Dio ci guardi dall’aver paura…

In occasione della Festa della Sacra Famiglia riportiamo di seguito un ampio stralcio dell’omelia pronunciata oggi, 29/12/2013, dal Card. Carlo Caffarra Arcivescovo di Bologna

…vi dicevo all’inizio che questa pagina evangelica ci fa capire quale è la condizione della famiglia anche oggi.
Essa si trova ad essere il terreno di scontro fra il potere di questo mondo e la voce di Dio.
E dove avviene questo scontro? In primo luogo nel cuore, nella coscienza di ogni uomo e di ogni donna. E’ in essa che la voce di Dio risuona; è nel cuore che il divino progetto di Dio sul matrimonio e la famiglia è scritto. Ma dall’altra parte potenti lobbies in possesso non raramente dei mezzi della produzione del consenso, cercano di distogliere gli uomini e le donne dall’ascoltare la voce di Dio che parla nella loro coscienza; dal leggere quella legge divina che è scritta nel cuore umano. (…)
Ma lo scontro non avviene solo nell’intimo dei cuori e delle coscienze. Avviene sul piano anche pubblico, nei luoghi della deliberazione e della decisione legislativa e giurisprudenziale; come ideologia, come programma di azione e formazione del comportamento; come delegittimazione pubblica di ogni forma di dissenso da quella ideologia.

   Cari fratelli e sorelle, carissimi sposi e genitori, in che modo Giuseppe ha difeso la sua famiglia? Ponendosi semplicemente in obbedienza al progetto di Dio. Non aveva altro strumento.

            Ed oggi cari amici? «La Chiesa, seguendo Cristo, cerca la verità, che non sempre coincide con l’opinione della maggioranza. Ascolta la coscienza e non il potere ed in questo difende i poveri e i disprezzati» [b. Giovanni Paolo II, Es. Ap. Familiaris consortio 5].
Questa, cari fratelli e sorelle, è la vostra forza: la docilità alla voce di Dio che risuona nella vostra coscienza. In che modo risuona? Donandovi la luce di alcune evidenze originarie. Mi piace semplicemente enunciarle.
 La prima: il matrimonio avviene fra un uomo con una donna.
La seconda: il bambino ha diritto ad un uomo ed ad una donna che siano suo padre e sua madre; e quindi non possono essere sostituiti da due adulti dello stesso sesso che non sono, ma “fanno” da padre e da madre.
Preghiamo, specialmente oggi, perché il Signore ci custodisca sempre nella rettitudine delle nostre coscienze; perché non si attenui mai in noi la sana sensibilità di fronte al bene o al male. E Dio ci guardi dall’aver paura dai decreti o leggi emanate a seconda del trend della moda. (…)

 

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Grothendieck, matematico alla ricerca di Dio

      giulia Sono passati tre anni da quel 13 novembre 2014, giorno in cui moriva quello che è stato definito il più grande matematico del XX secolo, e tra i più importanti di sempre: Alexander Grothendieck. Nato nel 1928 a Berlino da famiglia ebrea, ebbe un'infanzia segnata dalle vicende storiche legate alla Seconda Guerra mondiale. Leggi il seguito… 

    • Paté di sinistra affumicata

      walter-veltroni di Marcello Veneziani. La sinistra presente mi ricorda il brodo alla griglia di Antonio Albanese. Una pietanza surreale, un’entità inconcepibile. Da giorni, che dico da giorni, da mesi, la sinistra si spacca e invoca l’unità, avvia trattative e miete scissioni, annuncia coalizioni e subisce defezioni, senza sosta. Ridotta all’osso è ricorsa a Fassino, nel vano tentativo di quadrare il cerchio o di cerchiare il quadro. Ma un mediatore così ossuto non bastava Leggi il seguito… 

    • Trump un anno dopo, in tredici Stati Usa è piena occupazione

      donald-trump di Roberto Santoro. L’America di Trump, un anno dopo. Dicevano che sarebbe stato un disastro, ma il numero degli occupati in tredici Stati americani al momento supera tutti i record tracciati nelle serie storiche da quarant’anni a questa parte, più o meno da quando il governo federale ha iniziato a fare queste rilevazioni in modo sistematico. Leggi il seguito… 

    • Canada: “Credi nel diritto naturale? Non puoi adottare”

      no_famiglia_cristiana di Benedetta Frigerio. Dicevano che non bisognava discriminare le persone dello stesso sesso che volevano adottare dei figli. Ma ora, come avevamo previsto, da quando gli Stati hanno fatto del cosiddetto matrimonio omoerotico, un bene da tutelare legalmente è ovvio che la discriminazione è verso coloro che ancora lo considerano un fatto contro natura. Perciò dalla non discriminazione di queste persone si è passati alla discriminazione di coloro che hanno una visione opposta a quella assunta dal potere. Leggi il seguito…