Le donne nell’induismo

Nel mio “Indagine sul cristianesimo” (Piemme) ho dimostrato storicamente come l’uguaglianza in dignità tra uomo e donna sia stata introdotta dal cristianesimo e difesa per secoli dalla Chiesa. Sollecitato dalla lettura del libro di Roberto Dal Bosco, “Contro il buddismo” (Fede & Cultura), in cui si spiegano le terribile pratiche tantriche cui, anche in Tibet, vengono sottoposte le donne e le bambine, ho raccolto alcuni articoli sulal condizione della donna proprio in india, là dove il cristianesimo non ha compiuto ancora il suo ruolo salvifico.

http://it.peacereporter.net/articolo/4004/Morte+per+dote

http://it.peacereporter.net/articolo/1084/Bimbe+intoccabili%2C+prostitute+a+sette+anni

http://it.peacereporter.net/articolo/6127/La+pira+delle+donne

Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • La Germania domina l’Europa, e MR. Monti

      https://www.youtube.com/watch?v=mEj5cxgmY9Q Leggi il seguito… 

    • “Per Renzi una sconfitta che va oltre il dato elettorale”

      quagliariello
      Intervista a Gaetano Quagliariello di Paolo Mainiero, su "L'Occidentale" «La sconfitta di Renzi va oltre il voto e la vittoria di Milano l’ha appena attenuata. Ancor più che politica, è stata sconfitta del metodo: Renzi ha fatto passare l’arroganza per decisionismo, l’occupazione del potere per capacità di governo. Ma ciò che è più grave è che Renzi ha rotto lo schema con il quale si era partiti a inizio legislatura, uno schema in cui le due culture politiche tradizionali si univano per costruire un terreno comune attraverso le regole. Renzi ha imposto un suo schema - lui da una parte, gli altri dall’altra - facendo nascere una solidarietà tra M5s e centrodestra che si è espressa naturalmente al secondo turno, soprattutto a Torino». Leggi il seguito… 

    • Isis circondato a Sirte, ma in Libia si aprono nuovi fronti

        Da Gianandrea Gaiani, su "La Nuova Bussola Quotidiana" A Sirte le milizie dell’Isis resistono combattendo metro per metro e casa per casa contro le forze di Misurata fedeli al governo di salvezza nazionale di Fayez al-Sarraj ma l’intera Libia sta tornando ad esplodere in mille conflitti locali e scontri tra interessi tribali e confronti tra laici e islamici. Leggi il seguito… 

    • Il vescovo di Erbil: “E’ un genocidio, non si aspettino vent’anni per dirlo”

      image   Matteo Matzuzzi, su Il Foglio Dopo Mosul, potrebbe toccare a Erbil, da più di un anno ancora di salvezza per le minoranze cacciate dalla piana di Ninive dalle milizie del Califatto islamico di Abu Bakr al Baghdadi. Leggi il seguito…