Darwin day – UAAR day

Ringraziamo il sito Pikaia per aver fornito puntualmente il calendario delle manifestazioni previste per i Darwin day.

Ancora una volta all’UAAR la parte del leone.

 Com’era già accaduto l’anno scorso, anche stavolta il primato nell’organizzare i Darwin day sembra andare decisamente all’UAAR  (Unione Degli Atei e degli Agnostici Razionalisti). Come infatti riportato nella figura qui sotto, è possibile verificare che 9 appuntamenti su 17 sono organizzati dall’UAAR:

 La notizia è stata riportata anche sul sito Antievoluzionisti in Italia! del prof. Daniele Formenti il quale ha posto in risalto proprio il fatto che siano molte le iniziative organizzate dall’UAAR:

 

E al prof. Formenti non è sfuggito neanche il fatto che la maggior parte di tali iniziative si svolgano nella città che l’anno scorso fu definita erroneamente “aspirante capitale creazionista d’Italia“, in un articolo pubblicato sul sito Oggiscienza: “Verona, aspirante capitale creazionista d’Italia“. La definizione infatti era stata coniata per via di un convegno per “una biologia libera da ideologie” e che vedeva come primo relatore il paleontologo prof. Roberto Fondi notoriamente non credente.

E quindi per contrastare le critiche alla teoria neodarwiniana si sceglieva la comoda ma scorretta strada dello sviamento del discorso e dell’etichettatura del convegno come “creazionista”.

Ma francamente non si può dar torto a chi evita le critiche reali per rifugiarsi dietro l’appellativo “creazionista” che tanto richiama quello di “reazionario” che veniva dato a chi criticava la rivoluzione russa.

.

Ecco infatti cosa accade a chi riporta le vere critiche al neodarwinismo, come avvenuto sempre sul sito del prof. Formenti:

 

 

Ciascuno degli argomenti sollevati dal [Neo]creazionista C. Hunter, e riportati dal prof. Formenti, è infatti un vero punto vulnerabile della teoria neodarwiniana, e il fatto che tali argomenti siano evidenziati da un neo-creazionista piuttosto che da un evoluzionista o, se vogliamo, da un tassista o da un fruttivendolo, non fa nessuna differenza: quello che conta è la sostanza delle critiche, che risultano tutte assolutamente consistenti e fondate.

E con l’occasione si ricorda che l’eventuale impiego della teoria dell’evoluzione in chiave antireligiosa, come la consistente presenza dell’UAAR induce a pensare, è un errore di uguale gravità di quello che fanno i creazionisti, e si auspica quindi che in ogni singolo convegno dei Darwin day venga messo bene in chiaro questo fatto.

.

Tra le critiche che il prof. Formenti riporta come esempio di falso argomento di Hunter contro la teoria neodarwiniana, troviamo anche la contestazione del fatto che il la Biston betularia sia un caso di evoluzione.

Spero che il prof. Formenti voglia chiarire la sua posizione al riguardo, se infatti dovesse confermare che il caso della B. betularia è un esempio di evoluzione, con tale affermazione accederebbe di diritto alla candidatura per l’Asino d’oro insieme al Nobel Dario Fo.

.

www.enzopennetta.it

.

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • La legge dell’Alabama? Ancora ingiusta, ma è un passo avanti

      alabama-vs-roe-wade di Tommaso Scandroglio. Il testo di legge in materia di aborto che ha ricevuto la firma del governatore dell’Alabama Kay Ivey, e la cui entrata in vigore è prevista tra sei mesi, riporta il seguente titolo: “Legge dell’Alabama per la tutela della vita umana”. Il titolo corrisponde al contenuto della legge? In altri termini: si tratta di una legge giusta, posta a tutela della vita del nascituro, o ingiusta? La risposta è la seguente: questa legge è intrinsecamente ingiusta, seppur sia una proposta meno ingiusta rispetto alla legge tuttora vigente in Alabama e rispetto ad altre leggi sull’aborto. Per provarlo andiamo ad esaminare per sommi capi l’articolato di legge Leggi il seguito… 

    • Dimmi che parole usi e ti dirò in cosa credi

      dom-giulio-meiattini Dottrina Sociale di Stefano Fontana. Giulio Meiattini, benedettino, è professore al Sant’Anselmo di Roma e sulla rivista francese “Catholica”, diretta da Bernard Dumont, scrive cose piuttosto interessanti. Nel fascicolo n. 143 ora in distribuzione, egli si occupa dei “silenzi” nella Chiesa di oggi, ossia delle parole che non vengono più adoperate assieme ai relativi concetti dato che, come diceva Aristotele, “i nomi sono segni dei concetti”. Leggi il seguito… 

    • Il Risucchio

      zingaretti_dimaio di Marcello Veneziani. Cosa sta succedendo ai grillini? Non c’è giorno che Giggino Di Maio non accentui l’antagonismo contro la Lega, accusandola di slittare a destra. Non c’è giorno che i grillini non difendano norme e proposte che hanno una chiara valenza di sinistra, e spesso di sinistra radicale: sui migranti, sui rom, sulla legalizzazione della droga, sullo spirito forcaiolo, per non dire del pauperismo e delle leggi assistenziali. Leggi il seguito… 

    • Gli Scritti su Etica, Famiglia e Vita del cardinale Caffarra

      carlo-caffarra di Alessandro Cortese. Gli ultimi tempi si sono caratterizzati per una serie impressionante di attacchi alla famiglia e alla vita umana a livello legislativo e prima ancora culturale. All’interno del mondo cattolico si sono levate voci che hanno denunciato questa situazione, e una delle più autorevoli è stata sicuramente quella del card. Carlo Caffarra (1938-2017), che ha difeso in modo appassionato la verità sull’uomo alla luce della fede e della retta ragione. Egli è stato, infatti, nel 1981 fondatore e primo preside del Pontificio Istituto Giovanni Paolo II per gli studi su Matrimonio e Famiglia, che doveva aiutare i cristiani a riscoprire la centralità della famiglia nella Chiesa e nella società. Leggi il seguito… 

    Eventi

    Ancora nessun post.