“Come uomo l’aborto mi ha ferito”

L’uomo e l’aborto: tre testimonianze.

 

Piango ancora

 

A volte guardo i miei due figli,

e so che ce ne dovrebbero essere tre.

Piango ancora.

A volte vedo una famiglia con due figli vicini di età con una figlia,

e poi guardo la mia.

Piango ancora.

So, Padre, che mi hai perdonato perché ho affidato il mio dolore a Cristo,

ma come faccio a spiegargli perché ho fatto questo e perché non ha avuto la vita.

I giochi con la palla persi, la caccia, il campeggio e ogni lunga chiacchierata,

i momenti padre-figlio che non abbiamo mai avuto.

Piango ancora. Cerco di non pensarci,

darei la mia vita cento volte, per restituirgli la sua.

Oh, Dio, come vorrei aver potuto esserti di sostegno quando eri bambino e nella tua adolescenza.

Piango ancora. Il dolore che tenevo chiuso nel profondo era una via insopportabile,

grazie a Gesù Cristo e alla Riconciliazione, è arrivata la pace interiore.

Ma…

piango ancora. So che un giorno ti stringerò e guarderò negli occhi,

a quel momento, figlio mio, ti amo.

Piango ancora.

A mio figlio, Christian… con amore, papà.

(www.menandabortion.info/l1-testimony1.html)

 

Jad Hunter

Marzo 2000 – 20 maggio 2000

 

Ho saputo quella sera piovosa che Jad era stato concepito stavamo per avere un bambino.

Ho camminato con la mia fidanzata fino alla porta e ho baciato e detto buonanotte a entrambi sotto una luna delicata e pallida.

Non serve a nulla qui e ora ragionare su quei momenti prima dell’aborto del nostro bambino. Jad non c’è, e questo è tutto ciò che conta.

Non potrò mai tenerlo in braccio. Non potrò mai vedere il suo aspetto. Non potrò mai solleticargli i piedi. Non potrò mai sentirlo ridere. Non sarò mai in grado di amarlo…

Beh, no non è proprio vero. Io lo amo. Non sarò mai in grado di dirglielo e mostrarglielo qui sulla terra… ma un giorno, spero ancora di riuscire a perdonare sua madre che ha fatto questo a mia insaputa.

Dio sa quanto ho voluto Jad e quanto lo amo… e questa fede… mi aiuterà fino al bellissimo giorno in cui potrò dirlo a Jad di persona.

(www.menandabortion.info/l1-testimony2.html)

 

Ero per l’aborto… ma ho cambiato idea

 

Poco più di 20 anni fa, io e mia moglie abbiamo chiesto l’interruzione di una gravidanza inaspettata. Siccome dovevamo finire i nostri studi, abbiamo pensato sinceramente di fare la scelta migliore in questa situazione.

Purtroppo le importanti conseguenze fisiche e psicologiche che seguirono segnarono profondamente la nostra vita di coppia oltre che, più tardi, i rapporti con i nostri figli nati vivi. E dire che avevamo creduto che la vita avrebbe ripreso come prima… C’è stato da fare i conti con quella traccia mancante, quell’assenza lancinante di cui non sapevo come parlare a mia moglie.

Ci è voluto molto tempo per osare riconoscere questa profonda ferita che noi portavamo come due animali da soma silenziosi sotto il loro giogo comune.

Oggi, io e mia moglie rimpiangiamo infinitamente questa scelta fatta in fretta. Abbiamo vissuto, da allora, una vera e propria evoluzione nei confronti di questo atto e delle sue conseguenze.

Desidero condividere con i lettori di Visages gli insegnamenti che noi abbiamo tratto da questo episodio della nostra vita venti anni dopo.

Le conseguenze psicologiche dell’aborto sono ancora oggi quelle più spesso negate. I professionisti che ci avevano accompagnato nel nostro aborto oggi riconoscono in parte la nostra ferita, ma non vogliono riconoscere la loro parte di responsabilità: essi sostengono che le difficoltà incontrate non provengono dall’aborto in sé, ma da predisposizioni psicologiche precedenti. Una risposta che non ci soddisfa appieno, soprattutto perché nessuna indagine era stata intrapresa per verificare un’eventuale controindicazione.

