Scatta l’ora X di Medjugorje. Francesco decide sul dossier dei teologi

di Matteo Matzuzzi

Il giudizio del Papa sulle apparizioni di Medjugorje si avvicina. Giovedì, in Vaticano, è stato ricevuto il cardinale bosniaco Vinko Puljic, arcivescovo di Sarajevo. Da ieri, è a Roma anche il cardinale Josip Bozanic, arcivescovo di Zagabria. Fonti croate hanno poi spiegato che il dossier su cui lavora da tempo la commissione guidata da Camillo Ruini sta per essere posato sul tavolo di Francesco. Con i sigilli del caso, a rimarcare la delicatezza del contenuto e l’importanza della materia. Quattro anni di lavoro per il gruppo di teologi, medici, psicologi ed esperti di mariologia istituito da Benedetto XVI e chiamato a dire se nelle apparizioni della Madonna sulla collinetta di un paesino dell’Erzegovina ci sia del soprannaturale. La vicenda va avanti da più di un trentennio, e da Roma non è ancora giunta una risposta definitiva.

L’aspetto più delicato e controverso è che quello delle apparizioni è un fenomeno tutt’altro che concluso. Continua, a cadenza seriale, ed è perfino delocalizzato. I veggenti, cioè, vedono la “giovane donna bellissima” ovunque si trovino. Anche a migliaia di chilometri da Medjugorje, anche oltreoceano. Un aspetto, questo, che ha spinto lo scorso ottobre il prefetto della congregazione per la Dottrina della fede, il teologo Gerhard Müller, a vietare ai cattolici americani di partecipare a “riunioni, conferenze e pubbliche celebrazioni” in cui sia data per certa la credibilità delle apparizioni di Medjugorje. L’obiettivo della lettera inviata dal capo dell’ex Sant’Uffizio al nunzio a Washington, monsignor Viganò, era di evitare che folle immense partecipassero agli eventi organizzati da Ivan Dragicevic, uno dei veggenti che si dice in contatto con la Vergine.

La posizione della chiesa al momento è sempre quella del 1991, spiegava Müller: finché il Pontefice non si esprimerà in proposito, non è possibile classificare quei fenomeni come soprannaturali. Un provvedimento, quello del prefetto, diretto alle diocesi d’America, ma presto preso a esempio anche in Europa. A stretto giro, infatti, gli episcopati di Madrid, Siviglia e Toledo chiarivano che “per evitare scandalo e confusione tra il popolo di Dio”, sarebbe stato meglio porre qualche opportuno paletto. In virtù di ciò, si legge nel comunicato dell’arcivescovado di Toledo – che è anche sede del primate di Spagna –, “non è permesso al clero né ai fedeli partecipare a incontri, conferenze durante i quali si dia per certa la credibilità di tali apparizioni”. Non aiuta a districarsi nella vicenda neppure il fatto che il clero (anche quello ai più alti livelli) sia diviso, lacerato. Così, se il vescovo di Mostar è convinto che in cima a quella collinetta non ci sia nulla di soprannaturale e mistico, e che la Madonna mai sia apparsa in quelle zone, ci sono eminentissimi prìncipi della chiesa persuasi del contrario. Il cardinale Schönborn, ad esempio, che nella cattedrale di Santo Stefano a Vienna accoglie e fa parlare più volte l’anno i veggenti, con un’affluenza di pubblico che raggiunge anche le cinquemila persone.

In tutto questo, c’è l’enigma rappresentato dal Papa. Che dirà Francesco? Come giudicherà il dossier faticosamente compilato dalla commissione istituita nel 2010 da Ratzinger? Poco prima di decollare alla volta di Roma per il Conclave, lo scorso marzo, il cardinale Bergoglio autorizzava i fedeli della capitale argentina a partecipare a riunioni e conferenze con Ivan Dragicevic. In cinquemila presenziarono all’evento del 4 marzo al Microestadio Malvinas, addirittura in diecimila all’appuntamento di due giorni dopo al luna park di Buenos Aires. Il tutto con l’approvazione dell’arcivescovo. Il copione degli eventi, sempre lo stesso: rosario, messa e apparizione della Madonna. Non irrilevante è poi il fatto che il confessore di Bergoglio dal 2010 fosse padre Berislav Ostojic, francescano giunto in Argentina da Citluk, villaggio a pochi passi da Medjugorje. E i francescani, favorevoli al riconoscimento delle apparizioni, da trent’anni sono in rotta con le gerarchie ecclesiastiche locali. Ma questo accadeva prima del 13 marzo 2013. Una volta eletto Papa, Bergoglio ha lasciato intendere che sulla questione bisogna invece essere prudenti.
Si esprimeva così, il 14 novembre scorso, a Santa Marta: “La curiosità ci spinge a voler sentire che il Signore è qua oppure è là; o ci fa dire: ‘Ma io conosco un veggente, una veggente, che riceve lettere della Madonna, messaggi dalla Madonna’. Ma la Madonna è Madre! Non è un capoufficio della Posta, per inviare messaggi tutti i giorni. Queste novità allontanano dal Vangelo, dalla pace e dalla sapienza, dalla gloria di Dio, dalla bellezza di Dio”. Perché “Gesù dice che il Regno di Dio non viene in modo da attirare l’attenzione: viene nella saggezza”.

Fonte: Il Foglio

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Omofobia, la pretesa di pregare per una imposizione

      veglia-omofobia di Stefano Fontana. L’adesione di vescovi alle veglie contro l’omofobia ha qualcosa di incredibile. Sia dal punto di vista dottrinale che pastorale. Il concetto di omofobia è ideologico e come si può fare una veglia contro qualcosa di ideologico? Se guardiamo poi alla realtà intorno a noi, ci chiediamo dove sia tutta questa omofobia contro la quale alcuni vescovi si sentono chiamati a presiedere veglie di preghiera. Oggi, al contrario, ad essere discriminata è l’eterosessualità. Leggi il seguito… 

    • Omo-benedizioni, la condanna di Schneider

      athanasius-schneider di Marco Tosatti. “Impartire una benedizione a una coppia omosessuale significa benedire il peccato non solo degli atti sessuali fuori del matrimonio, ma quello di atti sessuali fra persone dello stesso sesso, cioè benedire il peccato della sodomia, che è considerato da quasi tutta la storia umana e dall’intera tradizione cristiana come un peccato che grida al cielo". Così il vescovo Athanasius Schneider Leggi il seguito… 

    • Sfatiamo i falsi miti sull’Italia delle banche (VIDEO)

      malvezzi di Byoblu. È vero che le nostre banche e la nostra economia sono talmente malridotte che è necessario intervenire per salvarle, stravolgerle, commissariarle? E se non è vero, perché allora vogliono farcelo credere? In 29 diapositive piene di dati e grafici, Valerio Malvezzi, cofondatore di WinTheBank e professore a contratto dell'Università di Pavia, ribalta il tavolo e capovolge la propaganda mainstream. Leggi il seguito… 

    • La “guerra” per immagini che mette a nudo il totalitarismo

      manifesto-prolife di Andrea Zambrano. Il deciso cambio di strategia dei movimenti pro family e pro life in fatto di campagne comunicative sta provocando una reazione liberticida da parte delle istituzioni. Che si tratti di uffici comunali che ritirano le immagini, come nel caso del manifesto di CitizenGo che ricorda che l’aborto è la prima causa di femminicidio o di Procure della Repubblica sollecitate come nel caso della gigantografia di ProVita che fa memoria a tutti i passanti di essere stati un embrione, poco importa. Leggi il seguito…