libri liturgici, presieduto “in teoria” dal cardinale Giacomo Lercaro, “generoso” ma “incapace di resistere alle manovre dello scellerato e mellifluo” Annibale Bugnini, segretario e factotum del medesimo organismo, “sprovvisto di cultura come di onestà”.

A Bouyer capitò di dover rimediare in extremis a una orribile formulazione della nuova II preghiera eucaristica, dalla quale Bugnini voleva espungere persino il “Sanctus”. E dovette riscrivere lui una sera, sul tavolo di una trattoria di Trastevere, assieme al liturgista benedettino Bernard Botte, il testo di quel nuovo canone che oggi si legge nelle messe, con l’assillo di dover consegnare il tutto la mattina dopo.

Ma il peggio è quando Bouyer ricorda il perentorio “Lo vuole il papa” con cui Bugnini usava mettere a tacere i membri della commissione ogni volta che si opponevano a lui, ad esempio nello smantellare la liturgia dei defunti o nel purgare i salmi dell’ufficio divino dai versetti “imprecatori”.

Paolo VI, conversando poi con Bouyer di una di queste riforme “che il papa s’era trovato ad approvare senza esserne affatto soddisfatto più di me” gli chiese: “Ma perché vi siete impegolati tutti in questa riforma?”. E Bouyer: “Ma perché Bugnini ci assicurò che lei la voleva assolutamente”. Al che Paolo VI: “Ma è mai possibile? Lui mi disse che voi eravate unanimi nell’approvarla…”.

Paolo VI esiliò lo “spregevole” Bugnini a Teheran come nunzio, ricorda Bouyer nelle sue “Mémoires”, ma quando ormai il danno era consumato. Per la cronaca, il segretario personale di Bugnini, Piero Marini, sarebbe poi divenuto dal 1983 al 2007 il regista delle cerimonie pontificie, e oggi addirittura si vocifera di lui come venturo prefetto della congregazione per il culto divino.

Nell’ultimo anno della sua vita, Paolo VI invitò Bouyer a passare con lui “qualche settimana di vacanza a Castel Gandolfo”. Ma a questo straordinario segno d’amicizia e di stima il teologo, sovraccarico di impegni, non poté aderire. E se ne dolse, perché il 6 agosto di quel 1978 l’amato papa Montini morì.

L’anno dopo il cardinale Jean Villot rivelò a Bouyer che Paolo VI avrebbe voluto farlo cardinale, non fosse stato per l’asprezza delle previste reazioni intraecclesiastiche.

Alla notizia della mancata nomina, Bouyer ricorda che “si sentì sollevato”, anche perché il suo pensiero era andato subito all’infelice sorte di un altro grande teologo e liturgista insignito invece della porpora, il gesuita Jean Daniélou, “fatto segno di ignobili calunnie dai suoi stessi confratelli” prima e dopo la sua morte nel 1974.

 fonte: Settimo Cielo

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • L’ultima dei sinistri: il sovranismo è una malattia!

      di Cominius. La malattia si chiama “sovranismo psichico”. E’ inguaribile? Forse no, e possiamo tirare un sospiro di sollievo, perché sembra che almeno una terapia farmacologica ci sia, e l’ha individuata Gilberto Corbellini, un pezzo da novanta del CNR: si chiama ossitocina. Segnatevela, se siete afferrati da un attacco grave magari il farmacista ve la dà pure senza ricetta. I sintomi? Ce li descrive autorevolmente il dizionario Treccani on line: è un atteggiamento mentale caratterizzato dalla difesa identitaria del proprio presunto spazio vitale (mi raccomando il presunto, sennò che pazzia sarebbe?). Leggi il seguito…

    • Intervista a Giulio Sapelli: “Il Mes? Va cambiato radicalmente. E non possiamo perdere l’Ilva”

      Intervista di Giuseppe Pica. “La discussione attorno alle modifiche da apportare a questo fondo va riaperta da subito: è giusto che ne discuta il Parlamento e, credo, prima o poi anche la Corte Costituzionale dovrà essere chiamata in causa”. Il professor Giulio Sapelli non usa mezzi termini quando si parla del MES e dell’iter da seguire in merito. L’Occidentale lo ha raggiunto per cercare di fare chiarezza su un tema tanto discusso. E non manca qualche accenno su Alitalia e ILVA. Leggi il seguito…

    • Europa: rinascita o morte? Intervista a Stanislaw Grygiel

      di Andrea Mariotto. Europa: rinascita o morte?” è il titolo di un incontro che il prof. Stanislaw Grygiel (filosofo, direttore della cattedra Karol Wojtyla al Pontificio Istituto Giovanni Paolo II presso la Pontificia Università Lateranense a Roma) ha recentemente tenuto per la Scuola di Cultura Cattolica di Bassano del Grappa. È stata l’occasione per delineare i principali tratti della crisi del Vecchio continente, crisi che affonda le radici – prima ancora che nella politica – nella cultura e nella visione dell’uomo. A margine dell’incontro abbiamo potuto raccogliere qualche sua dichiarazione. Leggi il seguito…

    • Il MES lo conferma: non ci si può definire liberali e appoggiare il dirigismo dei tecnocrati Ue

      di Eugenio Capozzi. Il processo comunitario europeo, così come è maturato storicamente, ha realizzato, tra molte contraddizioni, un grado considerevole di libera circolazione di merci e persone, di scambi, di opportunità legate ad uno spazio economico e sociale governato da regole comuni. Ma non è possibile ignorare il fatto che sull’altro piatto della bilancia – soprattutto a partire dalla trasformazione della Cee in Ue – si trova un assetto dei poteri concentrato in un direttorio intergovernativo in cui vige un’enorme sproporzione tra gli Stati economicamente più forti e quelli più deboli. E che al potere assegnato ad organi come la Commissione e il Consiglio europeo corrisponde un insufficiente spazio concesso alla rappresentanza dei popoli europei, nonché un ruolo pallido e ambiguo del Parlamento: quello che ancora fino ad una quindicina di anni fa molti commentatori di area liberale e progressista chiamavano – giustamente – il “deficit democratico” delle istituzioni comunitarie Leggi il seguito…