Il femminismo travolto dal sesso e dal lavoro

Il femminismo è stato, e in parte è ancora, un movimento complesso e contraddittorio che si è speso per la difesa di certi diritti delle donne. Se volgiamo lo sguardo ai “favolosi” anni 60-70 sembra che le femministe però avessero solo un chiodo fisso: la sessualità come leva per ogni parità. 

Nel 1976 sulla rivista “Effe”, vero cult del mondo femminista, si poteva leggere che l’aspirazione era una sessualità “libera, attiva, (…) che dichiari le proprie eventuali “devianze”, che si confessi senza paure”. Come scriveva il Partito Radicale nel 1967 la “colpa” di questa mancata liberazione della sessualità era tutta della “società che spinge il suo autoritarismo fino a sindacare sul diritto dell’individuo a disporre liberamente del proprio corpo, a godere del piacere dei sensi.”

Da questo punto di vista si può affermare che i risultati sono stati raggiunti. Cosa resta, però, della dignità del corpo femminile dopo la liberazione sessuale auspicata 35 anni fa dalla rivista “Effe”? Le neo femministe che si scandalizzano di veline e bunga-bunga dovrebbero farsi qualche domanda.

Se spostiamo l’attenzione sulle battaglie per la parità nel lavoro sembra che i risultati siano molto meno convincenti, il divario è diminuito, ma solo per alcuni privilegiati.

Secondo uno studio appena pubblicato dall’Institute for Public Policy Research UK (IPPR), un think tank britannico di tendenza progressista, la parità è avanzata solo tra i professionisti di alto livello, ma non tra i lavoratori meno qualificati.
Secondo Dalia Ben-Galim, direttore associato dell’istituto che ha elaborato lo studio, si può trarre una conclusione chiara: “Il femminismo si è concentrato su donne altamente qualificate, e ha abbandonato le altre donne.” Per le altre, che si impegnano in lavori molto umili e faticosi, sembra essersi accontentato di fargli urlare “l’utero è mio e lo gestisco io!”, limitandosi alle “conquiste” della contraccezione, del divorzio e dell’aborto.

La dott.ssa Ben-Galim indica che le politiche di parità si sono preoccupate solo di rompere le limitazioni per le donne in carriera, e gli sforzi si sono concentrati a promuovere la loro presenza nei consigli di amministrazione delle grandi aziende.

Lo studio britannico mette in rilievo un altro aspetto drammaticamente attuale: il femminismo non è riuscito a promuovere la conciliazione tra famiglia e pari opportunità. Per Ben-Galim l’approccio alle politiche di parità non potrebbe essere più sbagliato: “Il genere ha ancora un forte impatto sulle prospettive salariali delle donne, ma la classe sociale, l’istruzione e l’ambiente di lavoro hanno un peso maggiore nello sviluppo della carriera “.

In particolare si rivela che la maternità è ancora il fattore più importante nel determinare l’evoluzione professionale delle donne. I dati non lasciano dubbi perchè le donne che hanno bambini prima della carriera hanno meno successo. Tra gli uomini succede il contrario, i genitori guadagnano di più rispetto ai loro coetanei senza figli. Osservando questi dati verrebbe da lasciarsi andare ad affermazioni politicamente molto scorrette: le culle si svuotano perchè le mamme lavorano. Dobbiamo dirlo piano però, per non turbare nessun benpensante, anche se poi qualcuno ci dovrà spiegare come faremo con la pensione quando i giovani saranno meno dei vecchi.

Permettetemi una piccola digressione di casa nostra. C’è chi vorrebbe Emma Bonino al Quirinale, una che il femminismo lo ha praticato attivamente, tanto da fare aborti con una pompa da bicicletta. Non entro nel merito delle sue qualità politiche, certamente il suo senso di responsabilità verso i bambini non mi convince molto. Anche quello verso le donne. (La Voce di Romagna, 10/04/2013)

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • La riserva indiana dei non garantiti

      di Claudio Togna. Del genocidio dei nativi americani conosciamo attraverso film e libri che hanno alimentato un’epopea dai tratti mitici la descrizione fattane dai vincitori ma poco conosciamo, se non da qualche tempo e grazie alle opere di qualche intellettuale coraggioso, della stessa storia vista dalla parte delle vittime così come loro l’hanno vissuta. Il dualismo, che ha portato ad un sostanziale genocidio, è stato tra due strutture archetipiche: l’uomo bianco civilizzato e con “garanzia di diritti” da un lato ed il nativo selvaggio e “non garantito” dall’altro. Leggi il seguito…

    • Sanità, vaccini e finalismo della natura

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. Chi desidera assumere la visione della Dottrina sociale della Chiesa per vedere la realtà e intervenire in modo adeguato su di essa, non può assumere la visione oggi prevalente del determinismo, ma quella propria della filosofia cristiana del finalismo. Leggi il seguito…

    • Aiuto, si è ristretta l’intelligenza

      di Marcello Veneziani. Ragazzi, si sta accorciando il Quoziente Intellettivo. L’intelligenza si restringe, il regresso colpisce le menti. E non si tratta di una tesi avanzata da reazionari antimoderni. Una denuncia di Cristophe Clavé ci ha messo la pulce nel cervello. “Il QI medio della popolazione mondiale era sempre aumentato – scrive lo studioso di strategie d’impresa- nell’ultimo ventennio è invece in diminuzione, a partire dai paesi più sviluppati”. Leggi il seguito…

    • Una fede senza compromessi. Appunti per la Chiesa

      di Alberto Maria Careggio*. «Se si pensasse di rivitalizzare la Chiesa italiana ispirandosi a quella tedesca sempre più attratta dal modello protestante, s’importerebbe un virus mortifero. Facinorosi avventurieri del "nuovo ad ogni costo" hanno distrutto tutto: Dio e l’uomo». In vista del Sinodo della Chiesa italiana, la Bussola ospita la riflessione del vescovo emerito di Sanremo, Alberto Maria Careggio. «La nostra epoca è tornata pagana, dovremmo riprendere la predicazione di San Paolo, che non faceva sconti a nessuno e non ha tradito Gesù con compromessi». Leggi il seguito…