Giù le mani da Mendel!

Mentre per Darwin, l’autore della teoria più contestata della storia della scienza, si moltiplicano le celebrazioni, per Gregorio Mendel, padre indiscusso della genetica si propone l’eliminazione dai testi scolastici.

Va detto senza mezzi termini: è una bieca manovra propagandistica la proposta avanzata su Scientific American di eliminare Mendel dai libri scolastici.

Il ragionamento è tanto semplice da permettere di mostrarne ancor più facilmente l’insensatezza. In poche parole si afferma che la genetica è talmente progredita dal tempo in cui il monaco  boemo condusse i propri esperimenti, che studiarne il lavoro è ormai inutile. Ecco infatti a quali conclusioni giunge Ricki Lewis l’autrice dell’articolo:

Ho prestato particolare attenzione alle tavole dei contenuti delle riviste di genetica perché, dal 1993, sono stata l’autrice di un libro di testo genetica umana. …

Ma quello che può cambiare nella prossima edizione del mio libro di testo non è cosa includere, ma ciò che, o meglio chi, da escludere: il “padre” della genetica – Gregor Mendel.

E di seguito ecco che la Lewis aggiunge le motivazioni:

Al giorno d’oggi in cui le persone possono ordinare test del DNA su Internet, alcuni hanno detto che i famosi esperimenti sulle piante di pisello pubblicati nel 1865 non sono più pertinenti, o addirittura interessanti. Altri hanno contestato il folklore di Mendel come il Galileo della genetica , l’eroe incompreso il cui lavoro instancabile nel suo giardino del monastero fu allora ignorato.

La proposta sarebbe dunque basata sulla necessità di sfrondare elementi ormai superati nello studio di una materia così complessa e lasciare le energie degli studenti per altre recenti scoperte. Come dire che non si dovrebbe più studiare la storia romana e medievale perché sono successe così tante cose nell’ultimo secolo che è meglio lasciar perdere quelle molto lontane da noi. In questo parallelismo appare evidente come il principio ispiratore di proposte del genere sia quella rivisitazione della Storia che viene attuata per far accettare le ideologie del presente.

Il meccanismo è stato spiegato in modo esemplare nel romanzo 1984 di George Orwell, la cui lettura che si raccomanda a chi non l’abbia già fatto.

Ma per capire la reale assurdità di questa proposta si può ricorrere ad un espediente che ultimamente sembra applicabile a diverse situazioni: proviamo a sostituire il nome di Mendel con quello di Darwin:

Al giorno d’oggi non resta nulla della proposta iniziale di Darwin. Egli infatti sbagliava ipotizzando nella trasmissione dei caratteri acquisiti (mediante la pangenesi) l’origine dei cambiamenti, sbagliava ritenendo che la selezione potesse spostare illimitatamente le caratteristiche delle specie, si ispirò alla falsa teoria di Malthus, sbagliava ritenendo che l’evoluzione fosse un processo continuo e graduale, insomma non ne indovinò una, tanto che all’inizio del ‘900 si parlò di “eclissi del darwinismo” e solo nel 1942 si giunse a riformulare la teoria che prese il nome di “sintesi moderna”.

Che senso ha dunque mostrarlo come l’eroe della teoria dell’evoluzione, il solitario scienziato che lavorando instancabilmente propose una teoria francamente piena di falle e decisamente sopravvalutata?

E invece no, per Darwin si moltiplicano le commemorazioni, per il bicentenario della nascita e 150° della pubblicazione dell’Origine delle specie si sono fatte celebrazioni mai tributate a nessun’altro, annualmente poi si celebra il suo compleanno con i “Darwin day“: perché per lui non valgono i ragionamenti fatti per Mendel?

 

Come detto all’inizio c’è qualcosa che veramente non torna in questa proposta, Mendel è stato il più grande biologo dell’800, la sua teoria sulla trasmissione dei caratteri ereditari ha dato inizio alla genetica, la “regina” delle discipline della biologia attuale, e contrariamente a quanto avvenuto per Darwin, i suoi studi furono così geniali e le sue conclusioni così esatte che mai furono messe in discussione. E adesso per questo gigante della scienza si vorrebbe una “damnatio memoriae“?

 

La “puzza”di manovra ideologica si sente da lontano, noi faremo tutto quanto in nostro potere per far sì che non abbia successo.

Mendel potrà essere la nostra barricata contro le ideologie scientiste e  i loro revisionismi orwelliani.

www.enzopennetta.it

 

 

.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Verità senza più diritti, così cambia la dottrina, cari pompieri

      di Stefano Fontana. Molti cattolici dicono che la richiesta di papa Francesco di riconoscere giuridicamente le coppie omosessuali non intacca la dottrina. Ma la frase non nega solo la dottrina sull’omosessualità, ma anche la dottrina del diritto e dell’autorità politica. I diritti della coppia omosessuale non esistono. A nessuno fa piacere dire che il Papa sbaglia su questioni di dottrina. Ma anche la verità ha i suoi diritti. Leggi il seguito…

    • Dopo il Papa, primi vescovi allo scoperto. Serve chiarezza

      di Luisella Scrosati. Le parole di Papa Francesco sulle coppie gay stanno facendo uscire allo scoperto i primi vescovi: «Sì alle adozioni», dice il vescovo Ricchiuti. La Congregazione per la Dottrina della Fede deve intervenire e mettere in fuga ogni dubbio, è il suo compito e c'è anche già un precedente. L’errore di una possibile accettazione da parte della Chiesa delle unioni civili è stato diffuso dal Papa e ora è necessario fare chiarezza. La richiesta della Bussola.  Leggi il seguito…

    • Marcello Pera: “Così Bergoglio ci manda tutti a fondo”

      L'ex presidente del Senato commenta le frasi del Papa sugli omosessuali: “Francesco laicizza la chiesa, si adegua a un caposaldo del pensiero secolare odierno" “Che due omosessuali si uniscano in una relazione non semina scandalo. Si tratta di un rapporto di amore, amicizia, reciproco sostegno, che non deve essere discriminato e ancor meno penalizzato”. Marcello Pera, già presidente del Senato, intellettuale laico che per anni ha dialogato con Joseph Ratzinger, commenta con il Foglio le frasi di Papa Francesco sugli omosessuali contenute nel documentario presentato ieri alla Festa del Cinema di Roma. “Però – puntualizza – se questa unione si chiama ‘famiglia’, allora è un matrimonio, e se è un matrimonio, oltre che un sacramento, è un contratto che gode di tutti i diritti connessi, compreso quello ad avere figli, che nel caso di omosessuali si può soddisfare solo con l’utero in affitto”. Leggi il seguito…

    • Francesco non parlava dei gay ma del loro “diritto al figlio”. Ed è molto peggio

      di Idefix. In un certo senso è vero: papa Francesco non ha detto quello che molti pensano abbia voluto dire. Purtroppo ha detto molto di peggio. Non si tratta “soltanto” dell’invito al riconoscimento giuridico delle unioni omosessuali, fatto già abbastanza clamoroso per un Pontefice. Tantomeno si tratta del riferimento ai diritti individuali delle persone conviventi, indipendentemente dalla natura del loro rapporto: una legge del genere verrebbe approvata in cinque minuti all’unanimità. Men che mai le incaute dichiarazioni rilanciate dal documentario presentato in queste ore possono essere derubricate come una preoccupazione per il diritto degli omosessuali a non essere rifiutati dalla propria famiglia d’origine (ci mancherebbe). Leggi il seguito…