FARE: sono cattolica e (forse) lo voterò

Con questo articolo continuiamo il nostro confronto politico. 

di Sara Gorini

FARE per Fermare il declino non si rivolge all’elettorato cattolico. Farà la sua corsa senza i voti dei cattolici e questo è abbastanza evidente. Era evidente anche prima del video sui diritti registrato da Giannino. Come è evidente che farà a meno anche dei voti degli attivisti per il matrimonio gay o per l’eutanasia, perché sono temi di cui non si occuperà in campagna elettorale e nemmeno dopo. Si dirà: “però un voto lo deve pur dare su quei temi se passa in parlamento”. Verissimo, e infatti gli attivisti di quei temi “sensibili” non voteranno Giannino proprio per l’incertezza a riguardo. E tra l’altro era chiaro ai cattolici che FARE non è il loro partito di riferimento almeno da quando il Papa spiega che non si può ragionare solo in termini di PIL.

Ma qualche considerazione va pur fatta alla luce di questo e delle ridottissime possibilità di entrare in Parlamento di Giannino, perché è realistico pensare che diversi cattolici voteranno l’economista e anche io ci ho pensato e ci sto tutt’ora pensando.

Giannino parla solo di PIL? E’ riduttivo crederlo. E’ vero che non fa che parlare di crescita economica del paese – che in sè non è certo un male, intendiamoci-, ma il punto è che Giannino parla di libertà economica come mezzo privilegiato per tornare a crescere, ovvero mettere a frutto quello che ciascuno sa e può fare. Si tratta di un nodo che non è stato ancora approfondito abbastanza, eternamente appaltato al voto a Berlusconi-imprenditore e ridotto al mantra “meno tasse”. Non viene prima dei valori non negoziabili, ma non per questo deve essere relegato a poco importante dai cristiani, soprattutto durante una crisi contemporaneamente economica e di valori. Il mercato libero è l’unica soluzione per non restare totalmente succubi dell’apparato statale (ovvero partiti, clientele, gruppi industriali e bancari legati a doppio filo con il potere politicoe che riescono sempre a galleggiare, a nostre spese).

Forse non voterò FARE, ma senz’altro in un partito “votabile” per i valori non negoziabili vorrei fortemente quei contenuti economici (come anche su conflitto d’interessi). E su quei contenuti e su quei valori anche i cattolici devono mettersi in gioco.
Non è secondaria neanche l’attenzione al nucleo familiare e al tasso demografico di Fermare il Declino, come i riflessi positivi sulla libertà di educazione che un mercato libero porterebbe. Rientra nel quadro generale di una società aperta e di un mercato libero, che aiuterebbe a uscire dal torpore morale in cui siamo, perché nessuno mi toglierà dalla testa che finché cresce lo Stato , diminuisce la sfera religiosa e morale.

A margine di questo, c’è uno spunto condivisibile della pillola di Oscar sui diritti: non è più il tempo di presentarsi nell’agone elettorale con il “pacchetto di voti cattolici” che si trasferisce da una parte o dall’altra. Il Ponteficie e la Cei fanno benissimo a guidare, ma poi nel concreto si concorre con armi laiche, e laicamente non vorrei più sentire parlare di “cattolico” con la sufficienza che alcuni si permettono. Sul mercato elettorale, luogo di domanda e di offerta di valori e idee, quello che manca completamente è il diritto naturale.

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Tutti eredi di Sturzo. Ma c’è poco di cui rallegrarsi

      luigi_sturzo di Stefano Fontana. La statura morale e intellettuale di don Luigi Sturzo è indiscutibile, ma gli esiti di quel suo "appello ai liberi e forti" di cento anni fa sono tutt'altro che positivi: è iniziato allora il cammino di un progressivo distacco del criterio della fede dalla politica. Vedere oggi i tanti - anche di opposte visioni - che vogliono far rivivere quell'esperienza con nuovi appelli "ai liberi e forti" non può non lasciare perplessi. Leggi il seguito… 

    • ll ’68, sfida per i cattolici oggi. La lezione di Del Noce

      del-noce di Luca Del Pozzo. Tra le tante letture critiche di quel ‘68 che ha rappresentato, come ebbe a dire Benedetto XVI, una vera e propria “cesura storica”, un posto a parte merita quella di Augusto Del Noce. Tanto il marxismo quanto la società tecnocratica quanto il ’68 ponevano quella per Del Noce era “la” questione innanzi alla quale i cattolici erano (e sono) chiamati a dire la loro: la questione antropologica. Leggi il seguito… 

    • “Ecco chi raccoglie l’eredità di don Luigi Sturzo…”

      luigi_sturzo di Federico Cenci. È passato un secolo da quando un giovane sacerdote siciliano, don Luigi Sturzo, pronunciò il celebre appello destinato a cavare una massiccia sacca elettorale dalle paludi del "non expedit". Dopo decenni in cui i cattolici italiani, su indicazione di Pio IX, avevano rifiutato lo Stato unitario e la partecipazione alle elezioni, il Partito Popolare Italiano offrì loro una forza in cui riconoscersi.  Della possibilità di tener viva l'eredità popolare e democristiana se ne discute oggi alla Camera, nel corso della conferenza “1919-2019. Popolari oggi, da Sturzo al nuovo millennio”. La relazione introduttiva è affidata a Gennaro Sangiuliano, direttore del Tg2. In Terris lo ha intervistato per conoscere uno dei diversi punti di vista sul tema Leggi il seguito… 

    • Convegno a Palermo dedicato ai “40 anni della Legge 194/78”

      palermo-convegno-194 di Paolo Piro. Sabato 1 dicembre 2018, a Palermo, l’associazione Società Domani ha promosso un convegno intitolato “A 40 ANNI DELLA LEGGE 194/78, Storia Valutazioni Prospettive”. Tre ore di intenso scambio culturale con il pubblico che ha gremito la sala “Dei Normanni” dell’NH Hotel al Foro Italico di Palermo. Circa quattrocento persone hanno seguito relazioni e testimonianze di: Movimento per la Vita, Medici Cattolici Italiani, Centro Aiuto alla Vita di Palermo, Forum Vita Famiglia Educazione, Forum delle Associazioni Familiari, Guide e Scout San Benedetto, Avulss e Cesvop. Il tema è stato affrontato in chiave storica, giuridica, medico scientifica, morale e culturale. Leggi il seguito… 

    Eventi

    Ancora nessun post.