“Danilo Quinto e la nuda verità – Storia di una conversione radicale”

Il Movimento Europeo per la Difesa della Vita e della Dignità Umana – Sezione di Trento, ha organizzato una conferenza dal titolo “Danilo Quinto e la nuda verità – Storia di una conversione radicale” che si terrà venerdì 16 novembre 2012, ore 20:30, presso l’Istituto Arcivescovile di Trento, sala Gabrielli.

Protagonista dell’iniziativa sarà il giornalista Danilo Quinto che racconterà i suoi dieci anni trascorsi a fianco di Pannella, il “padre-padrone” della singolare famiglia dei Radicali.
Più che altro una holding per la quale il Quinto è stato tesoriere e custode degli affari societari del partito movimentando cifre astronomiche che stridono con le battaglie politiche dei radicali a favore dell’abolizione del finanziamento pubblico dei partiti. In dieci anni. Oltre 40 milioni di euro che hanno garantito la sopravvivenza di quella che lo stesso ex-tesoriere ha definito “la più straordinaria macchina mangiasoldi della partitocrazia italiana”.

Un idillio, quello con Pannella e con la “più diabolica setta politica italiana”, che si è rotto grazie all’incontro con l’amore, quello di e per una donna dalla fede granitica e dall’infinita pazienza, e con l’Amore, quello di e per Gesù Cristo. “Dio aveva deciso di tirarmi per i capelli dalla mia vita precedente – racconta Quinto in un passaggio del suo libro-testimonianza – e da quel mondo nel quale mi ero immerso per più di vent’anni, dove si era costretti ad agire, pena l’estromissione, in una promiscuità, intellettuale e umana, intollerabile e degradante”.

“È un’importante occasione – dice Maria Alessandra Scolaro, referente provinciale del MEVD – per conoscere dalla viva voce di un protagonista quali forze ci sono dietro quella realtà politica che per costituzione ha l’obiettivo di demolire i principi del diritto naturale”.

Tra le tante collaborazioni di Quinto, ricordiamo quelle con l’Agenzia Fides della Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli, con L’Osservatore Romano, con La Gazzetta del Mezzogiorno e con il mensile Radici Cristiane.

 

Il MEVD è un’associazione che riunisce realtà cattoliche e protestanti sparse su tutto il territorio europeo, dall’Austria alla Svizzera, dall’Olanda al Belgio e all’Italia che promuovono iniziative atte a diffondere la cultura della vita e ad affermare la dignità della persona e dei suoi diritti fondamentali indicati nella Dichiarazione Universale dei diritti dell’uomo e nelle altre principali Convenzioni Internazionali tra cui, in particolare la Convenzione europea dei diritti dell’uomo del 1950.

Tante le petizioni presentate al Parlamento Europeo; tra le più significative, accettate e poi recepite dall’UE in raccomandazioni inviate agli Stati membri, ricordiamo quelle “A tutela della dignità della donna”, “Per prevenire e controllare la prostituzione”, “A tutela dei minori – contro gli spettacoli tv di violenza e pornografia”.

Importante manifestazione organizzata dal MEVD, in collaborazione con l’Associazione Famiglia Domani, è la Marcia Nazionale per la Vita, la cui seconda edizione si è tenuta a Roma lo scorso 13 maggio e ha visto la partecipazione di oltre 15 mila persone provenienti da tutta Italia.

La Terza Marcia Nazionale per la Vita si terrà sempre a Roma il 12 maggio 2013.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Gente seria, tornerà di moda!

      Alcide De Gasperi è una figura gigantesca della storia italiana. Tanto centrale da risultare "utile" per leggere ed interpretare la contemporaneità.… Leggi il seguito…

    • Il Papa, il Conclave. Ogni dittatore ha bisogno di un complotto, prima o poi…

      di Marco Tosatti. Cari amici e nemici di Stilum Curiae, vorrei tornare sulle straordinarie esternazioni fatte dal Pontefice regnante durante il suo incontro con i gesuiti in Slovacchia, e di cui ha già scritto benissimo Americo Mascarucci su queste pagine. Vorrei farlo riportando il lavoro di due persone che certamente non sono sospettabili di non amare il Vaticano, la Chiesa e il Pontefice regnante: Vik van Brantegem e Luis Badilla. Ed entrambi sono rimasti colpiti, per non dire sbalorditi (giustamente….), dalle frasi di papa Bergoglio. D’altronde quando mai nella storia di un dittatore non c’è un momento in cui si grida, più o meno strumentalmente, al complotto? Prologo di chiamata alle armi dei fedelissimi, e di inevitabili purghe…Ma lasciamo direttamente la parola a loro. Buona lettura Leggi il seguito…

    • La Cei tratta (poi ritratta), ma la Messa non è negoziabile

      di Stefano Fontana. L’allineamento della Chiesa italiana continua. Il presidente della Cei Bassetti parla di trattativa con lo Stato a proposito del Green pass a Messa. Poi cerca di correggersi e dice di intendere il protocollo di un anno e mezzo fa. Ma i riferimenti al lasciapassare e al coinvolgimento dei vescovi sono indizi chiari. Però l’uso del pass per partecipare alla Messa non può essere oggetto di “trattativa”. Sarebbe intollerabile e preoccupa che Bassetti abbia usato la parola “trattativa” e abbia dato la disponibilità della Cei ad una contrattazione che sarebbe scandalosa. Leggi il seguito…

    • Riflessioni (amare) sul green pass

      di Iustitia in Veritate. Una serie di articoli, redatti dai collaboratori di Iustitia in Veritate, per approfondire la virulenza liberticida del marchio verde, così come è stato concepito e applicato in Italia.

      1. CONSEGUENZE E PRESUPPOSTI NEFASTI
      L’introduzione e l’estensione ormai indiscriminata del cosiddetto green pass costringe ad alcune considerazioni sulla sua caratura morale, sulle sue implicazioni politiche e giuridiche, sui suoi effetti sulla convivenza civile. Leggi il seguito…