Antigoni anti Femen

di Eleonora Lorusso  (Panorama)

Dall’Ucraina alla Francia, la proteste delle giovani donne contro l’uso dell’immagine femminile cambia non solo Paese, ma anche veste. Letteralmente, visto che le Antigoni, come si sono autobattezzate, non sono affatto a seno nudo e non protestano con manifestazioni eclatanti nelle piazze di mezzo mondo. Al contrario, vestono dei casti e bianchi abiti che ricordano da vicino quelle delle antiche greche. Non si tratta, però di un movimento, come chiariscono loro, dal proprio sito in francese . Sono piuttosto un gruppo di “donne, senza alcuna implicazione politica”, che vogliono rivendicare “la dignità delle donne, che non ha niente a che vedere con l’esibizionismo e l’isteria“, come spiegano con chiari riferimenti alle Femen.

E infatti per far sentire la propria la voce hanno deciso di darsi appuntamento proprio sotto la sede parigina delle “femministe a seno nudo”. “Noi ci opponiamo alle Femen – hanno annunciato – che, come cani da guardia, sono agli ordini di un’ideologia che mina le fondamenta della nostra società e si fa beffe dei nostri valori”. Contrarie ai matrimoni gay, il loro vero obiettivo a confutare le tesi (e le clamorose manifestazioni) delle Femen, perché quel movimento “minaccia anche la dignità delle donne, volendo far credere che è da nude che esprimiamo il meglio” si legge in una nota.

Come se non bastassero le voci che circolano da mesi sulla presunta “regia” occulta che sta dietro al movimento nato in Ucraina , che sarebbe manipolato da un uomo, una delle Antigoni ha anche raccontato di essersi “infiltrata” tra le Femen, fornendo un rapporto molto critico: Iseul – come si fa chiamare l’attivista che è entrata a far parte in incognito delle Femen – ha raccontato come le giovani attiviste altro non sono che delle “semplici pedine intrappolate e reclutate da attiviste straniere e ricchi leader, che vogliono imporre valori che non sono naturali per la nostra società”. Insomma, un quadro poco differente da quelle fornito da una giornalista che lo scorso anno finse anche lei di voler entrare a far parte del gruppo delle Femen.

Dal canto loro le attiviste “a seno nudo” non smentiscono le accuse che vengono loro rivolte. Mentre diffondono le immagini dei loro allenamenti di boxe in palestra , in vista delle proteste di piazza, si limitano a dire di essere state minacciate da un centinaio di sedicenti neonazisti, che avrebbero voluto prendere d’assalto la loro sede parigina, ma sarebbero stati respinti dal massiccio dispiegamento di forze di polizia in assetto antisommossa. Del presunto assalto (poi smentito dalle stesse Femen su Twitter), però, non c’è stata traccia. Difficile che abbiano potuto scambiare le “eteree” vesti delle Antigoni per le divise dei poliziotti, dunque sulla querelle tutta al femminile resta (per ora) il mistero.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Verità senza più diritti, così cambia la dottrina, cari pompieri

      di Stefano Fontana. Molti cattolici dicono che la richiesta di papa Francesco di riconoscere giuridicamente le coppie omosessuali non intacca la dottrina. Ma la frase non nega solo la dottrina sull’omosessualità, ma anche la dottrina del diritto e dell’autorità politica. I diritti della coppia omosessuale non esistono. A nessuno fa piacere dire che il Papa sbaglia su questioni di dottrina. Ma anche la verità ha i suoi diritti. Leggi il seguito…

    • Dopo il Papa, primi vescovi allo scoperto. Serve chiarezza

      di Luisella Scrosati. Le parole di Papa Francesco sulle coppie gay stanno facendo uscire allo scoperto i primi vescovi: «Sì alle adozioni», dice il vescovo Ricchiuti. La Congregazione per la Dottrina della Fede deve intervenire e mettere in fuga ogni dubbio, è il suo compito e c'è anche già un precedente. L’errore di una possibile accettazione da parte della Chiesa delle unioni civili è stato diffuso dal Papa e ora è necessario fare chiarezza. La richiesta della Bussola.  Leggi il seguito…

    • Marcello Pera: “Così Bergoglio ci manda tutti a fondo”

      L'ex presidente del Senato commenta le frasi del Papa sugli omosessuali: “Francesco laicizza la chiesa, si adegua a un caposaldo del pensiero secolare odierno" “Che due omosessuali si uniscano in una relazione non semina scandalo. Si tratta di un rapporto di amore, amicizia, reciproco sostegno, che non deve essere discriminato e ancor meno penalizzato”. Marcello Pera, già presidente del Senato, intellettuale laico che per anni ha dialogato con Joseph Ratzinger, commenta con il Foglio le frasi di Papa Francesco sugli omosessuali contenute nel documentario presentato ieri alla Festa del Cinema di Roma. “Però – puntualizza – se questa unione si chiama ‘famiglia’, allora è un matrimonio, e se è un matrimonio, oltre che un sacramento, è un contratto che gode di tutti i diritti connessi, compreso quello ad avere figli, che nel caso di omosessuali si può soddisfare solo con l’utero in affitto”. Leggi il seguito…

    • Francesco non parlava dei gay ma del loro “diritto al figlio”. Ed è molto peggio

      di Idefix. In un certo senso è vero: papa Francesco non ha detto quello che molti pensano abbia voluto dire. Purtroppo ha detto molto di peggio. Non si tratta “soltanto” dell’invito al riconoscimento giuridico delle unioni omosessuali, fatto già abbastanza clamoroso per un Pontefice. Tantomeno si tratta del riferimento ai diritti individuali delle persone conviventi, indipendentemente dalla natura del loro rapporto: una legge del genere verrebbe approvata in cinque minuti all’unanimità. Men che mai le incaute dichiarazioni rilanciate dal documentario presentato in queste ore possono essere derubricate come una preoccupazione per il diritto degli omosessuali a non essere rifiutati dalla propria famiglia d’origine (ci mancherebbe). Leggi il seguito…