Errati revisionismi sui martiri anauniensi

 

Una delle caratteristiche positive di internet è che un articolo di quotidiano può non scadere nell’arco di un giorno. Lo si può trovare, se serve, anche a lunga distanza. Cercavo, qualche giorno orsono, documenti sui martiri anauniensi della Val di Non e mi sono imbattuto in un articolo di Marina Montesano, del 4/6/2001 su il Manifesto, dedicato ai primi cristiani, come persecutori, più che come perseguitati. Nel sottotitolo, la tesi: la religione cristiana si è affermata anche con la violenza, ad esempio tramite una “legislazione restrittiva o perfino inibitrice della libertà di coscienza”. Uno degli esempi riportati è proprio quello dei martiri anauniensi.

Scrive la Montesano: “Nel 397, all’indomani dei decreti con i quali Teodosio I aveva eletto il cristianesimo a unico culto di stato, i missionari Sisinnio, Martirio e Alessandro vengono inviati dal vescovo di Trento, Vigilio, nelle aree montane circostanti la città, e precisamente nella Val di Non. Qui cominciano a predicare a montanari che, con tutta evidenza, erano legati alle pratiche religiose tradizionali. Un giorno, alla fine di maggio, i tre assistono a un sacrificio di animali cui, stando al testo agiografico che racconta le vite dei tre, era stato costretto anche un neoconvertito: si trattava della festa degli Ambarvalia, un insieme di riti atti a favorire la fertilità delle messi; il culmine della cerimonia si raggiungeva con il sacrificio di un toro, una scrofa e una pecora che venivano prima condotti in processione tre volte attorno ai campi. Trattandosi di rituali strettamente legati alla vita stessa delle valli, peraltro piuttosto remote, i costumi locali dovevano aver risentito assai poco dei recenti provvedimenti legislativi sfavorevoli al culto pagano. I missionari cercano di impedire lo svolgimento della cerimonia sacra e i contadini, stanchi delle continue interferenze dei tre, li martirizzano: probabilmente sacrificando anch’essi alle divinità che avrebbero voluto abolire. Anche san Vigilio…avrebbe poi seguito i suoi missionari, finendo lapidato pochi anni piú tardi in Val Rendena per aver distrutto un simulacro di Saturno”. Detto questo l’autrice si chiede: “Martiri o persecutori?” E risponde: “Entrambe le cose, evidentemente ”.
Sisinio, Martirio, Alessandro e Vigilio, venerati dalla Chiesa come santi, furono davvero persecutori e violatori della “libertà di coscienza”?
Credo che, tenendo fissi i dati storici forniti dalla Montesano, con solo qualche aggiunta, si possa dire che le cose non stanno affatto così.
Già nell’Ottocento, lo storico trentino Barbacovi notava che gli uccisori dei martiri altro non fecero che difendere, in coscienza, una religione che essi “credevano giusta e che era stata comune pressoché a tutte le nazioni del mondo..”. Questa religione agraria era fondata sull’idea che “i sacrifici, l’offerta della vita di animali e, in casi estremi, di esseri umani” incrementasse “i processi vitali favorevoli all’uomo, cioè sostanzialmente l’agricoltura e l’allevamento”. All’epoca dei martiri anauniensi, dunque, i sacrifici, di animali e di uomini, vietati da tempo dagli imperatori cristiani, persistevano. In particolare rimaneva assai vivo il culto di Saturno: anche a lui venivano offerti roghi votivi nei quali si bruciavano animali e talora, come testimoniano le ricerche archeologiche e i resti di ossa umane, persone. Ebbene cosa accadde il 28 maggio 397? Che una famiglia di convertiti fu costretta dai pagani a sacrificare i propri animali a Cerere e Saturno, e ciò spinse i futuri martiri ad intervenire: Sisinio fu ucciso a freddo, all’indomani, con bastoni appuntiti; Martirio “venne a sua volta colpito e trafitto con i pali acuminati”; Alessandro, prelevato da una folla in preda agli eccessi delle libagioni e all’euforia delle trombe rituali, “fu legato con i compagni ormai cadaveri e trascinato con essi sino all’altare di Saturno dove fu bruciato, ancora vivo”, insieme ai defunti amici. A dimostrazione che il sacrificio umano non era per nulla un lontano ricordo per la visione religiosa dei Reti dell’epoca (Gaetano Forni, Agricoltura e religione pre cristiana nell’Anaunia antica, Trento, 1998).
Quanto a Vigilio egli perdonò gli uccisori e chiese per loro la grazia all’imperatore Onorio, fedele alla sua linea pastorale (“Vincere, soccombendo”). In altra occasione gettò nel fiume Sarca una statuetta del dio Saturno, ottenendone in cambio, sembra, il martirio. Anche Vigilio, infatti, si era inimicato i pagani, accusandoli di praticare l’esposizione dei neonati (condannata dagli imperatori cristiani, ma lecita e assai diffusa nell’età pagana ed oltre), “plena luce”, proprio in occasione delle feste dello stesso Saturno, il dio che mangia i suoi figli, e che era, in Rezia, il corrispettivo del Baal fenicio, celebre proprio per la sua sete del sangue degli infanti (Luigi Pizzolato, Studi su Vigilio di Trento, Milano, 2002). Alla luce di questi fatti viene da chiedersi se non sarebbe meglio riconoscere che i martiri anauniensi furono perseguitati e non persecutori; civilizzatori e nemici della superstizione, uccisi in “buona fede”, ma è un po’ poco, da persone che praticavano credenze religiose inumane e incivili.
Il Foglio, 17 ottobre 2013

