Dare la morte per regalare la libertà

“Avvenire”, il quotidiano dei Vescovi, ha dato questo titolo al commento della trasmissione La dolce morte, andata in onda mercoledì scorso su “Rai 3”: Eutanasia, dramma della solitudine. È possibile che il primo quotidiano cattolico del paese banalizzi in questo modo la scelta demenziale e feroce del servizio pubblico di fare pubblicità a Dignitas, l’organizzazione che in Svizzera ha l’obiettivo di «assicurare ai suoi membri una vita e una morte dignitose, valori a cui ogni essere umano ha diritto», come dice lo statuto?

Non una parola sente di pronunciare “Avvenire” sulla scelta di propagandare il suicidio da parte della “Rai-Tv”? Perchè “Avvenire” non sottolinea che questa trasmissione è andata in onda proprio nei giorni in cui si sviluppava la canea eutanasica attorno alla morte del Cardinal Martini? Conosce “Avvenire” quanto dichiarato da Emma Bonino in un’intervista a “Left Avvenimenti” dello scorso 8 settembre? «Che differenza c’è tra Piergiorgio Welby e il Cardinale Martini?», ha chiesto la giornalista e la vice-presidente del Senato ha risposto: «Il cardinal Martini non ha rifiutato l`accanimento – ovvero un trattamento inutile, che è già vietato – ma ha rifiutato cure vitali, ovvero nutrizione e idratazione artificiali».

Sa “Avvenire” che attorno all’eutanasia si sta coagulando da tempo uno schieramento omicidiario, che vuole mutare l’antropologia umana e offrire alla modernità un concetto falso ed equivoco di libertà, che corrisponde solo all’appagamento dei desideri individuali, al fine di distruggere la stessa nozione di natura umana? Che senso ha parlare, allora, di «solitudine» legata all’eutanasia?

Quella trasmissione intendeva esaltare la libertà di regalarsi la morte. Una morte contrattualizzata, amministrata da un’organizzazione che dichiara di aver dato la morte fino a tutto il 2010 a 1.138 persone. L’aiuto al suicidio passivo, oltre che con il pentobarbitale sodico, uno stupefacente, viene dato con l’elio. Una tecnica sbrigativa, messa a punto negli Stati Uniti, da Derek Humphry, membro del Final ExitNetwork, che nel 1992 diffuse un manuale contenente le indicazioni per suicidarsi, Eutanasia: uscita di sicurezza, per poi pubblicare il volume intitolato Liberi di morire, nel quale scrive che il trascorrere degli anni aiuterà la causa della libertà del morire: «Con lo scomparire di quelle generazioni che hanno attraversato le barbarie del ventesimo secolo, le sue due guerre mondiali, le bombe atomiche, i genocidi, le devastazioni ambientali e i suoi stili di vita irrispettosi dell’ambiente, le nuove generazioni saranno capaci di guardare alle decisioni sulla morte con più buon senso e compassione».

Buon senso, compassione, comprensione della solitudine, forse anche tenerezza nei confronti di chi si fa uccidere. Sono forse questi i canoni attraverso i quali giudicare il comportamento suicidiario? Non esiste forse la norma che dice: «Ciascuno è responsabile della propria vita davanti a Dio che gliel’ha donata. E’ lui che ne rimane il sovrano Padrone. Noi siamo tenuti a riceverla con riconoscenza e a preservarla per il suo onore e per la salvezza delle nostre anime. Siamo gli amministratori, non i proprietari della vita che Dio ci ha affidato. Non ne disponiamo?».

La norma è chiara e delinea una situazione di peccato mortale  per chi si toglie la vita o per chi chiede gli venga tolta. Ma il Catechismo della Chiesa è superato dalla modernità, tanto che viene insegnato sempre meno nelle Parrocchie. Nelle redazioni dei giornali cattolici, invece, sembra che non venga neanche consultato. Ci si affidi allora alla preghiera, perché Dio aiuti quei cattolici attratti dall’andazzo di questo mondo che vogliono avere comprensione per tutto e per tutti, tranne che per i principi della dottrina cattolica.

Fonte: www.corrispondenzaromana.com

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Quel che resta dopo il massacro

      di Marcello Veneziani. Il governo che resta ha tre problemi enormi, oltre quello di una maggioranza stentata, variabile, raccogliticcia. Il primo problema si chiama Conte. Se la politica vuole riconquistare un po’ di decenza non può lasciare che resti al governo un megalomane vanitoso, mai votato dal popolo sovrano anche se si presentò in origine come populista e sovranista, che sconfessa ogni giorno le posizioni e gli alleati del giorno precedente, campa sulla pandemia e sul panico che ne deriva, finge di essere modello per il mondo intero mentre il paese sprofonda nella sua crisi più drammatica; annuncia, sceneggia, assume poteri inauditi, cerca di galleggiare a ogni prezzo, non ha altro dio all’infuori di sé. La politica tutta, da sinistra a destra, non può accettare di essere così mortificata e commissariata, deve rimandare Conte nel nulla da cui è venuto per riprendersi la dignità Leggi il seguito…

    • Obiettivi ONU 2030: la Santa Sede faccia attenzione

      di Stefano Fontana. La Chiesa cattolica sembra partecipare con convinzione al perseguimento degli Obiettivi di sviluppo sostenibile dell’ONU per il 2030, però in quegli Obiettivi molte cose non vanno né per la morale naturale né per quella cattolica. Nelle parole melliflue riportate al punto 3.7 troviamo l’aborto universalizzato, la contraccezione finanziata o imposta, la negazione della vita e della famiglia. Quest’ultima parola – famiglia – non appare mai in tutti i 169 Traguardi ONU. Come è possibile, allora, che la Santa Sede ne sia entusiasta e vi collabori? Leggi il seguito…

    • Inizia l’era di Biden, il presidente del compromesso. Mentre Trump già prepara il ritorno in scena: come, si vedrà

      di Vito De Luca. D’accordo, Joe Biden è il nuovo presidente degli Stati Uniti, il 46°, e Donald Trump, il predecessore, è volato al caldo della Florida. Forse “The Donald” fonderà un suo partito, o un movimento, forse rimarrà all’interno del Gop, il Grand Old Party, forse darà vita ad un network tutto suo, forse si ricandiderà alla presidenza degli Stati Uniti nel 2024, forse lo farà uno dei suoi figli. Di sicuro, però, si ha che da un lato Biden sarà, sin da oggi, a partire dalla raffica degli ordini esecutivi sparati immediatamente (tra l’altro, l’unico e autentico potere governativo che hanno i presidenti americani), un presidente anatra zoppa, e dall’altro che Trump non sparirà. Leggi il seguito…

    • Perché la Chiesa ormai fa politica diretta

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. I vertici ecclesiastici sia della Chiesa universale che di quella italiana ormai fanno politica diretta, appoggiano governi e uomini politici, ne condannano altri, sostengono formule politiche a danno di altre o addirittura collaborano a creare nuovi corsi politici. Gli esempi sono molteplici. L’appoggio a Biden, l’odio politico per Trump oppure per Salvini, l’appoggio a suo tempo al governo Monti e ora al governo Conte, il sostegno incondizionato per il governo dell’Unione Europea, la produzione di nuovi soggetti politici come per esempio il partito “Insieme” di Stefano Zamagni, l’invito ai parlamentari cattolici a sostenere un possibile nuovo partito di Conte in cui forse confluirebbe anche “Insieme”. Papa e Vescovi fanno i politicanti, non c’è dubbio. Leggi il seguito…