Libri di casa nostra

 

In occasione delle festività natalizie, per chi volesse qualche idea per fare un piccolo regalo a parenti e amici, proponiamo un elenco di libri di autori di “Libertà e persona” (li potete trovare nelle librerie e/o nei vari store on-line).

 

 

Francesco Agnoli – Scienziati dunque credenti (Ed. Cantagalli)

Francesco Agnoli e Enzo Pennetta – Lazzaro Spallanzani e Gregor Mendel (Ed. Cantagalli)

Francesco Agnoli Lorenzo Bertocchi – Sentinelle nel post-concilio (Ed. Cantagalli)

Gianfranco Amato – I nuovi unni (Ed. Fede&Cultura)

Lorenzo Bertocchi – Dio&famiglia. Analisi di una dissoluzione (Ed. Fede&Cultura)

Irene Bertoglio – Intervista ai maestri (Ed. LEO libri)

P. Giovanni Cavalcoli – La questione dell’eresia oggi (Ed. VivereIn)

Roberto de Mattei – La Chiesa tra le tempeste (Ed. Sugarco)

Umberto Fasol – Chi è stato? I racconti delle origini tra scienza e teologia (Ed. Fede&Cultura)

Corrado Gnerre – Qual è la vera fede cattolica? (Ed. Fede&Cultura)

Gnocchi&Palmaro – Ci salveranno le vecchie zie (Ed. Fede&Cultura)

P. Serafino Lanzetta – Iuxta Modum (Ed. Cantagalli)

Angela Pellicciari – Martin Lutero (Ed. Cantagalli)

Renzo Puccetti, P. Giorgio Carbone, Vittorio Baldini – Pillole che uccidono (ESD)

Enzo Pennetta – Inchiesta sul darwinismo (Ed. Cantagalli)

Danilo Quinto – Da servo di Pannella a figlio libero di Dio (Ed. Fede&Cultura)

Cristina Siccardi – Fatima e la passione della Chiesa (Ed. Sugarco)

Massimo Viglione – 1861. Le due Italie (Ed. Ares)

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Chiesa e biopolitica: le quattro strategie fallimentari

      Dottrina Sociale di Stefano Fontana. La Evangelium vitae (1995) di Giovanni Paolo II aveva posto le questioni bioetiche dentro la questione sociale. Da qui il nesso tra bioetica e Dottrina sociale della Chiesa. Se osserviamo la realtà attuale bisogna però riconoscere che il messaggio non è stato recepito e che quell’incontro non è avvenuto. Leggi il seguito…

    • Antifascismo mitologico in affanno, tra il dottorato di Liliana Segre e il discorso di Mattarella sulle foibe

      di Cominius. All’Università di Roma antagonisti e collettivi (e chi sennò?) inscenano il solito corteo con annesso canto di “Bella ciao” (e cosa sennò?) perché in occasione del conferimento del dottorato honoris causa a Liliana Segre uno dei rappresentanti degli studenti scelti dall’ateneo per presenziare alla cerimonia è esponente di una lista di centrodestra. Dopo averlo trasformato in una frazione di secondo in fascista pericoloso, gli occhiuti democratici – a cui ovviamente non importa più di tanto della volgare e formalistica rappresentatività della lista in cui lo studente è stato eletto – pretendono che le autorità accademiche lo escludano dalla cerimonia e, manco a dirlo, gli impediscano di parlare. L’ateneo (stranamente dico io) resiste: la cerimonia si svolge, i democratici manifestano e cantano fuori, lo studente fa il suo decorosissimo e ragionevole discorso di saluto dentro, e – ora arriva il bello – la senatrice chiede di dargli un bacio, con un gesto affettuoso e denso di significato, un gesto che rompe l’incantesimo dei rituali stanchi e dei cliché dell’antifascismo di comodo: il rospo fascista, baciato dall’eroina, quasi quasi diventa principe. Bel finale. Leggi il seguito…

    • Corso intensivo sul politicamente corretto

      di Marcello Veneziani. Ma cos’è esattamente il politically correct? Lo citiamo ogni giorno senza magari coglierne tutto il significato. Provo a offrire una breve guida, un sunto critico e un succo concentrato. Per il politically correct la realtà, la natura, la famiglia, la civiltà finora conosciute, vissute e denominate, sono sbagliate. Il politicamente corretto è il moralismo in assenza di morale, il razzismo etico in assenza di etica, il bigottismo in assenza di religione. Ecco, in breve il politically correct Leggi il seguito…

    • Quella vicinanza troppo stretta tra ONU e Santa Sede

      di Edward Pentin. Il Catholic Register intervista Stefano Fontana: “Questo appiattimento sulle idee e sul linguaggio sull’ONU secolarizza la fede cattolica, togliendole dal punto di vista filosofico l’impianto metafisico, e dal punto di vista teologico l’assolutezza dottrinale. In questo modo la fede cattolica diventa un “percorso” accanto ad altri, non avendo più la pretesa di poter dire una parola di salvezza anche per le questioni temporali. Un tempo la Chiesa parlava di pace, convivenza e fraternità sulla base: a) della legge naturale, b) del Vangelo nostro Signore. Oggi ne parla nel senso della collaborazione tra le religioni. Il cambiamento è notevole. Non tutte le religioni accettano il diritto e la morale naturali e, naturalmente, il Vangelo. Pensare ad una giornata della fraternità umana da condividere con tutte le religioni significa mettere da parte la legge naturale e il Vangelo” Leggi il seguito…