Antigoni anti Femen

di Eleonora Lorusso  (Panorama)

Dall’Ucraina alla Francia, la proteste delle giovani donne contro l’uso dell’immagine femminile cambia non solo Paese, ma anche veste. Letteralmente, visto che le Antigoni, come si sono autobattezzate, non sono affatto a seno nudo e non protestano con manifestazioni eclatanti nelle piazze di mezzo mondo. Al contrario, vestono dei casti e bianchi abiti che ricordano da vicino quelle delle antiche greche. Non si tratta, però di un movimento, come chiariscono loro, dal proprio sito in francese . Sono piuttosto un gruppo di “donne, senza alcuna implicazione politica”, che vogliono rivendicare “la dignità delle donne, che non ha niente a che vedere con l’esibizionismo e l’isteria“, come spiegano con chiari riferimenti alle Femen.

E infatti per far sentire la propria la voce hanno deciso di darsi appuntamento proprio sotto la sede parigina delle “femministe a seno nudo”. “Noi ci opponiamo alle Femen – hanno annunciato – che, come cani da guardia, sono agli ordini di un’ideologia che mina le fondamenta della nostra società e si fa beffe dei nostri valori”. Contrarie ai matrimoni gay, il loro vero obiettivo a confutare le tesi (e le clamorose manifestazioni) delle Femen, perché quel movimento “minaccia anche la dignità delle donne, volendo far credere che è da nude che esprimiamo il meglio” si legge in una nota.

Come se non bastassero le voci che circolano da mesi sulla presunta “regia” occulta che sta dietro al movimento nato in Ucraina , che sarebbe manipolato da un uomo, una delle Antigoni ha anche raccontato di essersi “infiltrata” tra le Femen, fornendo un rapporto molto critico: Iseul – come si fa chiamare l’attivista che è entrata a far parte in incognito delle Femen – ha raccontato come le giovani attiviste altro non sono che delle “semplici pedine intrappolate e reclutate da attiviste straniere e ricchi leader, che vogliono imporre valori che non sono naturali per la nostra società”. Insomma, un quadro poco differente da quelle fornito da una giornalista che lo scorso anno finse anche lei di voler entrare a far parte del gruppo delle Femen.

Dal canto loro le attiviste “a seno nudo” non smentiscono le accuse che vengono loro rivolte. Mentre diffondono le immagini dei loro allenamenti di boxe in palestra , in vista delle proteste di piazza, si limitano a dire di essere state minacciate da un centinaio di sedicenti neonazisti, che avrebbero voluto prendere d’assalto la loro sede parigina, ma sarebbero stati respinti dal massiccio dispiegamento di forze di polizia in assetto antisommossa. Del presunto assalto (poi smentito dalle stesse Femen su Twitter), però, non c’è stata traccia. Difficile che abbiano potuto scambiare le “eteree” vesti delle Antigoni per le divise dei poliziotti, dunque sulla querelle tutta al femminile resta (per ora) il mistero.

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Il partito dei vescovi? Un tentativo velleitario

      bassetti di Stefano Fontana. Se ho capito bene, il Forum civico proposto dal cardinale Gualtiero Bassetti vorrebbe riunire attorno ad un tavolo, inteso naturalmente in senso metaforico, le varie realtà dell’associazionismo cattolico del nostro Paese. Vescovi divisi al loro interno su aspetti fondamentali circa la presenza pubblica dei cattolici convocano ad un “Forum civico” associazioni cattoliche divise tra loro e allo stesso loro interno su aspetti fondamentali circa la presenza pubblica dei cattolici. È evidente la sproporzione tra la proposta e le sue esigenze da un lato e la consapevolezza della posta in gioco dall’altro. Di solito i progetti con queste caratteristiche vengono chiamati velleitari Leggi il seguito… 

    • S’avanza il partito dei vescovi, ma sembra il Pd

      cei-assemblea-permanente di Riccardo Cascioli. Da settimane si fanno sempre più insistenti le voci di un tentativo di unire diverse associazioni cattoliche impegnate nel sociale per costituire una nuova formazione politica. Il cardinale Bassetti parla di partire con un forum di associazioni. Di sicuro c'è il programma: più Europa, più immigrati. Un film già visto e destinato al fallimento. Ma negli esempi proposti da Bassetti - Sturzo, De Gasperi, La Pira - si svelano le contraddizioni dei vescovi. Leggi il seguito… 

    • Macron perde pure in Libia. La Francia accetta il piano dell’Italia

      Conte e Haftar di Lorenzo Vita. Con l’arrivo di Khalifa Haftar a Roma, l’Italia ha messo a segno un colpo importante. Non è certo l’unico né l’ultimo, e non è probabilmente il principale. Ma è un segnale: ora il leader della Cirenaica ha a Roma il suo partner principale in Europa. E viceversa, l’Italia ha in Haftar un interlocutore in Libia, e questo dopo mesi in cui il maresciallo è stato forse uno dei principali antagonisti dei piani di Roma nel Paese nordafricano, come dimostrato non solo dai contatti con la Francia, ma anche con l’opposizione alla presenza dell’ambasciatore Giuseppe Perrone, adesso tornato nelle grazie del generale che anzi ne invoca il rientro in Libia. Leggi il seguito… 

    • Questionario omofobia, il ministro Bussetti blocca tutto

      bussetti PERUGIA – “Stop al test sul sesso”. Lo dice senza mezzi termini il ministro all’Istruzione Marco Bussetti, parlando dalle colonne Corriere dell’Umbria in merito al test sull’omofobia che in questi giorni sta facendo discutere ed è stato distribuito presso molte scuole. “Abbiamo parlato con l’Ufficio scolastico regionale – dice Bussetti – e i questionari sono fermi. Li abbiamo bloccati. Abbiamo chiesto di rivederne la formulazione e di cambiare le modalità di realizzazione del progetto”. Leggi il seguito…