“Danilo Quinto e la nuda verità – Storia di una conversione radicale”

Il Movimento Europeo per la Difesa della Vita e della Dignità Umana – Sezione di Trento, ha organizzato una conferenza dal titolo “Danilo Quinto e la nuda verità – Storia di una conversione radicale” che si terrà venerdì 16 novembre 2012, ore 20:30, presso l’Istituto Arcivescovile di Trento, sala Gabrielli.

Protagonista dell’iniziativa sarà il giornalista Danilo Quinto che racconterà i suoi dieci anni trascorsi a fianco di Pannella, il “padre-padrone” della singolare famiglia dei Radicali.
Più che altro una holding per la quale il Quinto è stato tesoriere e custode degli affari societari del partito movimentando cifre astronomiche che stridono con le battaglie politiche dei radicali a favore dell’abolizione del finanziamento pubblico dei partiti. In dieci anni. Oltre 40 milioni di euro che hanno garantito la sopravvivenza di quella che lo stesso ex-tesoriere ha definito “la più straordinaria macchina mangiasoldi della partitocrazia italiana”.

Un idillio, quello con Pannella e con la “più diabolica setta politica italiana”, che si è rotto grazie all’incontro con l’amore, quello di e per una donna dalla fede granitica e dall’infinita pazienza, e con l’Amore, quello di e per Gesù Cristo. “Dio aveva deciso di tirarmi per i capelli dalla mia vita precedente – racconta Quinto in un passaggio del suo libro-testimonianza – e da quel mondo nel quale mi ero immerso per più di vent’anni, dove si era costretti ad agire, pena l’estromissione, in una promiscuità, intellettuale e umana, intollerabile e degradante”.

“È un’importante occasione – dice Maria Alessandra Scolaro, referente provinciale del MEVD – per conoscere dalla viva voce di un protagonista quali forze ci sono dietro quella realtà politica che per costituzione ha l’obiettivo di demolire i principi del diritto naturale”.

Tra le tante collaborazioni di Quinto, ricordiamo quelle con l’Agenzia Fides della Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli, con L’Osservatore Romano, con La Gazzetta del Mezzogiorno e con il mensile Radici Cristiane.

 

Il MEVD è un’associazione che riunisce realtà cattoliche e protestanti sparse su tutto il territorio europeo, dall’Austria alla Svizzera, dall’Olanda al Belgio e all’Italia che promuovono iniziative atte a diffondere la cultura della vita e ad affermare la dignità della persona e dei suoi diritti fondamentali indicati nella Dichiarazione Universale dei diritti dell’uomo e nelle altre principali Convenzioni Internazionali tra cui, in particolare la Convenzione europea dei diritti dell’uomo del 1950.

Tante le petizioni presentate al Parlamento Europeo; tra le più significative, accettate e poi recepite dall’UE in raccomandazioni inviate agli Stati membri, ricordiamo quelle “A tutela della dignità della donna”, “Per prevenire e controllare la prostituzione”, “A tutela dei minori – contro gli spettacoli tv di violenza e pornografia”.

Importante manifestazione organizzata dal MEVD, in collaborazione con l’Associazione Famiglia Domani, è la Marcia Nazionale per la Vita, la cui seconda edizione si è tenuta a Roma lo scorso 13 maggio e ha visto la partecipazione di oltre 15 mila persone provenienti da tutta Italia.

La Terza Marcia Nazionale per la Vita si terrà sempre a Roma il 12 maggio 2013.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Humanae Vitae, la questione sociale

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. Nei giorni scorsi ho presentato su la Nuova Bussola Quotidiana (vedi qui) il Dizionario su Sesso, amore e fecondità (Cantagalli 2019) dell’Istituto Giovanni Paolo II per le Scienze del Matrimonio e della Famiglia, curato da José Noriega. Il prof. Noriega aveva chiesto anche a me di scrivere una voce del Dizionario che riguardasse il rapporto tra la Humanae vitae e l’ambito politico dell’agire umano. Ne è uscita quindi la voce Humanae vitae: la questione sociale nella quale si segnala l’importanza del nesso tra la prospettiva dell’enciclica di Paolo VI e la Dottrina sociale della Chiesa. Pubblico ora qui sotto un breve stralcio della voce del Dizionario. Leggi il seguito…

    • Il Cardinale nigeriano Francis Arinze attacca Papa Bergoglio sull’immigrazione. Guerra aperta nel Gotha Vaticano. Il papa nero Arinze: “Basta con l’immigrazione”

      di Carlo Franza. Il cardinale Francis Arinze, ottantaseienne, è uno dei cardinali dell’ordine dei Vescovi ed è tra gli attuali 6 titolari delle Chiese suburbircarie di Roma. Così chiare le parole del Cardinale Arinze: “Gli europei devono smetterla di incoraggiare la partenza dei giovani africani. L’Africa ha bisogno di loro. Il miglior modo in cui i paesi dell’Europa e dell’America possono aiutare l’Africa non è incoraggiando i giovani a venire in Europa facendogli pensare all’Europa come un paradiso – un luogo dove il denaro cresce sugli alberi – ma aiutando i paesi da dove vengono…” Leggi il seguito…

    • Ci vogliono campo profughi dell’Europa

      di Riccardo Cascioli. La strana crisi di governo che si è aperta in Italia, a prescindere da come evolverà, una cosa l’ha comunque chiarita: c’è un potere che ha deciso che l’Italia deve diventare il campo profughi dell’Europa. Leggi il seguito…

    • L’inutile dialogo senza identità né verità

      di Peppino Zola. Tanta parte del mondo cattolico si sta riducendo a dire cose scontate, per lo più banali. Fra cui la necessità del dialogo. Che tipo di dialogo? Al Meeting di Rimini, ad esempio, si esclude l'argomento "fine vita" perché "troppo divisivo". In queste condizioni non è dialogo, ma condiscendenza.  Leggi il seguito…

    Eventi

    Ancora nessun post.