Sr. Teresa Forcades, benedettina e femminista in giro per il mondo

A leggere certi scritti di Suor Teresa Forcades, benedettina spagnola, c’è da chiedersi cosa aspettano gli eminentissimi prelati della Congregazione per gli istituti di vita consacrata e le società di vita apostolica, Card. Braz de Aviz e Mons. Carballo, ad intervenire per fare un po’ di chiarezza.

Intanto ci ha pensato il Vescovo ausiliare di Lisbona. La Forcades, infatti, è attesa nei prossimi giorni in Portogallo per presentare i suoi libri e Mons. Nuno Bras ha ricordato che la sorella “non ha diritto di affermare che le sue opinioni personali sono parte della fede ricevuta dagli Apostoli (…) E io – aggiunge il Vescovo – come successore degli apostoli ho il dovere di dirlo chiaramente.”

Non è la prima volta che i Vescovi in giro per il mondo intervengono per allertare i fedeli sul contenuto dei libri della Forcades. Lo scorso agosto l’Arcivescvo di Lima, Card. Cipriani, lo ha fatto in modo deciso. Ha impedito che Suor Teresa partecipasse ad un seminario organizzato dalla CONFER peruviana, nientedimeno che la “Conferenza dei Superiori e della Superiore religiose”. Il prelato ha preso carta e penna e ha scritto alla Presidente della Confer per ricordarle che “l’esposizione mediatica” della Forcades “in diverse materie “mostra una grave contraddizione con l’insegnamento della Chiesa su questioni fondamentali come ad esempio nella morale”.

Citando il diritto canonico ai canoni 381, 391, 756 e 678, Cipriani ha fatto valere la sua autorità di Vescovo diocesano non autorizzando la Forcades a partecipare al seminario. Sarebbe auspicabile che questa chiarezza fosse tenuta in tutte le diocesi del mondo, non tutti i Vescovi, infatti, esercitano in modo così preciso il loro ruolo di pastori a guida del gregge. Per restare al caso di suor Teresa sono diverse le diocesi dove ha potuto parlare tranquillamente senza alcun intervento dell’autorità ecclesiastica.

Ma quali sono le posizioni della suora catalana in “grave contraddizione con l’insegnamento della Chiesa?” E’ presto detto: femminista, giustifica l’aborto, è favorevole al matrimonio omosessuale, vorrebbe che tutte le donne potessero usufruire liberamente della pillola del giorno dopo. A proposito dell’aborto ha dichiarato: “Se Dio ha posto nelle mani della madre la vita del feto, noi non siamo nessuno per intervenire.”

Suor Forcades, che è stata anche Vicepresidente dell’Associazione europea delle ricercatrici in teologia, ha dichiarato che la teologia«o è liberazione o non è teologia. O è femminista – nel senso di una identità per uomini e per donne a immagine di Dio non incasellata in nessuno stereotipo – o non è teologia». Da questo punto di vista abbastanza fumoso la suora fa discendere la considerazione che “il matrimonio omosessuale non contraddice in nulla la teologia. Sono cosciente che l’attuale Magistero non la pensa così, ma la teologia, come io la capisco nella sua profondità, non è in contraddizione».

Recentemente è scesa anche in politica, vicina all’estrema sinistra catalana, dicendo che questo suo impegno è coerente con i principi di Papa Francesco rispetto all’impegno verso i poveri. Auspica una netta separazione fra Chiesa e Stato e ha dichiarato che “ci rendiamo conto di quello che ha detto il Card. Martini prima di morire sul fatto che la Chiesa Cattolica ha un ritardo di 200 anni nelle sue strutture”.

Nel 2009 il Card. Rodè, allora prefetto della Congregazione vaticana dei religiosi, intervenne chiedendo alla Forcades di esprimere pubblicamente la sua adesione alla dottrina della Chiesa. La suora rispose con un articolo sulla rivista Foc Nou dicendo che rispettava il Magistero, ma aveva il diritto di esprimere opinioni contrarie ad esso. E poi? Da Roma ci si aspettava qualche intervento deciso e chiarificatore, ma, ad oggi, nulla. Mentre la benedettina continua a portare in giro per il mondo le sue “gravi contraddizioni con l’insegnamento della Chiesa”.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • L’intervento dell’Arcivescovo Crepaldi su Noa Pothoven e il “coscienzialismo” totalitario

      di Silvio Brachetta. Il «principio di autodeterminazione assoluta», di cui scrive Crepaldi, è collegato al primato del soggetto sull’oggetto, sul quale è intessuta gran parte della filosofia e della teologia moderna. Si tratta di un soggettivismo assoluto, che rovescia i dati del mondo reale sul capriccio della volontà, spesso sganciata dalla ragione. La coscienza, in questo quadro distorto, diventa l’ultimo orizzonte di significato: da luogo metafisico nel quale l’uomo ascolta la voce di Dio e la realizza, essa è trasformata dal soggetto in tribunale esclusivo della volontà umana, che stabilisce cosa sia bene e male sulla base di un desiderio cieco, a prescindere da qualsiasi rivelazione o riferimento trascendente Leggi il seguito…

    • Radio Radicale, la solita truffa ideologica

      di Riccardo Cascioli. Come era prevedibile alla fine i fondi statali per Radio Radicale sono arrivati, grazie anche ai voti della Lega e con il plauso di molti cattolici che contano. Una scelta scriteriata che premia il parassitismo e la cultura della morte. Ed Emma Bonino presenta subito il conto alla Chiesa. Leggi il seguito…

    • Processo ai magistrati

      di Marcello Veneziani. Al di là dei singoli casi e delle specifiche responsabilità, quali sono i mali della magistratura? A parte i mali storici, la quantità impressionante di reati impuniti, le lungaggini dei processi, gli intrecci con la politica, il protagonismo malato dei magistrati e la loro sete di vetrina, non solo politica e mediatica ma anche letteraria e cinematografica, potremmo riassumerli in alcuni filoni Leggi il seguito…

    • Cari partiti, sveglia! Questa è l’occasione perfetta per una riforma della giustizia

      di Centro Studi Livatino. Parla Mantovano, magistrato ed ex parlamentare: “stupirsi è da ipocriti, ma adesso si può finalmente parlare di separazione delle carriere e del riordino di cui la categoria ha bisogno”. Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.