Considerazioni sugli embrioni del san Filippo Neri di Roma

1) Sono stati distrutti 94 embrioni umani, 10 ovociti, 5 campioni di sperma. Questo è quanto si è saputo dal centro di procreazione assistita dell’Ospedale San Filippo Neri di Roma.
2) Per i 94 nuovi martiri della “procreazione assistita” non ci saranno esequie.
3) I politici sono, come tutti noi, tra i responsabili della legge 40/2004 sulla fertilizzazione in provetta. Detta legge è tra le più disumane, in quanto prevede la “crioconservazione” e la perdita di embrioni umani. Ai politici la Verità interessa poco, serve solo il consenso e il compromesso per essere sempre maggioranza.
4) Conclusione. Se tutto fosse andato secondo la procedura, sarebbero nati al massimo 4-5 bambini, per gli altri non ci sarebbe stata la nascita.
Questa è la grande impostura che viene sempre censurata. Il congelamento stesso è disumano. La stessa metodica è disumana.
Questi nuovi martiri rendono Testimonianza alla Verità davanti a tutti, svelando l’ipocrisia della proceazione assistita.
 Leandro Aletti , Ginecologo
Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Il patriottismo dei mascalzoni

      di Marcello Veneziani. Su, finitela con questa mascherata. Da quando, il 1° giugno, Sergio Mattarella ha invocato l’unità del paese allo scopo di delegittimare la manifestazione dell’opposizione del giorno dopo, la Cupola italiana – quell’intreccio di poteri che occupa istituzioni, governo, scena politica, media di stato e giornaloni, poteri giudiziari e sanitari – ripete ogni giorno il mantra di restare uniti contro il virus, la destra e la piazza, che poi ai loro occhi coincidono. La chiamano unità ma intendono uniformità. La chiamano comunità ma intendono conformità. Leggi il seguito…

    • Parla il fondatore dei (veri) Gilet arancioni: “Noi siamo il movimento della terra, ripartire da qui”

      Intervista di Claudia Passa. “I gilet arancioni ce li siamo inventati noi, e non sono certo questi. Sono un movimento nato per far sentire l’urlo della terra. Potranno pure prendersi il nostro marchio, ma noi non ci fermeremo”. I gilet arancioni hanno un luogo e una data di nascita, hanno una precisa ragione sociale e hanno un “papà”, che non è il pittoresco generale Pappalardo ma il conte Onofrio Spagnoletti Zeuli. Importante imprenditore agricolo pugliese, da sempre attivo nel mondo dell’associazionismo di settore, Spagnoletti è stato protagonista di importanti mobilitazioni dei lavoratori della terra, esercito di “invisibili” di cui forse l’emergenza coronavirus ha fatto comprendere appieno il valore. Leggi il seguito…

    • Patria e famiglia: insieme stanno, insieme cadono

      di Chiara Mantovani. XI Rapporto Van Thuân, il saggio del prof. Mauro Ronco L’XI Rapporto sulla Dottrina sociale della Chiesa nel mondo dell’Osservatorio Cardinale Van Thuân è dedicato a “Popoli, nazioni, patrie: tra natura e artificio politico” (Cantagalli, Siena 2020). Tra i saggi che lo compongono spicca il corposo studio del Prof. Mauro Ronco dal titolo: “La patria italiana nel nuovo millennio”, che qui viene recensito. Leggi il seguito…

    • Omofobia, la battaglia perdente dei cattolici

      di Stefano Fontana. Con la legge Zan sacerdoti e catechisti rischiano la galera, ma sacerdoti e catechisti si saranno chiusi la bocca da soli ben prima che la legge Zan gliela chiuda. Col senso di colpa di essere indietro di 200 anni, la Chiesa cerca di guadagnare il terreno perduto e limita la propria libertà prima che lo Stato gliela limiti. La lotta alla legge Zan basata sulla libertà di espressione deve fondarsi sulla verità e il bene e sul fatto che ci sono dei mali che l’autorità politica può al massimo tollerare a determinate condizioni ma mai approvare come forme di bene pubblico.   Leggi il seguito…