Fondazione “Novae Terrae” e promozione dei diritti umani

di Anna Fusina

E’ stata recentemente costituita la Fondazione “Novae Terrae”, una istituzione che, nelle idee dei suoi fondatori, ha lo scopo di promuovere iniziative di approfondimento culturale e di ricerca sul tema dei diritti umani sotto il profilo giuridico, filosofico, antropologico, politico ed economico.

Ne parliamo con il Dott. Luca Volonté, Presidente della Fondazione  e Presidente onorario EPP-CD all’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa.

– Dott. Volonté, quando e perchè è stata costituita la Fondazione Novae Terrae?

Dott. Luca Volonté: La Fondazione Novae Terrae è stata costituita qualche anno fa, ma ora si rilancia. Lo scopo e la ragione sociale rimangono invariate: promuovere i diritti umani e sviluppare studi e collaborazioni internazionali e nazionali.
Devo ammettere che l’impegno al Consiglio d’Europa mi ha permesso di allargare orizzonti ed amicizie e rilanciare così l’idea di una Fondazione di servizio, sussidiaria, la chiamiamo noi: uno strumento che possa permettere un reale confronto tra coloro che già operano nella promozione e nella difesa di valori umani (in particolare, vita e dignità umana, famiglia, libertà religiosa e di educazione), affinché si possano scambiare ‘buone pratiche’, ma anche attivare azioni di ‘mutuo soccorso’.

La seconda caratteristica che vogliamo darci, nasce anch’essa dall’operosa pratica sviluppatasi all’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa ed è quella di unire in questa opera tutti coloro che guardano a questi diritti umani in modo univoco, anche se partono da diverse radici religiose: cristiani cattolici, ortodossi, evangelici, anglicani, musulmani, ebrei etc.

Non vogliamo stimolare dibattiti teologici, bensì pratiche operose per meglio promuovere questi diritti umani fondamentali violati e limitati in moltissimi Paesi del mondo, non solo nella nostra Europa.

– Quali sono gli obiettivi della Fondazione?

Dott. Luca Volonté: Vogliamo concentrare la nostra attenzione e le nostre azioni a questi quattro diritti umani fondamentali, nella loro ampia accezione: vita e dignità umana, famiglia, libertà religiosa e libertà/diritto alla libertà di educazione.

Essi ci appaiono oggi violati e fortemente limitati in molti paesi del mondo, perciò è urgente rilanciarli nella loro bellezza e efficacia con una lavoro che parta dall’amicizia operosa tra coloro che già fanno questo a livello nazionale ed internazionale. Non vogliamo sostituirci a nessuno, rispettiamo tutti e perciò vogliamo facilitare che i talenti di ciascuno siano messi a miglior frutto di molti.

– In che cosa si concentrerà l’attività della Fondazione “Novae Terrae”?

Dott. Luca Volontè: L’attività della Fondazione si concentrerà sulla promozione, organizzazione e finanziamento di conferenze, simposi, congressi, giornate di studio e iniziative culturali similari, procedendo alla pubblicazione dei relativi atti e documenti; si procederà, inoltre, alla cura e alla realizzazioni di indagini, disamine, ricerche, studi, scambi ed ogni altra forma di pubblicazione o iniziativa editoriale.

Si effettueranno seminari pubblici e ristretti solo ai membri del comitato scientifico e delle diverse accademie della fondazione, sponsorship e partnership negli avvenimenti internazionali su questi temi, creazione e sviluppo di networks diversi (parlamentari nazionali, reti internazionali, uomini cultura e mass media).
Molti guardano con grande attenzione a questo tentativo, spero che la loro fiducia sia un buon auspicio per la nostra opera che, ovviamente, abbiamo messo nelle mani della Provvidenza e della Madonna.

Con CitizenGo (http://www.citizengo.org) abbiamo una partnership efficace: loro sono i migliori protagonisti nel coinvolgere e sensibilizzare i cittadini tramite petizioni e strumenti di pressione via mail e social networks. Il loro lavoro internazionale e la loro comprovata esperienza e personale amicizia certamente saranno uno strumento importante per noi e  noi stessi forniremo loro un ampio appoggio.

Per approfondimenti: http://www.novaeterrae.eu/

Fonte: http://vitanascente.blogspot.it/

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • La vera fraternità oltre l’ideologia della fratellanza. Sulla conferenza di Stefano Fontana al Convegno “Poveri tutti”

      di Silvio Brachetta. Stefano Fontana, durante il convegno Poveri Tutti del 18 novembre scorso [qui], ha parlato sul tema “La vera fraternità oltre l’ideologia della fratellanza”. A seguito dell’enciclica Fratelli Tutti di Papa Francesco, Fontana si era già espresso sulla fratellanza [qui], come pure Silvio Brachetta in un articolo per l’Osservatorio [qui]. Fontana parla di due visioni della fraternità, a cominciare dall’avvento della modernità – cioè dall’Umanesimo e dal Rinascimento – che si sono imposte nella cultura e nella civiltà: la visione cattolica e la visione mondana. Leggi il seguito…

    • Francesco e la dottrina: i cambiamenti ci sono

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. Molti si interrogano se ci sia continuità tra la Dottrina sociale della Chiesa insegnata da papa Francesco e quella insegnata fino a Benedetto XVI. La Laudato si’ e la Fratelli tutti (ma anche l’esortazione Evangelii Gaudium) sono in linea con la Centesimus annus e la Caritas in veritate? La tendenza prevalente nei commentatori è di pensarle in continuità, sia perché spiace dover constatare che quanto i papi dicevano ieri oggi venga detto in modo diverso o addirittura negato, sia perché il criterio della “riforma nella continuità”, suggerito da Benedetto XVI nel 2005, viene adoperato spesso in modo largo. Così si sostiene che le eventuali discontinuità sono di ordine pastorale e non dottrinale e che come tali non impegnano l’autorità magisteriale del papa. Spesso però questa via altro non è che una scappatoia per aggirare il problema, dato che oggi i principali cambianti dottrinali avvengono proprio per via pastorale. Leggi il seguito…

    • Francesco, la proprietà privata e la Teologia della Liberazione che non piace a Ratzinger (ma piace alle élite mondialiste)

      di Vito de Luca. Dopo le ultime affermazioni di papa Francesco, in cui afferma, rivolto ai giudici di Africa e America Latina che si occupano di diritti sociali, che il diritto alla proprietà privata non è intoccabile – in quanto diritto secondario – appare difficile allontanare dal pontefice l’aura di esponente della Teologia della Liberazione. Un po’ di storia, tanto per intenderci meglio, su questo filone dottrinario, in quanto nulla viene dal nulla. Leggi il seguito…

    • Divorzio, la “conquista” che sfasciò famiglia e società

      di Gianfranco Amato. Non c'è nulla da festeggiare per i 50 anni della legge sul divorzio: ha costituito il primo passo della rivoluzione antropologica che stiamo tuttora vivendo. L’indissolubilità del matrimonio era la linea Maginot di quella società che era ancora in grado di mantenere e garantire una certa solidità. La profezia di Fanfani e gli utili idioti Dc grazie ai quali poi abbiamo avuto anche aborto, unioni gay e prossimamente anche legge sull'omotransfobia.  Leggi il seguito…