FARE: sono cattolica e (forse) lo voterò

Con questo articolo continuiamo il nostro confronto politico. 

di Sara Gorini

FARE per Fermare il declino non si rivolge all’elettorato cattolico. Farà la sua corsa senza i voti dei cattolici e questo è abbastanza evidente. Era evidente anche prima del video sui diritti registrato da Giannino. Come è evidente che farà a meno anche dei voti degli attivisti per il matrimonio gay o per l’eutanasia, perché sono temi di cui non si occuperà in campagna elettorale e nemmeno dopo. Si dirà: “però un voto lo deve pur dare su quei temi se passa in parlamento”. Verissimo, e infatti gli attivisti di quei temi “sensibili” non voteranno Giannino proprio per l’incertezza a riguardo. E tra l’altro era chiaro ai cattolici che FARE non è il loro partito di riferimento almeno da quando il Papa spiega che non si può ragionare solo in termini di PIL.

Ma qualche considerazione va pur fatta alla luce di questo e delle ridottissime possibilità di entrare in Parlamento di Giannino, perché è realistico pensare che diversi cattolici voteranno l’economista e anche io ci ho pensato e ci sto tutt’ora pensando.

Giannino parla solo di PIL? E’ riduttivo crederlo. E’ vero che non fa che parlare di crescita economica del paese – che in sè non è certo un male, intendiamoci-, ma il punto è che Giannino parla di libertà economica come mezzo privilegiato per tornare a crescere, ovvero mettere a frutto quello che ciascuno sa e può fare. Si tratta di un nodo che non è stato ancora approfondito abbastanza, eternamente appaltato al voto a Berlusconi-imprenditore e ridotto al mantra “meno tasse”. Non viene prima dei valori non negoziabili, ma non per questo deve essere relegato a poco importante dai cristiani, soprattutto durante una crisi contemporaneamente economica e di valori. Il mercato libero è l’unica soluzione per non restare totalmente succubi dell’apparato statale (ovvero partiti, clientele, gruppi industriali e bancari legati a doppio filo con il potere politicoe che riescono sempre a galleggiare, a nostre spese).

Forse non voterò FARE, ma senz’altro in un partito “votabile” per i valori non negoziabili vorrei fortemente quei contenuti economici (come anche su conflitto d’interessi). E su quei contenuti e su quei valori anche i cattolici devono mettersi in gioco.
Non è secondaria neanche l’attenzione al nucleo familiare e al tasso demografico di Fermare il Declino, come i riflessi positivi sulla libertà di educazione che un mercato libero porterebbe. Rientra nel quadro generale di una società aperta e di un mercato libero, che aiuterebbe a uscire dal torpore morale in cui siamo, perché nessuno mi toglierà dalla testa che finché cresce lo Stato , diminuisce la sfera religiosa e morale.

A margine di questo, c’è uno spunto condivisibile della pillola di Oscar sui diritti: non è più il tempo di presentarsi nell’agone elettorale con il “pacchetto di voti cattolici” che si trasferisce da una parte o dall’altra. Il Ponteficie e la Cei fanno benissimo a guidare, ma poi nel concreto si concorre con armi laiche, e laicamente non vorrei più sentire parlare di “cattolico” con la sufficienza che alcuni si permettono. Sul mercato elettorale, luogo di domanda e di offerta di valori e idee, quello che manca completamente è il diritto naturale.

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Torino/Gandolfini: “Non esistono figli di due madri. Appendino viola la legge e il diritto ad avere un padre”

      appendino di Comitato Difendiamo i Nostri Figli. “Il Comune di Torino partecipa a pieno titolo alla distruzione del diritto di famiglia già operato dalla giurisprudenza creativa ma soprattutto contribuisce a picconare il sacrosanto diritto di ogni bambino ad avere un padre e una madre. Il sindaco Appendino ha tenuto fede alla promessa, fatta nei giorni scorsi, di forzare la mano per registrare un bambino come figlio di due madri. Ovviamente si tratta di un falso in atto pubblico perché qualsiasi essere umano ha una sola madre e un solo padre.  Leggi il seguito… 

    • Quella voglia degli italiani di cambiare davvero il Paese. E di non essere ancora una volta traditi

      salvini_dimaio di Marcello Foa. Il messaggio è forte e chiaro: gli italiani non sono disposti a farsi ingannare dalle lusinghe e soprattutto dalla propaganda dall’establishment. Hanno voglia di una vera svolta e sono sempre più attenti alla coerenza dei leader. Non è un caso che il gradimento di Di Maio sia sceso di 6 punti, mentre quello di Salvini continui a salire, fino a superare, per la prima volta, quello del capo del Movimento 5 Stelle. Gli elettori non gradiscono la disinvoltura con cui quest’ultimo si propone sia alla Lega sia al Pd e non amano chi antepone evidenti, incontrollabili ambizioni personali al perseguimento di un disegno più ampio e nell’interesse del Paese Leggi il seguito… 

    • Il bullo in classe figlio della cappa statalista

      bulli-di-lucca di Marco Lepore. Di fronte al caso dello studente di Lucca che ha preso a testate il professore, al di là delle banalità ministeriali, giova ricordare due cose. La prima: non tutti gli insegnanti preparati sulla materia sono adatti a insegnare. La seconda: anche questa violenza è figlia della logica statale, che non consente un'autonomia gestionale che servirebbe alla scuola statale per ripartire. Leggi il seguito… 

    • Da Riad e dal Cairo, segni di apertura al cristianesimo

      al-abrar-mecca di Stefano Magni. Una chiesa in Arabia Saudita? Il regno potrebbe consentire a una svolta storica, secondo voci che circolano dopo la visita del cardinal Tauran a Riad. Seguendo la stessa tendenza, anche l’Egitto cambia rotta e autorizza 166 luoghi di culto cristiani. Leggi il seguito…