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • L’ombra dei pedofili e le strane carriere dei porporati gay tra le mura vaticane

      bergoglio_mccarrick di Riccardo Cascioli. Non basterà a papa Francesco la ormai certa riduzione allo stato laicale dell'ex cardinale statunitense Theodore McCarrick per calmare le acque e gestire a suo modo il vertice sugli abusi sessuali del clero convocato in Vaticano dal 21 al 24 febbraio prossimo, con la presenza dei presidenti delle Conferenze episcopali di tutto il mondo. Leggi il seguito… 

    • Tutti eredi di Sturzo. Ma c’è poco di cui rallegrarsi

      luigi_sturzo di Stefano Fontana. La statura morale e intellettuale di don Luigi Sturzo è indiscutibile, ma gli esiti di quel suo "appello ai liberi e forti" di cento anni fa sono tutt'altro che positivi: è iniziato allora il cammino di un progressivo distacco del criterio della fede dalla politica. Vedere oggi i tanti - anche di opposte visioni - che vogliono far rivivere quell'esperienza con nuovi appelli "ai liberi e forti" non può non lasciare perplessi. Leggi il seguito… 

    • ll ’68, sfida per i cattolici oggi. La lezione di Del Noce

      del-noce di Luca Del Pozzo. Tra le tante letture critiche di quel ‘68 che ha rappresentato, come ebbe a dire Benedetto XVI, una vera e propria “cesura storica”, un posto a parte merita quella di Augusto Del Noce. Tanto il marxismo quanto la società tecnocratica quanto il ’68 ponevano quella per Del Noce era “la” questione innanzi alla quale i cattolici erano (e sono) chiamati a dire la loro: la questione antropologica. Leggi il seguito… 

    • “Ecco chi raccoglie l’eredità di don Luigi Sturzo…”

      luigi_sturzo di Federico Cenci. È passato un secolo da quando un giovane sacerdote siciliano, don Luigi Sturzo, pronunciò il celebre appello destinato a cavare una massiccia sacca elettorale dalle paludi del "non expedit". Dopo decenni in cui i cattolici italiani, su indicazione di Pio IX, avevano rifiutato lo Stato unitario e la partecipazione alle elezioni, il Partito Popolare Italiano offrì loro una forza in cui riconoscersi.  Della possibilità di tener viva l'eredità popolare e democristiana se ne discute oggi alla Camera, nel corso della conferenza “1919-2019. Popolari oggi, da Sturzo al nuovo millennio”. La relazione introduttiva è affidata a Gennaro Sangiuliano, direttore del Tg2. In Terris lo ha intervistato per conoscere uno dei diversi punti di vista sul tema Leggi il seguito… 

    Eventi

    Ancora nessun post.