Il Piccolo Principe

di Gemma Musicco

Ho incontrato un bambino di circa sei anni, che ride, ha i capelli d’oro e vede una pecora dentro una cassa coi buchi. Non risponde quando lo si interroga, mentre non rinuncia mai a una domanda che fa. Viene da un paese lontano, dove possiede tre vulcani dei quali spazza il camino tutte le settimane e un fiore che innaffia tutti i giorni. Per vincere la malinconia, ama guardare i tramonti a tutte le ore.

Ha una sola paura: che la pecora mangi il suo fiore. Dice: Se qualcuno ama un fiore, di cui esiste un solo esemplare in milioni e milioni di stelle, questo basta a farlo felice quando lo guarda. E lui si dice: il mio fiore è la in qualche luogo. Ma se la pecora mangia il fiore, è come se per lui tutto a un tratto, tutte le stelle si spegnessero! E non è importante questo! A lui, un bambino di sei anni, sono bastati un fiore, una stella e una cassa coi buchi per spiegarmi il segreto della felicità: l’amore.

E che cosa è l’amore?

E’ occuparsi di altro che non di sé stessi, come il lampionaio che accende e spegne il suo lampione: almeno il suo lavoro ha un senso. Quando accende il suo lampione, è come se facesse nascere una stella in più, o un fiore. Quando lo spegne addormenta il fiore o la stella. E’ una bellissima occupazione, ed è veramente utile, perché è bella. E donare il proprio tempo è il regalo più prezioso che si possa fare.

E’ interessarsi alle cose essenziali, non come i grandi che amano le cifre. Parlando loro di un nuovo amico, non si domandano mai: qual è il tono della sua voce? Quali sono i suoi giochi preferiti? Fa collezione di farfalle? Ma vi domandano: che età ha? Quanti fratelli? Quanto pesa? Quanto guadagna suo padre? Allora soltanto credono di conoscerlo. Ciò che rende una persona unica è proprio la sua voce, il suo passatempo preferito e il suo sogno: queste le cose che la fanno splendere di una bellezza in grado di stupire e far innamorare.

E’ diventare grandi e vedere le pecore dentro le casse, un elefante dentro un boa. Per non dover dire ai bambini di lasciar da parte i boa, sia di fuori che di dentro, e di applicarsi invece alla geografia, alla storia, all’aritmetica e alla grammatica. Come dire che diventar grandi significa non credere più di essere una ballerina, un poeta, un musicista, un pittore. Come dire che i sogni esistono solo nelle fiabe e crescendo non c’è più tempo né spazio per un desiderio.

E’ lasciare la certezza per l’incertezza. Anche se è assurdo cercare un pozzo, a caso, nell’immensità del deserto  vale la pena mettersi in cammino sapendo che ciò che abbellisce il deserto è che nasconde un pozzo in qualche luogo…. Una ricerca sulle tracce del mistero, certi dell’esistenza di una realtà altra che dia un senso a ogni nostra giornata.

E’ soffermarsi sulle cose importanti. A nulla vale comandare su un intero pianeta, né essere ammirati dagli altri, né possedere cinquecento milioni di stelle, né descrivere le cose eterne se poi si tralasciano quelle effimere. Quello che è importante non lo si vede. Se tu vuoi bene a un fiore che sta in una stella, è dolce la notte, guardare il cielo. Tutte le stelle sono fiorite. Davvero l’essenziale è invisibile agli occhi.

E’ trovare il tempo per relazioni autentiche, d’amore e d’amicizia. Far parlare il silenzio perché le parole sono una fonte di malintesi. Ascoltare l’altro. Scoprire il prezzo della felicità attraverso l’attesa e caricare il proprio cuore di intensità.  Sapere che amare vuol dire anche soffrire ma c’è un senso se, come la volpe, ci guadagni il colore del grano.

Il Piccolo Principe di Antoine De Saint-Exupéry esiste davvero. In una notte senza nubi fermati a guardare le stelle. Sono certa che riconoscerai il suo pianeta.

Fonte: http://cogitoetvolo.it/il-piccolo-principe/

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Chiesa e biopolitica: le quattro strategie fallimentari

      Dottrina Sociale di Stefano Fontana. La Evangelium vitae (1995) di Giovanni Paolo II aveva posto le questioni bioetiche dentro la questione sociale. Da qui il nesso tra bioetica e Dottrina sociale della Chiesa. Se osserviamo la realtà attuale bisogna però riconoscere che il messaggio non è stato recepito e che quell’incontro non è avvenuto. Leggi il seguito…

    • Antifascismo mitologico in affanno, tra il dottorato di Liliana Segre e il discorso di Mattarella sulle foibe

      di Cominius. All’Università di Roma antagonisti e collettivi (e chi sennò?) inscenano il solito corteo con annesso canto di “Bella ciao” (e cosa sennò?) perché in occasione del conferimento del dottorato honoris causa a Liliana Segre uno dei rappresentanti degli studenti scelti dall’ateneo per presenziare alla cerimonia è esponente di una lista di centrodestra. Dopo averlo trasformato in una frazione di secondo in fascista pericoloso, gli occhiuti democratici – a cui ovviamente non importa più di tanto della volgare e formalistica rappresentatività della lista in cui lo studente è stato eletto – pretendono che le autorità accademiche lo escludano dalla cerimonia e, manco a dirlo, gli impediscano di parlare. L’ateneo (stranamente dico io) resiste: la cerimonia si svolge, i democratici manifestano e cantano fuori, lo studente fa il suo decorosissimo e ragionevole discorso di saluto dentro, e – ora arriva il bello – la senatrice chiede di dargli un bacio, con un gesto affettuoso e denso di significato, un gesto che rompe l’incantesimo dei rituali stanchi e dei cliché dell’antifascismo di comodo: il rospo fascista, baciato dall’eroina, quasi quasi diventa principe. Bel finale. Leggi il seguito…

    • Corso intensivo sul politicamente corretto

      di Marcello Veneziani. Ma cos’è esattamente il politically correct? Lo citiamo ogni giorno senza magari coglierne tutto il significato. Provo a offrire una breve guida, un sunto critico e un succo concentrato. Per il politically correct la realtà, la natura, la famiglia, la civiltà finora conosciute, vissute e denominate, sono sbagliate. Il politicamente corretto è il moralismo in assenza di morale, il razzismo etico in assenza di etica, il bigottismo in assenza di religione. Ecco, in breve il politically correct Leggi il seguito…

    • Quella vicinanza troppo stretta tra ONU e Santa Sede

      di Edward Pentin. Il Catholic Register intervista Stefano Fontana: “Questo appiattimento sulle idee e sul linguaggio sull’ONU secolarizza la fede cattolica, togliendole dal punto di vista filosofico l’impianto metafisico, e dal punto di vista teologico l’assolutezza dottrinale. In questo modo la fede cattolica diventa un “percorso” accanto ad altri, non avendo più la pretesa di poter dire una parola di salvezza anche per le questioni temporali. Un tempo la Chiesa parlava di pace, convivenza e fraternità sulla base: a) della legge naturale, b) del Vangelo nostro Signore. Oggi ne parla nel senso della collaborazione tra le religioni. Il cambiamento è notevole. Non tutte le religioni accettano il diritto e la morale naturali e, naturalmente, il Vangelo. Pensare ad una giornata della fraternità umana da condividere con tutte le religioni significa mettere da parte la legge naturale e il Vangelo” Leggi il seguito…