Le calunnie contro padre Stefano Manelli

Tempo addietro intervenni, in modo piuttosto rude, sulla vicenda Francescani dell’Immacolata, denunciando su La Nuova Bussola il comportamento di padre Alfonso Bruno. Un frate che calunnia, sostenni, che diffonde e sparge veleni su altre persone, ingiustamente, non può essere la persona adatta a mediare all’interno di una congregazione: non può essere la persona giusta per sistemare i mali di una congregazione, quali che essi siano (cioè piccoli, come credono in tanti, o grandi, immensi, come padre Bruno ha sempre sostenuto, con l’ausilio, però, di qualche bugia di troppo). Padre Alfonso Bruno rispose senza assolutamente fare cenno alle mie affermazioni, ma parlando d’altro. Fu una conferma. Rafforzata dal modo con cui padre Bruno ha continuato a difendere i dati fasulli, da lui divulgati, e dagli insulti feroci pubblicati sul suo sito ai danni di chi aveva solo fatto notare le incongruenze.

Nel frattempo casa è successo? Padre Stefano Manelli si è chiuso in obbediente silenzio: come doveva fare. Come non dubitavo che un uomo di fede e di obbedienza come lui avrebbe fatto. Del resto lo aveva sempre detto e scritto: si sta con il papa, si obbedisce al papa.

Nel suo libro sul mese di maggio, “Maggio, mese di Maria”, scritto molti e molti anni fa, proprio parlando dell’obbedienza, Manelli scriveva quasi profeticamente: “Quando sant’Alfonso de’ Liguori, vecchio ottantenne, venne calunniato da uno dei suoi figli, e fu espulso dalla Congregazione dallo stesso papa, egli, il grande, l’appassionato, l’innamorato difensore del papa, superava lo strazio mortale gridando a se stesso con la fronte a terra, ai piedi dell’altare: “Il papa ha ragione, il papa ha ragione…”. Questa è l’obbedienza che crocifigge, come crocifisse Gesù alla croce” (Casa Mariana editrice, 1999, p.166).

Oggi, dicevo, padre Manelli è costretto a risiedere a Cassino, e la congregazione da lui fondata è nelle mani di chi, per usare un eufemismo, non lo apprezza, e non apprezza nessuno dei suoi più stretti collaboratori (per i quali è stato decretato, per lo più, l’allontanamento dall’Italia). Padre Stefano tace, e sopporta…benché l’ordine non arrivi dal papa, ma dalla Congregazione dei religiosi…

Accade però che non pochi laici si interessino, si informino, chiedano: “che ne è di padre Stefano?” Un ordine senza il suo fondatore, infatti, fa un po’ specie.

La risposta che ho sentito, io stesso, è la più varia: “ormai capisce poco”; “è ostaggio di alcuni” (non si capisce bene di chi); “ha fatto, poveretto, tanti e tanti errori…”. La cosa più grave è che si lascia intendere, da parte di qualcuno, che questi errori siano enormi, indicibili: “Sai, non posso dire tutto…”. La calunnia e la maldicenza funzionano così: basta far balenare un sospetto, non c’è bisogno di dire di più… così si incrina o distrugge l’immagine di una persona, anche agli occhi di chi la aveva tanto stimata.

Però, accade molto di più. Recentemente un laico si è avvicinato a padre Alfonso Bruno, chiedendogli assicurazioni su padre Stefano, sul suo carisma, sul mantenimento dello stesso all’interno dei Francescani dell’Immacolata. La risposta è stata nello stile di padre Bruno: dire e non dire, far capire che padre Stefano sta facendo qualcosa di terribile… in buona fede, certo…ma di terribile…

Padre Alfonso è un giornalista, un tipo loquace: sa mettere in fila le parole; le spara a mitraglia; mette insieme cavoli e capre, e spaccia il tutto per una arringa inconfutabile di Cicerone.

Ho in mano quella conversazione ( e non solo). In essa il frate fa intendere all’ascoltatore che padre Manelli è parte nientemeno che di un tentativo di creare nella Chiesa uno…scisma!!

Afferma padre Bruno: “Allora aiutiamolo (padre Manelli, ndr) a stare in comunione con la Chiesa. Perché Padre Stefano, nella sua buona fede, si è messo in un gioco più grande di Lui..”. Vediamo le prime parole: “aiutiamolo a stare nella Chiesa”. Ciò significa che padre Stefano è un border line, un eretico, un disobbediente, qualcuno che sta per uscire dalla Chiesa… Di più: “si è messo in un gioco più grande di lui”…

Un vero maestro: l’ascoltatore, 9 su 10, rimane basito. Perché più si sparano grosse, più, di solito, chi ascolta ci crede (per il meccanismo secondo il quale nessuno si immagina mai che il suo interlocutore stia mentendo, così di grosso, poi). E qual è il “gioco”?

Da vero affabulatore padre Alfonso tira fuori il quotidiano il Foglio, e inizia a leggere alcuni nomi, e a mescolare Giuliano Ferrara, de Mattei, alcuni articoli critici del papa comparsi sul Foglio, fino a formare un grande affresco complottistico in cui anche gli articoli contrari, comparsi sempre sul Foglio, come quello di Scandroglio (che invitava appunto a non criticare il papa in un certo modo, e con certi toni), sono pezzi dello stesso puzzle. Si fa tornare tutto, se si vuole.

