Elezioni, Democratia Atea, satanista Marco Dimitri candidato in Lazio 2

 

 È al numero 7 della lista per la circoscrizione Lazio 2 del  partito Democrazia Atea che vede come capolista l’astrofisica di fama internazionale Margherita Hack. Lui è Marco Dimitri, satanista, presidente e fondatore dell’associazione culturale “Bambini di Satana”.

Atea e non credente in nessuna religione, la Hack non è nuova all’avventura politica, candidata in passato con il Partito dei Comunisti Italiani e con la Federazione della Sinistra, torna in campo ora con la nuova formazione di Democrazia Atea, movimento anticlericale fondato da Carla Crosetti e da Ciro Ferrati.

Come si legge nel suo statuto, Da è un “partito politico che si fonda sul principio di libertà dalla oppressione religiosa, sul principio di uguaglianza, sul principio delle pari condizioni, immune da pregiudizi e preconcetti politici, razziali, sociali e religiosi” e che si pone di “dare voce, con rappresentanze istituzionali, agli atei e agli agnostici e a tutte le minoranze penalizzate dalla oppressione religiosa in Italia e in Europa”.

Al fianco della Hack, nella circoscrizione Lazio 2 alla Camera dei Deputati concorrerà quindi anche Marco Dimitri, la cui fama è nota soprattutto per essere il presidente e fondatore di “Bambini di Satana” sin dal 1982 e per .

Dimitri si definisce “satanista razionalista“; nella descrizione del suo movimento si legge come “il satanismo che professiamo, studiamo, divulghiamo è puro, disinquinato: siamo gli eterni bambini. Bambini di Satana perché Satana è l’anti-morale par-excellence, tutto ciò che è stato castrato, nascosto, nel nome e nella violenza di false religioni e moralismi”.
Il destino di Marco Dimitri lo porta sulla strada della scienziata Margherita Hack nel 2007, quando diviene membro dell’Uaar – Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti – dove conosce l’astrofisica con cui adesso condividerà la nuova esperienza politica all’interno di Democrazia Atea.

Fonte:http://www.latinatoday.it/politica/elezioni/politiche-2013/marco-dimitri-satanista-candidato-democrazia-atea-lazio-2.html

Per saperne di più su Democrazia Atea, si veda questo link: http://giulianoguzzo.wordpress.com/2012/09/04/democrazia-atea-un-partito-tutto-da-ridere/

 

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Omofobia, libertà e verità: la lezione di Ruini e Crepaldi

      di Stefano Fontana. Le parole del cardinale Camillo Ruini e dell’arcivescovo Giampaolo Crepaldi a proposito della legge Zan cosiddetta contro l’omotransfobia hanno brillato nel mare di silenzio degli altri vescovi e hanno riproposto con vivacità il modo di ragionare messo a punto da Benedetto XVI. Ambedue gli interventi hanno infatti una chiara impostazione ratzingeriana. Leggi il seguito…

    • I bambini abortiti sono martiri? L’ipotesi si fa strada

      di Ermes Dovico. «Desideriamo sollecitare la Chiesa ad aprire un processo canonico per il riconoscimento del martirio dei bambini uccisi dall’aborto», perché «crediamo che questi bambini abbiano un ruolo importante nell’economia della salvezza». Parla alla Bussola Giovanni Antonucci, fondatore dell’Associazione per la postulazione della causa dei bimbi non nati martiri, fatta da laici e sacerdoti. Alla sua base un’ipotesi teologica che non appare in contrasto con il Magistero. Due i punti principali: il primato della grazia e l’odium fidei rinvenibile nell’ideologia del relativismo. Leggi il seguito…

    • Covid, se i fanatici dell’autodeterminazione ora tifano per il Tso

      di Claudia Passa. “Fare il medico significa anche preoccuparsi per quei due terzi di italiani che non stanno socializzando e sono divisi a metà: ci sono quelli ricchi che stanno a Sankt Moritz, Cortina o a Forte dei Marmi nelle seconde case a fare l’homeworking e poi l’altra metà bloccata in casa a Lorenteggio, o in qualche altro quartiere periferico, impaurito e senza aria condizionata perché qualcuno gli ha detto che se esce muore”. Leggi il seguito…

    • Regno Unito e Belgio, battute d’arresto per l’aborto

      di Luca Volonté. Nel Regno Unito sono naufragati gli emendamenti che miravano a depenalizzare completamente l’aborto e liberalizzare permanentemente l’aborto domestico nei casi di abusi. E intanto la Corte d’Appello ha deciso di accogliere un ricorso di Christian Concern. Sospiro di sollievo anche in Belgio, dove fallisce il progetto di estendere a 18 settimane il tempo per uccidere i bambini in grembo. Leggi il seguito…