Sr. Teresa Forcades, benedettina e femminista in giro per il mondo

A leggere certi scritti di Suor Teresa Forcades, benedettina spagnola, c’è da chiedersi cosa aspettano gli eminentissimi prelati della Congregazione per gli istituti di vita consacrata e le società di vita apostolica, Card. Braz de Aviz e Mons. Carballo, ad intervenire per fare un po’ di chiarezza.

Intanto ci ha pensato il Vescovo ausiliare di Lisbona. La Forcades, infatti, è attesa nei prossimi giorni in Portogallo per presentare i suoi libri e Mons. Nuno Bras ha ricordato che la sorella “non ha diritto di affermare che le sue opinioni personali sono parte della fede ricevuta dagli Apostoli (…) E io – aggiunge il Vescovo – come successore degli apostoli ho il dovere di dirlo chiaramente.”

Non è la prima volta che i Vescovi in giro per il mondo intervengono per allertare i fedeli sul contenuto dei libri della Forcades. Lo scorso agosto l’Arcivescvo di Lima, Card. Cipriani, lo ha fatto in modo deciso. Ha impedito che Suor Teresa partecipasse ad un seminario organizzato dalla CONFER peruviana, nientedimeno che la “Conferenza dei Superiori e della Superiore religiose”. Il prelato ha preso carta e penna e ha scritto alla Presidente della Confer per ricordarle che “l’esposizione mediatica” della Forcades “in diverse materie “mostra una grave contraddizione con l’insegnamento della Chiesa su questioni fondamentali come ad esempio nella morale”.

Citando il diritto canonico ai canoni 381, 391, 756 e 678, Cipriani ha fatto valere la sua autorità di Vescovo diocesano non autorizzando la Forcades a partecipare al seminario. Sarebbe auspicabile che questa chiarezza fosse tenuta in tutte le diocesi del mondo, non tutti i Vescovi, infatti, esercitano in modo così preciso il loro ruolo di pastori a guida del gregge. Per restare al caso di suor Teresa sono diverse le diocesi dove ha potuto parlare tranquillamente senza alcun intervento dell’autorità ecclesiastica.

Ma quali sono le posizioni della suora catalana in “grave contraddizione con l’insegnamento della Chiesa?” E’ presto detto: femminista, giustifica l’aborto, è favorevole al matrimonio omosessuale, vorrebbe che tutte le donne potessero usufruire liberamente della pillola del giorno dopo. A proposito dell’aborto ha dichiarato: “Se Dio ha posto nelle mani della madre la vita del feto, noi non siamo nessuno per intervenire.”

Suor Forcades, che è stata anche Vicepresidente dell’Associazione europea delle ricercatrici in teologia, ha dichiarato che la teologia«o è liberazione o non è teologia. O è femminista – nel senso di una identità per uomini e per donne a immagine di Dio non incasellata in nessuno stereotipo – o non è teologia». Da questo punto di vista abbastanza fumoso la suora fa discendere la considerazione che “il matrimonio omosessuale non contraddice in nulla la teologia. Sono cosciente che l’attuale Magistero non la pensa così, ma la teologia, come io la capisco nella sua profondità, non è in contraddizione».

Recentemente è scesa anche in politica, vicina all’estrema sinistra catalana, dicendo che questo suo impegno è coerente con i principi di Papa Francesco rispetto all’impegno verso i poveri. Auspica una netta separazione fra Chiesa e Stato e ha dichiarato che “ci rendiamo conto di quello che ha detto il Card. Martini prima di morire sul fatto che la Chiesa Cattolica ha un ritardo di 200 anni nelle sue strutture”.

Nel 2009 il Card. Rodè, allora prefetto della Congregazione vaticana dei religiosi, intervenne chiedendo alla Forcades di esprimere pubblicamente la sua adesione alla dottrina della Chiesa. La suora rispose con un articolo sulla rivista Foc Nou dicendo che rispettava il Magistero, ma aveva il diritto di esprimere opinioni contrarie ad esso. E poi? Da Roma ci si aspettava qualche intervento deciso e chiarificatore, ma, ad oggi, nulla. Mentre la benedettina continua a portare in giro per il mondo le sue “gravi contraddizioni con l’insegnamento della Chiesa”.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Patria, il Comando che sfida l’ubriacatura globalista

      di Stefano Fontana. Perché la politica crede che lo Stato-nazione sia superato da una globalizzazione inarrestabile e così facendo condanna se stessa? A questo problema è dedicato l’XI Rapporto sulla Dottrina sociale della Chiesa nel Mondo dell’Osservatorio Cardinale Van Thuân. La nazione si configura come “patria” proprio perché ha le radici nei “padri” e Giovanni Paolo diceva che il dovere verso la patria deriva dal quarto comandamento: Onora il padre e la madre. Ecco perché è necessario un recupero di fronte all’attuale ubriacatura di forzato globalismo. Leggi il seguito…

    • Il tramonto di Giuseppi

      di Frodo. Un inno alla presentabilità che non è bastato: Giuseppe Conte, tra qualche settimana, potrebbe dover fare i conti con un giudizio simile a questo. Il chiacchiericcio retroscenista che limita per sentenza politologica la durata di un governo, di solito, tende ad allungare la vita dello stesso esecutivo. È una regola non scritta del giornalismo: quando si vuole fare un piacere ad un politico, bisogna darlo per politicamente morto. Chiedere, per maggiori informazioni, a Silvio Berlusconi. Ecco perché dare Conte per spacciato non conviene ad un centrodestra che bene farebbe, invece, a pensare a riorganizzarsi come una vera coalizione. Il respiro giallorosso però rimane corto. Come abbiamo già avuto modo di far notare, i nodi stanno inesorabilmente venendo al pettine. Leggi il seguito…

    • Una tolleranza totalitaria. Antologia da BXVI

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. In un recente articolo ho sostenuto che l’intervento di Mattarella e Conte in occasione della Giornata mondiale del 17 maggio scorso contro l’omofobia e la transfobia [a cui è stata aggiunta anche la bifobia (!)] usa il principio di tolleranza per istituire un regime intollerante, cioè autoritario, cioè totalitario. In questo articolo dicevo, tra l’altro: “La tolleranza assoluta è intollerante perché deve vietare di pensare che non tutto si debba tollerare”.  E aggiungevo: “Uno Stato che non conosce il limite fa paura. Uno Stato che sa dire tanti no, ma non quelli giusti, fa paura”. Leggi il seguito…

    • Nella confusione coronavirus, un confuso genitore cattolico

      di Amedeo Rossetti. Tavolo di Lavoro sul dopo-coronavirus Quando Siena nel 1400 fu colpita dalla peste, anche molti medici ed infermieri si ammalarono e morirono. San Bernardino aveva 20 anni ed insieme ai compagni della Confraternita dei Disciplinati nella quale era entrato, Bernardino si offrì come volontario, adoperandosi nell’assistenza agli appestati per quattro mesi, fino all’inizio dell’inverno, quando la pestilenza cominciò e regredire; passò successivamente quattro mesi tra la vita e la morte, essendo rimasto pure lui contagiato, ma poi guarì. Leggi il seguito…