Lombardia approva mozione a sostegno famiglia naturale

famigliadi Simone Pillon

La Lombardia ha approvato una mozione a sostegno della famiglia fondata sul matrimonio tra un uomo e una donna.

Finalmente una regione, e non una qualsiasi ma la più abitata d’Italia, prende le distanze dalla teoria del Gender che viceversa sembrava ormai trionfare ovunque, dal Gay pride per i bambini di Palermo alla carnevalata LGBT di Roma.

La Repubblica non è fondata sull’omosessualismo ma sul lavoro, che è una cosa diversa.

Il Forum delle Associazioni familiari, La Manif pour Tous, le sentinelle in piedi e le altre realtà che hanno dato vita a una autentica resistenza civile, attiva e consapevole e nello stesso tempo rispettosa hanno ora di che gioire. Mesi e mesi di campagna sul territorio incontrando tantissime persone cominciano a dare i loro risultati. Nella mozione approvata in Lombardia c’è tutto: dal sostegno alla famiglia naturale fondata sul matrimonio al ripudio di ogni forma di propaganda omosessualista nelle scuole dell’infanzia e in quelle primarie e secondarie.

La lotta contro le ingiuste discriminazioni non può diventare incitamento all’omosessualità. Nel testo sono stati richiamati i numerosi abusi di cui le lobby gay si sono macchiate in questi ultimi mesi, dalla vergogna del Liceo Giulio Cesare, in cui sono stati letti brani pornografici in classe (gli stessi brani sono stati ritenuti osceni dal presidente del Senato Piero Grasso) al tentativo di insegnare ai bambini da 3 a 6 anni la masturbazione precoce.

Il campanello di allarme è per Renzi, impegnato a far passare il matrimonio gay anche nel nostro Paese, ma anche per Berlusconi, che giusto ieri si era spericolato in dichiarazioni decisamente gay friendly a margine della provocatoria iscrizione della sua compagna Francesca Pascale all’ARCI Gay. Hollande in Francia è stato pesantemente punito alle scorse elezioni dopo averi introdotto ogni forma di libertinismo LGBT.

L’Italiano medio è tollerante, paziente, lontano da ogni volontà di discriminazione, ma non è scemo. Fare propaganda per convincere i minori allo stile di vita tipo “gay pride”, oppure privare deliberatamente i bambini del padre o della madre imponendo due genitori dello stesso sesso è qualcosa di inaccettabile. E a Milano se ne sono accorti. Vedremo se lo capiranno anche a Roma.

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • La croce intatta tra le macerie è il segno per salvare l’Europa

      croce-maria-gesu-notre-dame di Giacomo Susca. «Stat crux dum volvitur orbis», la croce resta salda mentre il mondo cambia. È la storia del Cristianesimo racchiusa in cinque parole. Il motto dei certosini non può essere ridotto a uno status da social network, però la comunità cristiana, che vive di simboli, si aggrappa al Simbolo per eccellenza. Quella croce perseguitata, offesa, osteggiata, dileggiata, mercificata, nonostante tutto rimane l'Alfa e l'Omega, il principio quando sembra arrivata l'Apocalisse. Se c'è stato un errore di valutazione nel commentare nell'immediatezza la catastrofe parigina, forse è stato quello di intravedere in un incidente la fine di una cultura o di un sistema di valori. Può crollare il tetto sopra le nostre teste, ma non il pavimento in cui affondano le radici della cristianità Leggi il seguito… 

    • L’eros anarchico e l’ideologia nichilista del Sessantotto. A proposito delle recenti “Note“ di Benedetto XVI

      1968 di Don Samuele Cecotti. Papa Benedetto XVI, nelle sue Note scritte a favore di papa Francesco e dei presidenti delle Conferenze Episcopali riuniti in Vaticano per affrontare lo scandalo pedofilia nella Chiesa e ora pubblicate, individua nella Contestazione Sessantottesca una vera e propria rivoluzione affermatasi tanto nel mondo (occidentale) quanto nella Chiesa. Come Osservatorio abbiamo dedicato al ’68 il numero 3 (2108) del “Bollettino di Dottrina sociale della Chiesa” [leggi] partendo proprio dal riconoscimento della natura rivoluzionaria della Contestazione e sviluppando una attenta analisi circa gli esiti socio-politici di tale rivoluzione nichilista. Leggi il seguito… 

    • Cattolici e Radio Radicale: lo scandalo continua

      radio-radicale di Riccardo Cascioli. Ancora una volta, di fronte all'intenzione del governo di cancellare il truffaldino finanziamento pubblico a Radio Radicale, c'è una mobilitazione generale. E in prima fila come sempre ci sono fette importanti del mondo cattolico. Un gioco di favori e ricatti reciproci, a danno della fede dei semplici. Leggi il seguito… 

    • Se il mondo che disprezza il Medioevo piange per Notre Dame

      croce-maria-gesu-notre-dame di Luca Volontè. Dopo le fiamme a Notre Dame i fautori del politicamente corretto, gli stessi che tacciano di “oscurantismo medievale” coloro che difendono la vita del concepito e il matrimonio, hanno esternato lamenti per la cattedrale fondata nel Medioevo. C’è dell’ironia (e della menzogna) in questo. Ma c’è anche la speranza di una ricostruzione della società, che può avvenire solo tornando a Cristo, come ricordano i fedeli raccoltisi in preghiera a chiedere l’intercessione di Maria Leggi il seguito… 

    Eventi

    Ancora nessun post.