Elezioni, Democratia Atea, satanista Marco Dimitri candidato in Lazio 2

 

 È al numero 7 della lista per la circoscrizione Lazio 2 del  partito Democrazia Atea che vede come capolista l’astrofisica di fama internazionale Margherita Hack. Lui è Marco Dimitri, satanista, presidente e fondatore dell’associazione culturale “Bambini di Satana”.

Atea e non credente in nessuna religione, la Hack non è nuova all’avventura politica, candidata in passato con il Partito dei Comunisti Italiani e con la Federazione della Sinistra, torna in campo ora con la nuova formazione di Democrazia Atea, movimento anticlericale fondato da Carla Crosetti e da Ciro Ferrati.

Come si legge nel suo statuto, Da è un “partito politico che si fonda sul principio di libertà dalla oppressione religiosa, sul principio di uguaglianza, sul principio delle pari condizioni, immune da pregiudizi e preconcetti politici, razziali, sociali e religiosi” e che si pone di “dare voce, con rappresentanze istituzionali, agli atei e agli agnostici e a tutte le minoranze penalizzate dalla oppressione religiosa in Italia e in Europa”.

Al fianco della Hack, nella circoscrizione Lazio 2 alla Camera dei Deputati concorrerà quindi anche Marco Dimitri, la cui fama è nota soprattutto per essere il presidente e fondatore di “Bambini di Satana” sin dal 1982 e per .

Dimitri si definisce “satanista razionalista“; nella descrizione del suo movimento si legge come “il satanismo che professiamo, studiamo, divulghiamo è puro, disinquinato: siamo gli eterni bambini. Bambini di Satana perché Satana è l’anti-morale par-excellence, tutto ciò che è stato castrato, nascosto, nel nome e nella violenza di false religioni e moralismi”.
Il destino di Marco Dimitri lo porta sulla strada della scienziata Margherita Hack nel 2007, quando diviene membro dell’Uaar – Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti – dove conosce l’astrofisica con cui adesso condividerà la nuova esperienza politica all’interno di Democrazia Atea.

Fonte:http://www.latinatoday.it/politica/elezioni/politiche-2013/marco-dimitri-satanista-candidato-democrazia-atea-lazio-2.html

Per saperne di più su Democrazia Atea, si veda questo link: http://giulianoguzzo.wordpress.com/2012/09/04/democrazia-atea-un-partito-tutto-da-ridere/

 

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • L’intervento dell’Arcivescovo Crepaldi su Noa Pothoven e il “coscienzialismo” totalitario

      di Silvio Brachetta. Il «principio di autodeterminazione assoluta», di cui scrive Crepaldi, è collegato al primato del soggetto sull’oggetto, sul quale è intessuta gran parte della filosofia e della teologia moderna. Si tratta di un soggettivismo assoluto, che rovescia i dati del mondo reale sul capriccio della volontà, spesso sganciata dalla ragione. La coscienza, in questo quadro distorto, diventa l’ultimo orizzonte di significato: da luogo metafisico nel quale l’uomo ascolta la voce di Dio e la realizza, essa è trasformata dal soggetto in tribunale esclusivo della volontà umana, che stabilisce cosa sia bene e male sulla base di un desiderio cieco, a prescindere da qualsiasi rivelazione o riferimento trascendente Leggi il seguito…

    • Radio Radicale, la solita truffa ideologica

      di Riccardo Cascioli. Come era prevedibile alla fine i fondi statali per Radio Radicale sono arrivati, grazie anche ai voti della Lega e con il plauso di molti cattolici che contano. Una scelta scriteriata che premia il parassitismo e la cultura della morte. Ed Emma Bonino presenta subito il conto alla Chiesa. Leggi il seguito…

    • Processo ai magistrati

      di Marcello Veneziani. Al di là dei singoli casi e delle specifiche responsabilità, quali sono i mali della magistratura? A parte i mali storici, la quantità impressionante di reati impuniti, le lungaggini dei processi, gli intrecci con la politica, il protagonismo malato dei magistrati e la loro sete di vetrina, non solo politica e mediatica ma anche letteraria e cinematografica, potremmo riassumerli in alcuni filoni Leggi il seguito…

    • Cari partiti, sveglia! Questa è l’occasione perfetta per una riforma della giustizia

      di Centro Studi Livatino. Parla Mantovano, magistrato ed ex parlamentare: “stupirsi è da ipocriti, ma adesso si può finalmente parlare di separazione delle carriere e del riordino di cui la categoria ha bisogno”. Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.