“Danilo Quinto e la nuda verità – Storia di una conversione radicale”

Il Movimento Europeo per la Difesa della Vita e della Dignità Umana – Sezione di Trento, ha organizzato una conferenza dal titolo “Danilo Quinto e la nuda verità – Storia di una conversione radicale” che si terrà venerdì 16 novembre 2012, ore 20:30, presso l’Istituto Arcivescovile di Trento, sala Gabrielli.

Protagonista dell’iniziativa sarà il giornalista Danilo Quinto che racconterà i suoi dieci anni trascorsi a fianco di Pannella, il “padre-padrone” della singolare famiglia dei Radicali.
Più che altro una holding per la quale il Quinto è stato tesoriere e custode degli affari societari del partito movimentando cifre astronomiche che stridono con le battaglie politiche dei radicali a favore dell’abolizione del finanziamento pubblico dei partiti. In dieci anni. Oltre 40 milioni di euro che hanno garantito la sopravvivenza di quella che lo stesso ex-tesoriere ha definito “la più straordinaria macchina mangiasoldi della partitocrazia italiana”.

Un idillio, quello con Pannella e con la “più diabolica setta politica italiana”, che si è rotto grazie all’incontro con l’amore, quello di e per una donna dalla fede granitica e dall’infinita pazienza, e con l’Amore, quello di e per Gesù Cristo. “Dio aveva deciso di tirarmi per i capelli dalla mia vita precedente – racconta Quinto in un passaggio del suo libro-testimonianza – e da quel mondo nel quale mi ero immerso per più di vent’anni, dove si era costretti ad agire, pena l’estromissione, in una promiscuità, intellettuale e umana, intollerabile e degradante”.

“È un’importante occasione – dice Maria Alessandra Scolaro, referente provinciale del MEVD – per conoscere dalla viva voce di un protagonista quali forze ci sono dietro quella realtà politica che per costituzione ha l’obiettivo di demolire i principi del diritto naturale”.

Tra le tante collaborazioni di Quinto, ricordiamo quelle con l’Agenzia Fides della Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli, con L’Osservatore Romano, con La Gazzetta del Mezzogiorno e con il mensile Radici Cristiane.

 

Il MEVD è un’associazione che riunisce realtà cattoliche e protestanti sparse su tutto il territorio europeo, dall’Austria alla Svizzera, dall’Olanda al Belgio e all’Italia che promuovono iniziative atte a diffondere la cultura della vita e ad affermare la dignità della persona e dei suoi diritti fondamentali indicati nella Dichiarazione Universale dei diritti dell’uomo e nelle altre principali Convenzioni Internazionali tra cui, in particolare la Convenzione europea dei diritti dell’uomo del 1950.

Tante le petizioni presentate al Parlamento Europeo; tra le più significative, accettate e poi recepite dall’UE in raccomandazioni inviate agli Stati membri, ricordiamo quelle “A tutela della dignità della donna”, “Per prevenire e controllare la prostituzione”, “A tutela dei minori – contro gli spettacoli tv di violenza e pornografia”.

Importante manifestazione organizzata dal MEVD, in collaborazione con l’Associazione Famiglia Domani, è la Marcia Nazionale per la Vita, la cui seconda edizione si è tenuta a Roma lo scorso 13 maggio e ha visto la partecipazione di oltre 15 mila persone provenienti da tutta Italia.

La Terza Marcia Nazionale per la Vita si terrà sempre a Roma il 12 maggio 2013.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Per non fermarsi col rosso passano col verde

      di Marcello Veneziani. Dopo le Sardine verranno le Zucchine. La sinistra cerca un nuovo travestimento per le competizioni elettorali e si converte alla Verdura perché tira, dopo il Covid, Greta e l’amazzonico Bergoglio. Ma il tema verde è molto più serio e profondo di un travestimento elettorale o di una battaglia anti-Trump; e non appartiene certo a una cultura progressista e mao-capitalista. Ma va praticato con realismo, con amore della natura e delle sue leggi, in armonia e non in conflitto con la civiltà e con l’umanesimo. E ricordate: l’amore per la natura è incompatibile con chi vuole modificare geneticamente la natura umana Leggi il seguito…

    • Favori al Pd e migranti usati: la Caritas pelosa di Bergamo

      di Andrea Zambrano. Accuse pesantissime di business sui clandestini: dall'associazione a delinquere allo sfruttamento del lavoro, ma per i sacerdoti e le coop sociali indagati nell'inchiesta della Procura sul Sistema Bergamo cala il silenzio: della Diocesi, di Avvenire e dei giornali d'area cattolica. Eppure, al di là dell'aspetto giudiziario, emerge una connivenza di potere e rapporti tra Pd e Chiesa che getta più di un sospetto sui fini dell'operazione accoglienza, certificata dall'impennata nei bilanci sociali della coop fiore all'occhiello: dai richiedenti asilo sfruttati per il volantinaggio del Pd alle spese gonfiate che la Procura ritiene una truffa dei rimborsi. I protagonisti di un'inchiesta che fa tremare il cuore della cattolica Bergamo, ormai passata a Sinistra. Leggi il seguito…

    • La vera pandemia si chiama “globalizzazione”

      di Corrado Ocone. Fra i tanti libri che stanno uscendo dopo la pandemia, quello di Francesco Borgonovo è sicuramente uno dei più suggestivi (La malattia del mondo. In cerca della cura per il nostro tempo, UTET) Si tratta di una riflessione a tutto campo sullo stato attuale del mondo, i cui tratti essenziali il virus ha confermato e anzi reso ancora più chiari e accelerato. L’acqua è l’elemento attorno a cui Borgonovo fa girare un po’ tutta la narrazione: essa indica fluidità, instabilità, precarietà, incertezza. È cioè l’elemento dominante nel nostro mondo “malato”, non di coronavirus solamente ma di una malattia più profonda. Questa patologia si chiama globalizzazione, e vive dell’abbattimento di ogni confine o frontiera: fra gli Stati, fra le culture, fra le idee, fra i generi sessuali Leggi il seguito…

    • Cattolici in piazza, conta la verità da difendere

      di Stefano Fontana. Per opporsi al Ddl Zan serve coraggio, come per le manifestazioni Restiamo Liberi. Il cattolico che oggi vuole scendere in piazza contro le leggi disumane che si vanno proponendo deve sapere che lo fa contro la Chiesa ufficiale. Il problema è che la Chiesa non educa più alla verità e sta cambiando la sua teologia morale. Oggi esistono tre morali cattoliche: quella prima di Amoris laetitia, quella di Amoris laetitia, quella dopo Amoris laetitia. La morale cattolica che fa scendere in piazza è quella prima di Amoris laetitia, le altre due non sono più in grado di farlo, anzi considerano un errore morale e pastorale farlo (ma morale e pastorale per la nuova teologia morale sono la stessa cosa). Ciò che un tempo era considerato un obbligo, ora viene considerato un peccato Leggi il seguito…