FARE: sono cattolica e (forse) lo voterò

Con questo articolo continuiamo il nostro confronto politico. 

di Sara Gorini

FARE per Fermare il declino non si rivolge all’elettorato cattolico. Farà la sua corsa senza i voti dei cattolici e questo è abbastanza evidente. Era evidente anche prima del video sui diritti registrato da Giannino. Come è evidente che farà a meno anche dei voti degli attivisti per il matrimonio gay o per l’eutanasia, perché sono temi di cui non si occuperà in campagna elettorale e nemmeno dopo. Si dirà: “però un voto lo deve pur dare su quei temi se passa in parlamento”. Verissimo, e infatti gli attivisti di quei temi “sensibili” non voteranno Giannino proprio per l’incertezza a riguardo. E tra l’altro era chiaro ai cattolici che FARE non è il loro partito di riferimento almeno da quando il Papa spiega che non si può ragionare solo in termini di PIL.

Ma qualche considerazione va pur fatta alla luce di questo e delle ridottissime possibilità di entrare in Parlamento di Giannino, perché è realistico pensare che diversi cattolici voteranno l’economista e anche io ci ho pensato e ci sto tutt’ora pensando.

Giannino parla solo di PIL? E’ riduttivo crederlo. E’ vero che non fa che parlare di crescita economica del paese – che in sè non è certo un male, intendiamoci-, ma il punto è che Giannino parla di libertà economica come mezzo privilegiato per tornare a crescere, ovvero mettere a frutto quello che ciascuno sa e può fare. Si tratta di un nodo che non è stato ancora approfondito abbastanza, eternamente appaltato al voto a Berlusconi-imprenditore e ridotto al mantra “meno tasse”. Non viene prima dei valori non negoziabili, ma non per questo deve essere relegato a poco importante dai cristiani, soprattutto durante una crisi contemporaneamente economica e di valori. Il mercato libero è l’unica soluzione per non restare totalmente succubi dell’apparato statale (ovvero partiti, clientele, gruppi industriali e bancari legati a doppio filo con il potere politicoe che riescono sempre a galleggiare, a nostre spese).

Forse non voterò FARE, ma senz’altro in un partito “votabile” per i valori non negoziabili vorrei fortemente quei contenuti economici (come anche su conflitto d’interessi). E su quei contenuti e su quei valori anche i cattolici devono mettersi in gioco.
Non è secondaria neanche l’attenzione al nucleo familiare e al tasso demografico di Fermare il Declino, come i riflessi positivi sulla libertà di educazione che un mercato libero porterebbe. Rientra nel quadro generale di una società aperta e di un mercato libero, che aiuterebbe a uscire dal torpore morale in cui siamo, perché nessuno mi toglierà dalla testa che finché cresce lo Stato , diminuisce la sfera religiosa e morale.

A margine di questo, c’è uno spunto condivisibile della pillola di Oscar sui diritti: non è più il tempo di presentarsi nell’agone elettorale con il “pacchetto di voti cattolici” che si trasferisce da una parte o dall’altra. Il Ponteficie e la Cei fanno benissimo a guidare, ma poi nel concreto si concorre con armi laiche, e laicamente non vorrei più sentire parlare di “cattolico” con la sufficienza che alcuni si permettono. Sul mercato elettorale, luogo di domanda e di offerta di valori e idee, quello che manca completamente è il diritto naturale.

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Che vuol dire sovranismo

      sovranismo di Marcello Veneziani. Il sovranismo non può essere antieuropeo; può esprimere un’altra idea d’Europa ma non si situa fuori dalla civiltà europea, dalla sua storia e tradizione. È contro la Ue, semmai, questa Ue, ma non può essere contro l’Europa. E questo va detto non solo ai suoi detrattori ma anche ai suoi sostenitori d’oltreoceano se pensano di usare il sovranismo per sfasciare l’Europa e per garantire l’egemonia americana. Il sovranismo è un principio di sovranità che sale dalle piccole patrie alla grande patria, come l’Europa, ma senza saltare il passaggio intermedio, cruciale: la sovranità nazionale Leggi il seguito… 

    • Uno spettro si aggira per la Chiesa: la gnosi

      chiesa-clima di Stefano Fontana. Quando nella storia della Chiesa cambiamo i paradigmi filosofici e teologici, bisogna sempre chiedersi se dietro non ci siano anche cause spirituali e religiose, se non ci siano delle eresie, l’adorazione di falsi dei o false adorazioni di Dio, oltre che falsi concetti… Vuol dire che da tempo non solo è cambiato un paradigma di pensiero, un modo di vedere le cose per cui oggi si accetta quanto ieri si condannava e si insegna quanto ieri si vietava, ma vuol dire che dalle fessure è entrato uno spirito nuovo di tipo religioso Leggi il seguito… 

    • Tutela della vita, il Livatino va nella tana del leone

      Aula Magna Cassazione Il Centro Studi Rosario Livatino ha organizzato il convegno “La tutela della vita nell’ordinamento giuridico italiano". Coraggiosa la location: non è il solito convegno "pro life", perché si tiene nell'aula Magna della Corte suprema di Cassazione, luogo che recentemente è stato decisivo in senso negativo nell’orientare non solo la giurisprudenza, ma anche la coscienza collettiva ad abbracciare principi contrari alla vita e alla famiglia.  Leggi il seguito… 

    • La liturgia non è scontro, non imporre il Messale nuovo

      messale di Nicola Bux. Ci si domanda se sia necessario apportare ulteriori cambiamenti ai testi del Messale romano nella prossima edizione italiana. Ma su Gloria e Padre nostro si attuano due pesi e due misure. Eppure c'è un precedente argentino che suggerisce di non recepire per forza le nuove disposizioni. Lo ricevette proprio l'allora cardinal Bergoglio. E' deleteria questa smania di cambiamento continuo, che appare sempre più essere un omaggio all’ideologia del provvisorio.  Leggi il seguito…