Come uomo, l’aborto mi ha ferito.

Questo è il mio più grave fallimento personale. Ho accettato la soluzione peggiore. Non ho saputo riconoscere il disagio della mia compagna. Ho anche la sensazione di essere stato ingannato. Mi hanno presentato l’aborto come la soluzione a questo problema tutto sommato momentaneo, focalizzando la mia attenzione su una piccola parte di tale atto. In seguito ho imparato che la vera felicità per un papà è imparare a dare la sua vita per i suoi figli, e non il contrario.

Non è mai facile entrare nella paternità, ed è ancora più difficile dopo un aborto. Non sono sorpreso dal numero elevato di uomini che oggi hanno paura di avere dei figli, né di sapere che un buon numero di donne abortisce molto spesso a causa della mancanza di sostegno da parte del padre del bambino.

Questa spirale è incoraggiata dalle nostre autorità che pensano di risolvere il problema offrendo l’aborto gratuito alle donne in difficoltà a causa di una gravidanza.

Semplificare il ricorso all’aborto, fa aumentare ulteriormente la pressione sulla donna – perché molto spesso è “affar suo” – davanti a questa scelta disumana. È per fare pressione sulle nostre autorità politiche e mediche che ho deciso di aderire a Pro Life.

La perdita del mio bambino abortito rimarrà in me come una tappa molto difficile. Ma ho avuto il privilegio di incontrare la grazia del Risorto su questa strada, è a lui che la mia famiglia ed io dobbiamo la nostra guarigione, la nostra sicurezza e la nostra speranza. E se Dio ha saputo ricondurre il mio cuore di padre a lui, non lo farà ancora per altri?

Gilles

Visages 3/02

(www.prolife.ch/fr/ideologie/magazine-visages-de-pro-life/archives-visages-2002)

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Adozioni e utero in affitto: la nostra battaglia condivisa anche da omosessuali

      matera-tavola-rotonda di Alessandro Santini. Sabato, a Matera, ho iniziato da qui il mio intervento al dibattito “Nuovi diritti o nuove pretese?”, uno degli appuntamenti della festa nazionale di “IDEA – Popolo e Libertà” al quale sono stato invitato dal senatore Carlo Giovanardi, che ringrazio. Con lui, Francesco Agnoli, Assuntina Morresi e Marina Terragni ho avuto l'opportunità di confrontarmi su un tema di cui il centrodestra non ha mai parlato più di tanto. Leggi il seguito… 

    • “Avvenire”, ormai è solo ideologia

      avvenire-ius-soli di Stefano Fontana. Lo "strano" caso di Avvenire e della legge sullo IUS SOLI spinta dal quotidiano con ogni mezzo. Ma perché ad Avvenire non hanno fatto una copertina simile quando il Parlamento ha approvato la legge Cirinnà che di principi assoluti della morale naturale e della Dottrina sociale della Chiesa ne negava almeno un centinaio? E perché non ha fatto lo stesso quando è stata staccata la spina del ventilatore al piccolo CharlieGard? Oppure ogni anno, nella ricorrenza dell’approvazione della legge 194 sull’aborto legale? Leggi il seguito… 

    • Perché mai San Francesco avrebbe dovuto camminare alla cieca?

      the_parable_of_the_blind di Silvio Brachetta. Si è aperta ad Assisi l’edizione 2017 de “Il Cortile di Francesco”. Il problema però sta soprattutto nelle parole degli organizzatori. Il Cardinale Gianfranco Ravasi prospetta un “Cammino” fine a se stesso e fa parlare Montaigne: «A chi mi domanda ragione dei miei viaggi, rispondo che so bene quello che sfuggo, ma non quello che cerco». Dovrebbe, invece, essere ben chiaro cosa cerca il pellegrino cristiano… Leggi il seguito… 

    • Don Carlo Caffarra, incatenato alla verità come a una roccia

      di Stanislaw Grygiel - Il Foglio, 17 Settembre 2017 “So che le batoste che si prende sono destinate a me”, disse un giorno Giovanni Paolo II.Un’amicizia durata quarant’anni. Leggi il seguito…