Papa in Israele, chi vuol rovinare il pellegrinaggio

 

di Andrea Avveduto

“Morte a tutti gli arabi cristiani e ai nemici di Israele”. Con il nome vendicativo di “price-tag” (letteralmente: prezzo da pagare) un gruppo di estremisti ebrei ultraortodossi ha fatto molto parlare di sé in questi mesi in Israele. Dopo gli atti vandalici al Cenacolo e al monastero trappista di Latrun, qualche giorno fa è comparsa questa scritta sui muri del Notre Dame Center, l’istituto per l’accoglienza di pellegrini gestito dai Legionari di Cristo e proprietà del Vaticano. E nella lettera minatoria inviata al Vicario patriarcale per la Galilea, mons. Marcuzzo, firmata da un certo «Messia, Figlio di Davide», i cristiani, considerati «idolatri» e seguaci di «culti pagani», venivano minacciati di essere uccisi se non avessero lasciato la Terra Santa a breve. Il tutto a pochi giorni dalla visita di Papa Francesco.

Se da una parte il Pontefice gode di una popolarità indiscussa tra chi abita nella terra di Dio, rimangono alcuni piccoli gruppi determinati a mettere – per quanto possibile – i bastoni tra le ruote a questo breve ma intenso viaggio papale. Il primo a fugare le preoccupazioni per questi gesti di pochi estremisti è il Custode di Terra Santa padre Pierbattista Pizzaballa, che non intende certo “creare allarmismi per un piccolo gruppo di idioti”. Quello che è successo «provoca certamente fastidio, ma deve essere ricondotto a un piccolissima parte della società ebraica e non alla maggioranza, che riconosce in questo Papa un grande amico e privilegiato interlocutore». E tuttavia alle parole del frate francescano fanno eco dei fatti che gettano alcune ombre sul “pellegrinaggio di pace” di Francesco.

Alla Knesset non sembrano determinati a risolvere in breve la vicenda. Il Ministro della Giustizia, Tzipi Livni, è al momento l’unica che ha risposto e ha denunciato i crimini che  ha descritto come «terrorismo», aggiungendo sul suo profilo Facebook: «Chi ha fatto ciò non può appartenere al mio popolo». La latitanza della polizia nell’individuare – e fermare – i colpevoli è però ormai sotto gli occhi di tutti. A Gerusalemme, alla porta di Jaffa dove sorge il Christian Information Center, è stata posta un’enorme gigantografia che recita: “Benvenuto papa Francesco”. Nei giorni scorsi è stata proprio la polizia a chiedere ai francescani che gestiscono il centro di togliere il poster con la foto del pontefice. Qualcosa insomma – nel generale clima di cordialità – non torna. E il Ministro israeliano per la Sicurezza interna, Yitzhak Aharonovitch ha indicato che il suo governo aveva «l’intenzione di ricorrere alla detenzione amministrativa» contro gli artefici di questo tipo di attacchi. Un tipo di detenzione fino a ora utilizzata solo contro i palestinesi, che prevede di imprigionare i sospettati più rapidamente, senza processo e su ordine di un tribunale militare, per un  periodo di sei mesi rinnovabili. Ma il Ministro, in questa situazione di tensione e dopo un’inerzia di diversi mesi, ha invitato anche tutta la classe politica a rispondere a queste domande. Perché la maggior parte di questi crimini sono impuniti? La polizia dovrebbe considerare di rivedere i suoi mezzi per impedire tali atti criminali? Dovremmo sviluppare nuove tecnologie per filtrare i social network e per fermare questi estremisti prima che passino all’azione?