Un puzzle nel quale padre Manelli sarebbe dunque complice, “in un gioco più grande di lui” (sa un po’ di accusa e un po’ di scusa: del resto bisogna convincere l’interlocutore, che di padre Manelli è un ammiratore), in cui stanno insieme Ferrara, Corrispondenza romana, la Lega nord, forse anche Totò e altri ancora:

una Chiesa scismatica, alla Lega Nord, una Chiesa autocefala, fa comodo. In nome di quale tradizione? Di quale tradizione? Giuliano Ferrara, che significa teocon americani … Roberto De Mattei, sono tutti scrittori di Corrispondenza Romana, Scandroglio, Matteo Rippa e compagnia cantando, li trovate tutti su Corrispondenza Romana…” (poco importa se Matteo Rippa non esiste, e si chiama Maurizio Crippa, è ciellino, non scrive su Corrispondenza romana (Cr), e il papa lo ha elogiato con un paginone intero, sempre sul Foglio; poco importa se Scandroglio non scrive su Cr e non ha mai criticato il papa; e poi “li trovate tutti su Corrispondenza romana” cosa significa? Mah…).

Finita qui? No, del gioco scismatico farebbe parte anche Magdi Allam, di cui padre Bruno conosce la moglie (è un dato che si dà all’ascoltatore, per dirgli: guarda che io so di cosa parlo, tu forse questi personaggioni non li conosci, ma io sì…): “..Magdi Allam si è indebitato di due milioni di euro, e questa gente qua glieli ha coperti. La moglie è la vera islamologa, Valentina Colombo, che è insegnante all’Università Europea, dove ho studiato io…”.

La conclusione, ai due che chiedevano lumi sul mantenimento del carisma del fondatore estromesso, e si sono sentiti raccontare la favola complottista, è questa:Vi dico solo questo che noi (come congregazione, ndr) ci siamo ficcati in questo gioco. Vogliamo aiutare Padre Stefano, aiutiamolo a stare in comunione con la Chiesa” (e cioè confinato a Cassino, con i suoi frati più vicini spediti in capo al mondo e umiliati). E’ per farlo stare in comunione, che ora comanda padre Alfonso!

Potrei fermarmi qui. Ma alcuni amici mi hanno già detto: “noi laici stiamone fuori. Cosa centriamo?” Non mi sembra un modo di ragionare da credenti, quanto da ignavi. Padre Pio, che padre Stefano ben conosceva, fu perseguitato dai confratelli e difeso dai laici… Sono uno che è stato calunniato, e che ora vede che il calunniatore ha fatto carriera, e sta calunniando il fondatore della sua congregazione. Dire la verità, in questo caso, non è uno sfogo, ma un dovere imposto dalla coscienza. Tutto qui. Un dovere verso il buon nome di un uomo estromesso da tutto, che  merita quantomeno di non essere calunniato di fronte a coloro che lo apprezzano e lo stimano.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Humanae Vitae, la questione sociale

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. Nei giorni scorsi ho presentato su la Nuova Bussola Quotidiana (vedi qui) il Dizionario su Sesso, amore e fecondità (Cantagalli 2019) dell’Istituto Giovanni Paolo II per le Scienze del Matrimonio e della Famiglia, curato da José Noriega. Il prof. Noriega aveva chiesto anche a me di scrivere una voce del Dizionario che riguardasse il rapporto tra la Humanae vitae e l’ambito politico dell’agire umano. Ne è uscita quindi la voce Humanae vitae: la questione sociale nella quale si segnala l’importanza del nesso tra la prospettiva dell’enciclica di Paolo VI e la Dottrina sociale della Chiesa. Pubblico ora qui sotto un breve stralcio della voce del Dizionario. Leggi il seguito…

    • Il Cardinale nigeriano Francis Arinze attacca Papa Bergoglio sull’immigrazione. Guerra aperta nel Gotha Vaticano. Il papa nero Arinze: “Basta con l’immigrazione”

      di Carlo Franza. Il cardinale Francis Arinze, ottantaseienne, è uno dei cardinali dell’ordine dei Vescovi ed è tra gli attuali 6 titolari delle Chiese suburbircarie di Roma. Così chiare le parole del Cardinale Arinze: “Gli europei devono smetterla di incoraggiare la partenza dei giovani africani. L’Africa ha bisogno di loro. Il miglior modo in cui i paesi dell’Europa e dell’America possono aiutare l’Africa non è incoraggiando i giovani a venire in Europa facendogli pensare all’Europa come un paradiso – un luogo dove il denaro cresce sugli alberi – ma aiutando i paesi da dove vengono…” Leggi il seguito…

    • Ci vogliono campo profughi dell’Europa

      di Riccardo Cascioli. La strana crisi di governo che si è aperta in Italia, a prescindere da come evolverà, una cosa l’ha comunque chiarita: c’è un potere che ha deciso che l’Italia deve diventare il campo profughi dell’Europa. Leggi il seguito…

    • L’inutile dialogo senza identità né verità

      di Peppino Zola. Tanta parte del mondo cattolico si sta riducendo a dire cose scontate, per lo più banali. Fra cui la necessità del dialogo. Che tipo di dialogo? Al Meeting di Rimini, ad esempio, si esclude l'argomento "fine vita" perché "troppo divisivo". In queste condizioni non è dialogo, ma condiscendenza.  Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.