Sr. Teresa Forcades, benedettina e femminista in giro per il mondo

A leggere certi scritti di Suor Teresa Forcades, benedettina spagnola, c’è da chiedersi cosa aspettano gli eminentissimi prelati della Congregazione per gli istituti di vita consacrata e le società di vita apostolica, Card. Braz de Aviz e Mons. Carballo, ad intervenire per fare un po’ di chiarezza.

Intanto ci ha pensato il Vescovo ausiliare di Lisbona. La Forcades, infatti, è attesa nei prossimi giorni in Portogallo per presentare i suoi libri e Mons. Nuno Bras ha ricordato che la sorella “non ha diritto di affermare che le sue opinioni personali sono parte della fede ricevuta dagli Apostoli (…) E io – aggiunge il Vescovo – come successore degli apostoli ho il dovere di dirlo chiaramente.”

Non è la prima volta che i Vescovi in giro per il mondo intervengono per allertare i fedeli sul contenuto dei libri della Forcades. Lo scorso agosto l’Arcivescvo di Lima, Card. Cipriani, lo ha fatto in modo deciso. Ha impedito che Suor Teresa partecipasse ad un seminario organizzato dalla CONFER peruviana, nientedimeno che la “Conferenza dei Superiori e della Superiore religiose”. Il prelato ha preso carta e penna e ha scritto alla Presidente della Confer per ricordarle che “l’esposizione mediatica” della Forcades “in diverse materie “mostra una grave contraddizione con l’insegnamento della Chiesa su questioni fondamentali come ad esempio nella morale”.

Citando il diritto canonico ai canoni 381, 391, 756 e 678, Cipriani ha fatto valere la sua autorità di Vescovo diocesano non autorizzando la Forcades a partecipare al seminario. Sarebbe auspicabile che questa chiarezza fosse tenuta in tutte le diocesi del mondo, non tutti i Vescovi, infatti, esercitano in modo così preciso il loro ruolo di pastori a guida del gregge. Per restare al caso di suor Teresa sono diverse le diocesi dove ha potuto parlare tranquillamente senza alcun intervento dell’autorità ecclesiastica.

Ma quali sono le posizioni della suora catalana in “grave contraddizione con l’insegnamento della Chiesa?” E’ presto detto: femminista, giustifica l’aborto, è favorevole al matrimonio omosessuale, vorrebbe che tutte le donne potessero usufruire liberamente della pillola del giorno dopo. A proposito dell’aborto ha dichiarato: “Se Dio ha posto nelle mani della madre la vita del feto, noi non siamo nessuno per intervenire.”

Suor Forcades, che è stata anche Vicepresidente dell’Associazione europea delle ricercatrici in teologia, ha dichiarato che la teologia«o è liberazione o non è teologia. O è femminista – nel senso di una identità per uomini e per donne a immagine di Dio non incasellata in nessuno stereotipo – o non è teologia». Da questo punto di vista abbastanza fumoso la suora fa discendere la considerazione che “il matrimonio omosessuale non contraddice in nulla la teologia. Sono cosciente che l’attuale Magistero non la pensa così, ma la teologia, come io la capisco nella sua profondità, non è in contraddizione».

Recentemente è scesa anche in politica, vicina all’estrema sinistra catalana, dicendo che questo suo impegno è coerente con i principi di Papa Francesco rispetto all’impegno verso i poveri. Auspica una netta separazione fra Chiesa e Stato e ha dichiarato che “ci rendiamo conto di quello che ha detto il Card. Martini prima di morire sul fatto che la Chiesa Cattolica ha un ritardo di 200 anni nelle sue strutture”.

Nel 2009 il Card. Rodè, allora prefetto della Congregazione vaticana dei religiosi, intervenne chiedendo alla Forcades di esprimere pubblicamente la sua adesione alla dottrina della Chiesa. La suora rispose con un articolo sulla rivista Foc Nou dicendo che rispettava il Magistero, ma aveva il diritto di esprimere opinioni contrarie ad esso. E poi? Da Roma ci si aspettava qualche intervento deciso e chiarificatore, ma, ad oggi, nulla. Mentre la benedettina continua a portare in giro per il mondo le sue “gravi contraddizioni con l’insegnamento della Chiesa”.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • I Paesi frugali, l’Italia e la bellezza delle cicale

      di Roberto Marchesini. Recovery Fund, al danno dei pochi spiccioli, si unisce la beffa: l’Italia, insieme ai Paesi mediterranei, è stata additata dal club dei «frugali» con lo sprezzante epiteto di «cicala». Eppure, le cicale impiegano il tempo nel canto, che è armonia e quindi riflesso dell’ordine dell’universo. L’Ue ci vorrebbe tutti formiche, ma sicuri che non sia solo invidia? Leggi il seguito…

    • La Raggi scatta, ma il MoVimento è già finito

      di Frodo. Virginia Raggi ha rotto gli indugi, affermando in almeno due occasioni in poche ore (a Il Foglio e alla sua maggioranza) di voler correre di nuovo per la poltrona di primo cittadino della capitale. L’incubo dei romani potrebbe non essere terminato. Leggi il seguito…

    • La dittatura a sorteggio, il Paese a caso

      di Marcello Veneziani. In effetti aveva ragione lui, Giuseppe Conte. Passerà alla storia. L’Italia sarà un caso da studiare, unico, speciale, da manuale. Abbiamo inventato un modello senza precedenti: un regime monocratico, para-dispotico, semi-dittatoriale, in cui l’uomo solo al comando, l’autocrate, non è un dittatore venuto da un golpe militare, non è il capo di un partito o un movimento che conquista il potere, non è un duce salito su dal popolo che marcia sulla capitale e dispone di un consenso popolare e una milizia agguerrita, non è il discendente di una dinastia che decide di incoronarsi monarca assoluto, non è un tecnocrate andato al potere come Massimo Esperto che poi sospende la democrazia per governare coi pieni poteri e non è nemmeno il viceré, il proconsole, il governatore insediato da una potenza straniera alla guida di un paese colonizzato. Leggi il seguito…

    • I bonuscratici tirano 600 euro di monetine addosso alla democrazia

      di Frodo. Il problema non è che cinque parlamentari abbiano richiesto uno dei tanti bonus predisposti dall’esecutivo Conte in questa dissennata gestione della crisi-economico sociale. Partiamo col dire questo. Il problema, semmai, è che il Parlamento – quello che i grillini vorrebbero ridotto all’osso a mezzo referendum, con non pochi problemi prospettici di rappresentanza e rappresentatività per il territorio italiano ed i cittadini – è diventato una pesca delle occasioni. Un luogo cui ambire per sistemarsi. La cultura politica è svanita dall’Italia, e chi anima le sorti della nostra Repubblica può non possedere nel suo background un minimo di etica civile. Dobbiamo farcene una ragione. Leggi il seguito…