“Danilo Quinto e la nuda verità – Storia di una conversione radicale”

Il Movimento Europeo per la Difesa della Vita e della Dignità Umana – Sezione di Trento, ha organizzato una conferenza dal titolo “Danilo Quinto e la nuda verità – Storia di una conversione radicale” che si terrà venerdì 16 novembre 2012, ore 20:30, presso l’Istituto Arcivescovile di Trento, sala Gabrielli.

Protagonista dell’iniziativa sarà il giornalista Danilo Quinto che racconterà i suoi dieci anni trascorsi a fianco di Pannella, il “padre-padrone” della singolare famiglia dei Radicali.
Più che altro una holding per la quale il Quinto è stato tesoriere e custode degli affari societari del partito movimentando cifre astronomiche che stridono con le battaglie politiche dei radicali a favore dell’abolizione del finanziamento pubblico dei partiti. In dieci anni. Oltre 40 milioni di euro che hanno garantito la sopravvivenza di quella che lo stesso ex-tesoriere ha definito “la più straordinaria macchina mangiasoldi della partitocrazia italiana”.

Un idillio, quello con Pannella e con la “più diabolica setta politica italiana”, che si è rotto grazie all’incontro con l’amore, quello di e per una donna dalla fede granitica e dall’infinita pazienza, e con l’Amore, quello di e per Gesù Cristo. “Dio aveva deciso di tirarmi per i capelli dalla mia vita precedente – racconta Quinto in un passaggio del suo libro-testimonianza – e da quel mondo nel quale mi ero immerso per più di vent’anni, dove si era costretti ad agire, pena l’estromissione, in una promiscuità, intellettuale e umana, intollerabile e degradante”.

“È un’importante occasione – dice Maria Alessandra Scolaro, referente provinciale del MEVD – per conoscere dalla viva voce di un protagonista quali forze ci sono dietro quella realtà politica che per costituzione ha l’obiettivo di demolire i principi del diritto naturale”.

Tra le tante collaborazioni di Quinto, ricordiamo quelle con l’Agenzia Fides della Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli, con L’Osservatore Romano, con La Gazzetta del Mezzogiorno e con il mensile Radici Cristiane.

 

Il MEVD è un’associazione che riunisce realtà cattoliche e protestanti sparse su tutto il territorio europeo, dall’Austria alla Svizzera, dall’Olanda al Belgio e all’Italia che promuovono iniziative atte a diffondere la cultura della vita e ad affermare la dignità della persona e dei suoi diritti fondamentali indicati nella Dichiarazione Universale dei diritti dell’uomo e nelle altre principali Convenzioni Internazionali tra cui, in particolare la Convenzione europea dei diritti dell’uomo del 1950.

Tante le petizioni presentate al Parlamento Europeo; tra le più significative, accettate e poi recepite dall’UE in raccomandazioni inviate agli Stati membri, ricordiamo quelle “A tutela della dignità della donna”, “Per prevenire e controllare la prostituzione”, “A tutela dei minori – contro gli spettacoli tv di violenza e pornografia”.

Importante manifestazione organizzata dal MEVD, in collaborazione con l’Associazione Famiglia Domani, è la Marcia Nazionale per la Vita, la cui seconda edizione si è tenuta a Roma lo scorso 13 maggio e ha visto la partecipazione di oltre 15 mila persone provenienti da tutta Italia.

La Terza Marcia Nazionale per la Vita si terrà sempre a Roma il 12 maggio 2013.

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • La legge dell’Alabama? Ancora ingiusta, ma è un passo avanti

      alabama-vs-roe-wade di Tommaso Scandroglio. Il testo di legge in materia di aborto che ha ricevuto la firma del governatore dell’Alabama Kay Ivey, e la cui entrata in vigore è prevista tra sei mesi, riporta il seguente titolo: “Legge dell’Alabama per la tutela della vita umana”. Il titolo corrisponde al contenuto della legge? In altri termini: si tratta di una legge giusta, posta a tutela della vita del nascituro, o ingiusta? La risposta è la seguente: questa legge è intrinsecamente ingiusta, seppur sia una proposta meno ingiusta rispetto alla legge tuttora vigente in Alabama e rispetto ad altre leggi sull’aborto. Per provarlo andiamo ad esaminare per sommi capi l’articolato di legge Leggi il seguito… 

    • Dimmi che parole usi e ti dirò in cosa credi

      dom-giulio-meiattini Dottrina Sociale di Stefano Fontana. Giulio Meiattini, benedettino, è professore al Sant’Anselmo di Roma e sulla rivista francese “Catholica”, diretta da Bernard Dumont, scrive cose piuttosto interessanti. Nel fascicolo n. 143 ora in distribuzione, egli si occupa dei “silenzi” nella Chiesa di oggi, ossia delle parole che non vengono più adoperate assieme ai relativi concetti dato che, come diceva Aristotele, “i nomi sono segni dei concetti”. Leggi il seguito… 

    • Il Risucchio

      zingaretti_dimaio di Marcello Veneziani. Cosa sta succedendo ai grillini? Non c’è giorno che Giggino Di Maio non accentui l’antagonismo contro la Lega, accusandola di slittare a destra. Non c’è giorno che i grillini non difendano norme e proposte che hanno una chiara valenza di sinistra, e spesso di sinistra radicale: sui migranti, sui rom, sulla legalizzazione della droga, sullo spirito forcaiolo, per non dire del pauperismo e delle leggi assistenziali. Leggi il seguito… 

    • Gli Scritti su Etica, Famiglia e Vita del cardinale Caffarra

      carlo-caffarra di Alessandro Cortese. Gli ultimi tempi si sono caratterizzati per una serie impressionante di attacchi alla famiglia e alla vita umana a livello legislativo e prima ancora culturale. All’interno del mondo cattolico si sono levate voci che hanno denunciato questa situazione, e una delle più autorevoli è stata sicuramente quella del card. Carlo Caffarra (1938-2017), che ha difeso in modo appassionato la verità sull’uomo alla luce della fede e della retta ragione. Egli è stato, infatti, nel 1981 fondatore e primo preside del Pontificio Istituto Giovanni Paolo II per gli studi su Matrimonio e Famiglia, che doveva aiutare i cristiani a riscoprire la centralità della famiglia nella Chiesa e nella società. Leggi il seguito… 

    Eventi

    Ancora nessun post.