Domande ancora rimaste senza risposte, a causa di una classe politica israeliana per lo più sorda a questi attacchi contro i cristiani. Difficile pensare che il paese più “sicuro” del mondo abbia difficoltà a rintracciare questi criminali. E se questo Papa si è sempre dimostrato amico degli ebrei (e co-autore di un libro con un rabbino di Buenos Aires), è anche vero che non è mai apparso conciliante con il governo di Netanyahu. E viceversa. La fredda cordialità tra i due si declina anche su certi versanti pratici. A smentire – per esempio – le voci che davano per sicura la cessione del cenacolo al Vaticano (questione che va avanti da anni) è stato il ministro degli esteri Avigdor Lieberman e l’ambasciatore israeliano presso la Santa Sede, Zion Evrony, secondo cui “Israele non ha alcuna intenzione di passare il controllo della stanza luogo dell’ultima cena di Gesù”. Ma non solo. Il fatto che da Amman Francesco abbia scelto di atterrare – il giorno dopo – direttamente a Betlemme, snobbando Tel Aviv, sta a significare quanto sia poco interessato agli intricati equilibri politici di questo Paese (che prevedono infatti per ogni viaggio ufficiale l’atterraggio sul suolo ebraico prima di arrivare ai territori occupati). Tanti incontri con le persone e pochi i politici, in un paese dove conta tanto la politica e poco le persone, avverte tutti su che tipo di viaggio sta per intraprendere Sua Santità. Per inciso, quell’enorme poster a Jaffa Gate è rimasto ancora lì. Perché le pietre vive, i cristiani di Terra Santa lo aspettano, eccome.

http://www.lanuovabq.it/it/articoli-papa-in-israele-chi-vuol-rovinare-il-pellegrinaggio-9262.htm

 

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Il partito dei vescovi? Un tentativo velleitario

      bassetti di Stefano Fontana. Se ho capito bene, il Forum civico proposto dal cardinale Gualtiero Bassetti vorrebbe riunire attorno ad un tavolo, inteso naturalmente in senso metaforico, le varie realtà dell’associazionismo cattolico del nostro Paese. Vescovi divisi al loro interno su aspetti fondamentali circa la presenza pubblica dei cattolici convocano ad un “Forum civico” associazioni cattoliche divise tra loro e allo stesso loro interno su aspetti fondamentali circa la presenza pubblica dei cattolici. È evidente la sproporzione tra la proposta e le sue esigenze da un lato e la consapevolezza della posta in gioco dall’altro. Di solito i progetti con queste caratteristiche vengono chiamati velleitari Leggi il seguito… 

    • S’avanza il partito dei vescovi, ma sembra il Pd

      cei-assemblea-permanente di Riccardo Cascioli. Da settimane si fanno sempre più insistenti le voci di un tentativo di unire diverse associazioni cattoliche impegnate nel sociale per costituire una nuova formazione politica. Il cardinale Bassetti parla di partire con un forum di associazioni. Di sicuro c'è il programma: più Europa, più immigrati. Un film già visto e destinato al fallimento. Ma negli esempi proposti da Bassetti - Sturzo, De Gasperi, La Pira - si svelano le contraddizioni dei vescovi. Leggi il seguito… 

    • Macron perde pure in Libia. La Francia accetta il piano dell’Italia

      Conte e Haftar di Lorenzo Vita. Con l’arrivo di Khalifa Haftar a Roma, l’Italia ha messo a segno un colpo importante. Non è certo l’unico né l’ultimo, e non è probabilmente il principale. Ma è un segnale: ora il leader della Cirenaica ha a Roma il suo partner principale in Europa. E viceversa, l’Italia ha in Haftar un interlocutore in Libia, e questo dopo mesi in cui il maresciallo è stato forse uno dei principali antagonisti dei piani di Roma nel Paese nordafricano, come dimostrato non solo dai contatti con la Francia, ma anche con l’opposizione alla presenza dell’ambasciatore Giuseppe Perrone, adesso tornato nelle grazie del generale che anzi ne invoca il rientro in Libia. Leggi il seguito… 

    • Questionario omofobia, il ministro Bussetti blocca tutto

      bussetti PERUGIA – “Stop al test sul sesso”. Lo dice senza mezzi termini il ministro all’Istruzione Marco Bussetti, parlando dalle colonne Corriere dell’Umbria in merito al test sull’omofobia che in questi giorni sta facendo discutere ed è stato distribuito presso molte scuole. “Abbiamo parlato con l’Ufficio scolastico regionale – dice Bussetti – e i questionari sono fermi. Li abbiamo bloccati. Abbiamo chiesto di rivederne la formulazione e di cambiare le modalità di realizzazione del progetto”. Leggi il seguito…