Darwin day – UAAR day

Ringraziamo il sito Pikaia per aver fornito puntualmente il calendario delle manifestazioni previste per i Darwin day.

Ancora una volta all’UAAR la parte del leone.

 Com’era già accaduto l’anno scorso, anche stavolta il primato nell’organizzare i Darwin day sembra andare decisamente all’UAAR  (Unione Degli Atei e degli Agnostici Razionalisti). Come infatti riportato nella figura qui sotto, è possibile verificare che 9 appuntamenti su 17 sono organizzati dall’UAAR:

 La notizia è stata riportata anche sul sito Antievoluzionisti in Italia! del prof. Daniele Formenti il quale ha posto in risalto proprio il fatto che siano molte le iniziative organizzate dall’UAAR:

 

E al prof. Formenti non è sfuggito neanche il fatto che la maggior parte di tali iniziative si svolgano nella città che l’anno scorso fu definita erroneamente “aspirante capitale creazionista d’Italia“, in un articolo pubblicato sul sito Oggiscienza: “Verona, aspirante capitale creazionista d’Italia“. La definizione infatti era stata coniata per via di un convegno per “una biologia libera da ideologie” e che vedeva come primo relatore il paleontologo prof. Roberto Fondi notoriamente non credente.

E quindi per contrastare le critiche alla teoria neodarwiniana si sceglieva la comoda ma scorretta strada dello sviamento del discorso e dell’etichettatura del convegno come “creazionista”.

Ma francamente non si può dar torto a chi evita le critiche reali per rifugiarsi dietro l’appellativo “creazionista” che tanto richiama quello di “reazionario” che veniva dato a chi criticava la rivoluzione russa.

.

Ecco infatti cosa accade a chi riporta le vere critiche al neodarwinismo, come avvenuto sempre sul sito del prof. Formenti:

 

 

Ciascuno degli argomenti sollevati dal [Neo]creazionista C. Hunter, e riportati dal prof. Formenti, è infatti un vero punto vulnerabile della teoria neodarwiniana, e il fatto che tali argomenti siano evidenziati da un neo-creazionista piuttosto che da un evoluzionista o, se vogliamo, da un tassista o da un fruttivendolo, non fa nessuna differenza: quello che conta è la sostanza delle critiche, che risultano tutte assolutamente consistenti e fondate.

E con l’occasione si ricorda che l’eventuale impiego della teoria dell’evoluzione in chiave antireligiosa, come la consistente presenza dell’UAAR induce a pensare, è un errore di uguale gravità di quello che fanno i creazionisti, e si auspica quindi che in ogni singolo convegno dei Darwin day venga messo bene in chiaro questo fatto.

.

Tra le critiche che il prof. Formenti riporta come esempio di falso argomento di Hunter contro la teoria neodarwiniana, troviamo anche la contestazione del fatto che il la Biston betularia sia un caso di evoluzione.

Spero che il prof. Formenti voglia chiarire la sua posizione al riguardo, se infatti dovesse confermare che il caso della B. betularia è un esempio di evoluzione, con tale affermazione accederebbe di diritto alla candidatura per l’Asino d’oro insieme al Nobel Dario Fo.

.

www.enzopennetta.it

.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • «Tutti i cristiani in Francia si mobilitino contro la distruzione dell’umano»

      di Tempi. «La Chiesa cattolica chiede a tutti i cristiani di mobilitarsi a causa delle implicazioni etiche e antropologiche di questa legge. Davanti alla commercializzazione dell’essere umano, che si staglia in sottofondo, non possiamo non reagire». Lo ha dichiarato in un’intervista a Boulevard Voltaire monsignor Dominique Rey, vescovo di Frejus-Toulon. Il prelato francese si riferisce alla legge “Pma per tutte“, ribattezzata “Pma senza padre”, che darà diritto a tutte le donne (single o impegnate in una coppia lesbica) di accedere alla fecondazione eterologa a spese dei contribuenti e di essere dichiarate “madri” sull’atto di nascita, anche in assenza di legame biologico con il nascituro. Il padre, ridotto a materiale genetico, sarà al contrario cancellato dall’atto di nascita. Leggi il seguito…

    • Cambiamo!, firmato l’atto costitutivo: con Toti già 9 parlamentari

      di l’Occidentale. È stato firmato ieri a Palazzo Grassi a Roma l’atto costitutivo del partito di Giovanni Toti Cambiamo! alla presenza di parlamentari, assessori, consiglieri regionali e amministratori provenienti da tutta Italia. “Da questo momento – ha spiegato Giovanni Toti – il panorama politico si arricchisce ufficialmente di una nuova forza che punta a dare voce a tutti coloro che non si sentono più rappresentati dai partiti tradizionali e sognano un centrodestra nuovo. Leggi il seguito…

    • Se il ministro dell’Istruzione invita gli studenti a fare sciopero come Greta

      di Giuseppe Leonelli. Il grillino Lorenzo Fioramonti ha dato la propria benedizione allo sciopero degli studenti approvando la scelta dei ragazzi di disertare la scuola. Fingendo di non capire che se il Ministro dell’istruzione benedice il boicottaggio delle lezioni degli studenti italiani da un lato rinnega il proprio mandato, dall’altro toglie peso alla protesta stessa. Senza un Sistema di regole, che il Ministro è chiamato come garante massimo delle Istituzioni a far rispettare, le proteste e la ribellione che valore hanno? Se chi trasgredisce le norme riceve il plauso di chi deve farle rispettare, allora vale tutto Leggi il seguito…

    • Amazzonia: Ratzinger e Rahner a confronto

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. L’Instrumentum laboris del prossimo sinodo dell’Amazzonia non parla mai di evangelizzazione ma solo di inculturazione, non parla mai di insegnare ma solo di ascoltare, non parla mai di fare domande ma di farsi domande, non di interrogare ma di farsi interrogare. In altre parole la Chiesa dovrebbe farsi “amazzonica”, nel senso di riformularsi (“disimparare, reimparare, imparare” dice il documento). Questa è appunto la posizione di Rahner e non quella di Ratzinger Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.