Lifeday: un flop annunciato

Foto pubblicate da Riscossa cristiana sul Lifeday convocato da Carlo Casini a Roma.

2000 persone circa, quasi vuota la sala che ai tempi della presidenza Migliori (quando ognuno si mobilitava a sue spese) si riempiva sino all’ultimo posto. Che dire? Bastano le foto!

Eppure su Zenit, Antonio Gaspari, giornalista  di “Sì alla vita”, ha scritto che i presenti erano, si badi bene, 18.000! Gli è scappato uno zero… voleva scrivere 1800…

f1

 

f2

f3

 

f4

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Amy Coney Barrett: l’originalismo, la separazione dei poteri e i limiti all’arbitrio interpretativo dei giudici

      di Bilbo Baggings. Cos’è l’originalismo testualista, corrente interpretativa, di cui è esponente la giudice Amy Coney Barrett, appena indicata da Trump alla Corte Suprema, in sostituzione dell’icona liberal Ruth Bather Ginsbug? Leggi il seguito…

    • Se la Chiesa diventa ancella dell’ONU

      di Stefano Fontana. Covid, globalismo e sovranismo, vaccini, clima: nel suo Messaggio alle Nazioni Unite per il 75esimo della fondazione, papa Francesco affronta temi attuali ma adeguandosi al sentire dominante, senza alcun rilievo originale ispirato alla Dottrina sociale della Chiesa. Leggi il seguito…

    • Il peccato originale della Barrett? Essere cattolica senza essere “adulta”

      di Eugenia Roccella. Per i democratici americani e per i media di casa nostra Amy Coney Barrett, la candidata proposta da Trump, non è adatta a diventare giudice della Corte Suprema americana, perché cattolica. “Il dogma vive dentro di lei”, disse con tono apocalittico una senatrice democratica, Dianne Feinstein, e tutti oggi citano quella frase, sottolineando come la Barrett sia contraria all’aborto a causa della sua fede. Leggi il seguito…

    • Super ex: Roma vaticana assomiglia a una corte pagana…

      di Marco Tosatti. Bergoglio ha governato 7 anni con il pugno di ferro verso i nemici (i cattolici fedeli al I comandamento, quelli convinti che “non uccidere l’innocente” sia ancora valido ecc…) e lasciando briglia sciolta ai presunti “amici”. Ora però accade che i suoi presunti amici, ora che il Capo non è più onnipotente, ma declinante, siano non solo ingombranti, ma anche divisi tra loro: le spartizioni non sono mai facili, tra briganti, e i regolamenti di conti, le vendette,  prima o poi arrivano Leggi il seguito…