I nuovi cardinali. I promossi e gli esclusi

jpg_1350692di Sandro Magister (fonte: Settimo Cielo )

Le diocesi italiane che per tradizione hanno “diritto” alla porpora, con questo papa possono scordarselo. Nel suo primo concistoro, Francesco non farà cardinali nessuno dei loro titolari in lista d’attesa: non Cesare Nosiglia, arcivescovo di Torino, e non Francesco Moraglia, patriarca di Venezia.

Tra i residenziali, in Italia, riceverà invece la porpora Gualtiero Bassetti, arcivescovo di una diocesi non cardinalizia come Perugia, che Francesco ha già premiato promuovendolo a membro della congregazione vaticana per i vescovi al posto del cardinale Angelo Bagnasco, il quale anche come presidente della conferenza episcopale italiana potrà essere presto soppiantato dallo stesso Bassetti, pupillo del papa.

Ecco qui di seguito l’elenco completo dei sedici nuovi cardinali con diritto di voto in conclave, che papa Jorge Mario Bergoglio creerà nel concistoro del 22 febbraio, nell’ordine con cui egli li ha annunciati domenica 12 gennaio:

– Pietro Parolin, arcivescovo titolare di Acquapendente, segretario di Stato;
– Lorenzo Baldisseri, Arcivescovo titolare di Diocleziana, segretario generale del Sinodo dei vescovi;
– Gerhard Ludwig Műller, arcivescovo-vescovo emerito di Regensburg, prefetto della congregazione per la dottrina della fede;
– Beniamino Stella, arcivescovo titolare di Midila, prefetto della congregazione per il clero;
– Vincent Nichols, arcivescovo di Westminster (Gran Bretagna);
– Leopoldo José Brenes Solórzano, arcivescovo di Managua (Nicaragua);
– Gérald Cyprien Lacroix, arcivescovo di Québec (Canada);
– Jean-Pierre Kutwa, arcivescovo di Abidjan (Costa d’Avorio);
– Orani João Tempesta, dell’ordine dei cistercensi, arcivescovo di Rio de Janeiro (Brasile);
– Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città della Pieve (Italia);
– Mario Aurelio Poli, arcivescovo di Buenos Aires (Argentina);
– Andrew Yeom Soo jung, arcivescovo di Seoul (Corea);
– Ricardo Ezzati Andrello, S.D.B., arcivescovo di Santiago del Cile (Cile);
– Philippe Nakellentuba Ouédraogo, arcivescovo di Ouagadougou (Burkina Faso);
– Orlando B. Quevedo, O.M.I., arcivescovo di Cotabato (Filippine);
– Chibly Langlois, vescovo di Les Cayes (Haïti).

Nell’insieme, tra i nuovi cardinali quattro sono italiani, due del resto dell’Europa, uno del Nordamerica, due dell’America Centrale, tre dell’America meridionale, due dell’Africa e due dell’Asia.

In più, Francesco farà cardinali anche tre presuli ultra ottantenni, tra i quali l’ex segretario di papa Giovanni XXIII:

– Loris Francesco Capovilla, arcivescovo titolare di Mesembria;
– Fernando Sebastián Aguilar, C.M.F., arcivescovo emerito di Pamplona;
– Kelvin Edward Felix, arcivescovo emerito di Castries.

In curia e in Italia le nomine hanno rispettato le previsioni, compresa la mancata promozione del bibliotecario di Santa Romana Chiesa, il domenicano francese Jean-Louis Bruguès, “colpevole” d’aver contrastato, quand’era segretario della congregazione per l’educazione cattolica, l’allora cardinale Bergoglio riguardo la nomina a rettore dell’Università Cattolica di Buenos Aires di Victor Manuel Fernández, fedelissimo dell’attuale papa e suo ghostwriter.

Anche il fermo imposto agli Stati Uniti, che già contano undici porporati, era nella logica delle cose. Meno scontato era che rimanessero al palo, senza nuovi cardinali, il Medio Oriente, l’Europa orientale e il Giappone.

In ogni caso, le esclusioni più clamorose riguardano l’arcivescovo di Malines-Bruxelles, il conservatore André-Joseph Léonard, e, nelle Filippine, l’arcivescovo della più grande diocesi del paese, Cebu, nonché presidente della conferenza episcopale, Jose S. Palma. Invece che lui, papa Bergoglio ha insignito della porpora un oblato di Maria, vescovo di una diocesi filippina di seconda fila, mai stata “cardinalizia”.

Anche ad Haiti il neocardinale appartiene a una diocesi piccola e povera, non alle due arcidiocesi metropolitane di Port-au-Prince e Cap-Haïtien.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • La vera fraternità oltre l’ideologia della fratellanza. Sulla conferenza di Stefano Fontana al Convegno “Poveri tutti”

      di Silvio Brachetta. Stefano Fontana, durante il convegno Poveri Tutti del 18 novembre scorso [qui], ha parlato sul tema “La vera fraternità oltre l’ideologia della fratellanza”. A seguito dell’enciclica Fratelli Tutti di Papa Francesco, Fontana si era già espresso sulla fratellanza [qui], come pure Silvio Brachetta in un articolo per l’Osservatorio [qui]. Fontana parla di due visioni della fraternità, a cominciare dall’avvento della modernità – cioè dall’Umanesimo e dal Rinascimento – che si sono imposte nella cultura e nella civiltà: la visione cattolica e la visione mondana. Leggi il seguito…

    • Francesco e la dottrina: i cambiamenti ci sono

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. Molti si interrogano se ci sia continuità tra la Dottrina sociale della Chiesa insegnata da papa Francesco e quella insegnata fino a Benedetto XVI. La Laudato si’ e la Fratelli tutti (ma anche l’esortazione Evangelii Gaudium) sono in linea con la Centesimus annus e la Caritas in veritate? La tendenza prevalente nei commentatori è di pensarle in continuità, sia perché spiace dover constatare che quanto i papi dicevano ieri oggi venga detto in modo diverso o addirittura negato, sia perché il criterio della “riforma nella continuità”, suggerito da Benedetto XVI nel 2005, viene adoperato spesso in modo largo. Così si sostiene che le eventuali discontinuità sono di ordine pastorale e non dottrinale e che come tali non impegnano l’autorità magisteriale del papa. Spesso però questa via altro non è che una scappatoia per aggirare il problema, dato che oggi i principali cambianti dottrinali avvengono proprio per via pastorale. Leggi il seguito…

    • Francesco, la proprietà privata e la Teologia della Liberazione che non piace a Ratzinger (ma piace alle élite mondialiste)

      di Vito de Luca. Dopo le ultime affermazioni di papa Francesco, in cui afferma, rivolto ai giudici di Africa e America Latina che si occupano di diritti sociali, che il diritto alla proprietà privata non è intoccabile – in quanto diritto secondario – appare difficile allontanare dal pontefice l’aura di esponente della Teologia della Liberazione. Un po’ di storia, tanto per intenderci meglio, su questo filone dottrinario, in quanto nulla viene dal nulla. Leggi il seguito…

    • Divorzio, la “conquista” che sfasciò famiglia e società

      di Gianfranco Amato. Non c'è nulla da festeggiare per i 50 anni della legge sul divorzio: ha costituito il primo passo della rivoluzione antropologica che stiamo tuttora vivendo. L’indissolubilità del matrimonio era la linea Maginot di quella società che era ancora in grado di mantenere e garantire una certa solidità. La profezia di Fanfani e gli utili idioti Dc grazie ai quali poi abbiamo avuto anche aborto, unioni gay e prossimamente anche legge sull'omotransfobia.  Leggi il seguito…