3 libri per riflettere sull’attualità della Chiesa

Per cercare di comprendere meglio la situazione attuale della Chiesa Cattolica suggeriamo tre libri che possono aiutarci a riflettere.

 

 

R. de Mattei – La Chiesa fra le tempeste (Ed. Sugarco). La conoscenza della storia della Chiesa aiuta a mantenere la rotta nei momenti difficili in cui la navicella di Pietro è sballottata dalle onde e sembra talvolta essere sommersa dai flutti. Persecuzioni, lotte, tradimenti, compromessi, eroismo e santità accompagnano infatti la storia del Corpo Mistico, in cui si fa talvolta lacerante la contraddizione tra la dimensione naturale, legata alla fragilità degli uomini, e la dimensione sovrannaturale, che fa la Chiesa ontologicamente santa nella sua vita e nella sua dottrina. Questi temi sono stati sviluppati in una serie di conversazioni mensili a Radio Maria dal prof. Roberto de Mattei, che ha ripercorso il primo millennio della storia della Chiesa, dall’era dei martiri all’epopea delle Crociate. In questo libro, che raccoglie quelle conversazioni, si è mantenuto il tono colloquiale e divulgativo con cui l’autore si è rivolto al pubblico, evitando di appesantirlo con le note scientifiche che potrebbero suffragare ogni affermazione. L’alto indice di ascolto ha confermato l’interesse per l’originale taglio delle conversazioni in cui la storia si intreccia con la teologia e la spiritualità. I lettori possono ora attingere ai testi originali.

S.E. Mons. Luigi Negri, Don Nicola Bux, Mons. Brunero Gherardini, P. Giovanni Cavalcoli e il prof. Matteo D’Amico sono gli autori di una serie di saggi raccolti nel libro “Passione della Chiesa. Amerio e altre vigili sentinelle” (Edizioni Il Cerchio, Rimini 2011). Il titolo indica già il tema di fondo dei vari interventi: la situazione ecclesiale osservata a partire dall’opera di Romano Amerio.

R. de Mattei – Il Concilio Vaticano II. Una storia mai scritta (Ed. Lindau) Il Concilio Vaticano II, il ventunesimo nella storia della Chiesa, fu aperto da Giovanni XXIII l’11 ottobre 1962 e chiuso da Paolo VI l’8 dicembre 1965. Nonostante le attese e le speranze di tanti, l’epoca che lo seguì non rappresentò per la Chiesa una «primavera» o una «pentecoste» ma, come riconobbero lo stesso Paolo VI e i suoi successori, un periodo di crisi e di difficoltà. Questa è una delle ragioni per cui si è aperta una vivace discussione ermeneutica, in cui si è inserita l’autorevole voce di papa Benedetto XVI che ha invitato a leggere i testi del Concilio in continuità con la Tradizione della Chiesa. Al dibattito in corso, Roberto de Mattei offre il contributo non del teologo, ma dello storico, attraverso una rigorosa ricostruzione dell’evento, delle sue radici e delle sue conseguenze, basata soprattutto su documenti di archivio, diari, corrispondenze e testimonianze di coloro che ne furono i protagonisti. Dal quadro documentato e appassionante tracciato dall’autore, emerge una «storia mai scritta» del Vaticano II che ci aiuta a comprendere non solo le vicende di ieri ma anche i problemi religiosi della Chiesa di oggi.


Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Chiesa e biopolitica: le quattro strategie fallimentari

      Dottrina Sociale di Stefano Fontana. La Evangelium vitae (1995) di Giovanni Paolo II aveva posto le questioni bioetiche dentro la questione sociale. Da qui il nesso tra bioetica e Dottrina sociale della Chiesa. Se osserviamo la realtà attuale bisogna però riconoscere che il messaggio non è stato recepito e che quell’incontro non è avvenuto. Leggi il seguito…

    • Antifascismo mitologico in affanno, tra il dottorato di Liliana Segre e il discorso di Mattarella sulle foibe

      di Cominius. All’Università di Roma antagonisti e collettivi (e chi sennò?) inscenano il solito corteo con annesso canto di “Bella ciao” (e cosa sennò?) perché in occasione del conferimento del dottorato honoris causa a Liliana Segre uno dei rappresentanti degli studenti scelti dall’ateneo per presenziare alla cerimonia è esponente di una lista di centrodestra. Dopo averlo trasformato in una frazione di secondo in fascista pericoloso, gli occhiuti democratici – a cui ovviamente non importa più di tanto della volgare e formalistica rappresentatività della lista in cui lo studente è stato eletto – pretendono che le autorità accademiche lo escludano dalla cerimonia e, manco a dirlo, gli impediscano di parlare. L’ateneo (stranamente dico io) resiste: la cerimonia si svolge, i democratici manifestano e cantano fuori, lo studente fa il suo decorosissimo e ragionevole discorso di saluto dentro, e – ora arriva il bello – la senatrice chiede di dargli un bacio, con un gesto affettuoso e denso di significato, un gesto che rompe l’incantesimo dei rituali stanchi e dei cliché dell’antifascismo di comodo: il rospo fascista, baciato dall’eroina, quasi quasi diventa principe. Bel finale. Leggi il seguito…

    • Corso intensivo sul politicamente corretto

      di Marcello Veneziani. Ma cos’è esattamente il politically correct? Lo citiamo ogni giorno senza magari coglierne tutto il significato. Provo a offrire una breve guida, un sunto critico e un succo concentrato. Per il politically correct la realtà, la natura, la famiglia, la civiltà finora conosciute, vissute e denominate, sono sbagliate. Il politicamente corretto è il moralismo in assenza di morale, il razzismo etico in assenza di etica, il bigottismo in assenza di religione. Ecco, in breve il politically correct Leggi il seguito…

    • Quella vicinanza troppo stretta tra ONU e Santa Sede

      di Edward Pentin. Il Catholic Register intervista Stefano Fontana: “Questo appiattimento sulle idee e sul linguaggio sull’ONU secolarizza la fede cattolica, togliendole dal punto di vista filosofico l’impianto metafisico, e dal punto di vista teologico l’assolutezza dottrinale. In questo modo la fede cattolica diventa un “percorso” accanto ad altri, non avendo più la pretesa di poter dire una parola di salvezza anche per le questioni temporali. Un tempo la Chiesa parlava di pace, convivenza e fraternità sulla base: a) della legge naturale, b) del Vangelo nostro Signore. Oggi ne parla nel senso della collaborazione tra le religioni. Il cambiamento è notevole. Non tutte le religioni accettano il diritto e la morale naturali e, naturalmente, il Vangelo. Pensare ad una giornata della fraternità umana da condividere con tutte le religioni significa mettere da parte la legge naturale e il Vangelo” Leggi il seguito…