Cara Boldrini, essere donna è bello!

Intervenendo al convegno su Donne e media al Senato, la presidente della Camera Laura Boldrini ha affermato: “Non può essere concepito normale uno spot in cui i bambini e il papà sono tutti seduti e la mamma serve a tavola. Guardate, merita una riflessione questo…”.

A sentire questa affermazione viene quasi da ridere, naturalmente per non piangere. La Boldrini, che ahinoi ricopre un ruolo di massima rilevanza nelle nostre istituzioni, altro non ha fatto che dare voce alle persone secondo le quali in Italia le donne sarebbero discriminate, sfruttate, sottomesse e vittime di un maschilismo dilagante.
Ma siamo sicuri che le cose stiano proprio così? Siamo veramente certi che il valore e la dignità delle donne siano determinati dalla possibilità di comportarsi in tutto e per tutto come gli uomini?

A uno sguardo attento e non accecato dall’ideologia, la risposta appare chiara. Le donne non hanno alcun interesse ad essere delle mere fotocopie degli uomini, semplicemente perché sono diverse e possono dare molto di più. Pretendere che una donna pensi e agisca come un uomo non equivale a valorizzarla, bensì a svilire la sua dignità intrinsecamente differente. Uomini e donne sono per natura diversi, molto prima che per motivi di ordine sociale e culturale.

Le donne trovano la loro piena realizzazione nell’accogliere, nell’ascoltare, nell’amare, nel servire, nel sacrificarsi per il bene dell’altro. Non è un caso se sono le donne ad avere il privilegio di portare in grembo un figlio: chiedere la stessa disponibilità all’accoglienza totale, al sacrificio, all’amore senza calcoli a un uomo non è possibile. Così come è raro trovare uomini che amino prendersi cura di persone anziane, genitori o meno che siano. E questo non per questione di bravura, bensì per motivazioni dettate – lo ripetiamo – dalla diversa natura di uomini e donne.

Tuttavia la società moderna vorrebbe che le donne si comportassero in maniera uguale agli uomini. E quindi vediamo tante donne che sacrificano la loro vita privata per fare carriera e che trascurano tutto pur di arrivare sempre più in alto… per poi svegliarsi a quarantacinque anni e scoprire che il tempo per fare un figlio è ormai passato, e crogiolarsi nei rimpianti.

Tante donne, se interrogate seriamente, non hanno nessuna difficoltà nel riconoscere che avere la possibilità di stare a casa a prendersi cura del proprio marito e dei propri figli non è affatto una perdita, anzi. Peccato solamente che oggigiorno uno stipendio raramente sia sufficiente per arrivare a fine mese.

La società deve moltissimo a tante donne che con amore e dedizione tengono insieme il proprio matrimonio e fanno tanti sacrifici per crescere al meglio i propri figli, i cittadini del domani. E, a conti fatti, queste azioni sono molto più importanti di tutte le manovre politiche e economiche, o di ogni decisione presa in qualsivoglia ambito lavorativo.

Le donne possono scimmiottare gli uomini senza alcuna difficoltà, ne hanno le capacità e forse in taluni campi conseguono risultati anche migliori rispetto ai maschi. Ma così facendo creano un vuoto laddove sono primariamente chiamate ad essere: la famiglia. Con tutte le conseguenze che questo comporta: separazioni, divorzi, aborti, inverno demografico, bullismo, droga… “Dietro un grande uomo c’è sempre una grande donna”, cita non a caso un famoso aforisma.

Qui il video con l’intervento della Boldrini:

http://video.repubblica.it/politica/boldrini-basta-spot-con-la-mamma-che-serve-la-famiglia-a-tavola/140871/139408

 

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Verità senza più diritti, così cambia la dottrina, cari pompieri

      di Stefano Fontana. Molti cattolici dicono che la richiesta di papa Francesco di riconoscere giuridicamente le coppie omosessuali non intacca la dottrina. Ma la frase non nega solo la dottrina sull’omosessualità, ma anche la dottrina del diritto e dell’autorità politica. I diritti della coppia omosessuale non esistono. A nessuno fa piacere dire che il Papa sbaglia su questioni di dottrina. Ma anche la verità ha i suoi diritti. Leggi il seguito…

    • Dopo il Papa, primi vescovi allo scoperto. Serve chiarezza

      di Luisella Scrosati. Le parole di Papa Francesco sulle coppie gay stanno facendo uscire allo scoperto i primi vescovi: «Sì alle adozioni», dice il vescovo Ricchiuti. La Congregazione per la Dottrina della Fede deve intervenire e mettere in fuga ogni dubbio, è il suo compito e c'è anche già un precedente. L’errore di una possibile accettazione da parte della Chiesa delle unioni civili è stato diffuso dal Papa e ora è necessario fare chiarezza. La richiesta della Bussola.  Leggi il seguito…

    • Marcello Pera: “Così Bergoglio ci manda tutti a fondo”

      L'ex presidente del Senato commenta le frasi del Papa sugli omosessuali: “Francesco laicizza la chiesa, si adegua a un caposaldo del pensiero secolare odierno" “Che due omosessuali si uniscano in una relazione non semina scandalo. Si tratta di un rapporto di amore, amicizia, reciproco sostegno, che non deve essere discriminato e ancor meno penalizzato”. Marcello Pera, già presidente del Senato, intellettuale laico che per anni ha dialogato con Joseph Ratzinger, commenta con il Foglio le frasi di Papa Francesco sugli omosessuali contenute nel documentario presentato ieri alla Festa del Cinema di Roma. “Però – puntualizza – se questa unione si chiama ‘famiglia’, allora è un matrimonio, e se è un matrimonio, oltre che un sacramento, è un contratto che gode di tutti i diritti connessi, compreso quello ad avere figli, che nel caso di omosessuali si può soddisfare solo con l’utero in affitto”. Leggi il seguito…

    • Francesco non parlava dei gay ma del loro “diritto al figlio”. Ed è molto peggio

      di Idefix. In un certo senso è vero: papa Francesco non ha detto quello che molti pensano abbia voluto dire. Purtroppo ha detto molto di peggio. Non si tratta “soltanto” dell’invito al riconoscimento giuridico delle unioni omosessuali, fatto già abbastanza clamoroso per un Pontefice. Tantomeno si tratta del riferimento ai diritti individuali delle persone conviventi, indipendentemente dalla natura del loro rapporto: una legge del genere verrebbe approvata in cinque minuti all’unanimità. Men che mai le incaute dichiarazioni rilanciate dal documentario presentato in queste ore possono essere derubricate come una preoccupazione per il diritto degli omosessuali a non essere rifiutati dalla propria famiglia d’origine (ci mancherebbe). Leggi il seguito…