“I nuovi Unni” (un libro da leggere)

Perché proprio la Gran Bretagna pare essere diventata il laboratorio sociale di una civiltà decristianizzata? Che cosa è accaduto nella storia di quell’Isola – un tempo gloriosa provincia dell’Impero romano – che ha portato allo smarrimento dell’identità di un popolo, ed al suo imbarbarimento? Questo libro tenta di dare una risposta attraverso un’attenta analisi storica, culturale, sociale e filosofica davvero convincente, e per alcuni tratti avvincente.
Colpisce, in particolare, la riconduzione alla Riforma protestante, così come conosciuta dall’esperienza inglese, di molte delle cause che hanno portato all’attuale decadenza della civiltà occidentale. Fenomeni come l’individualismo, la political correctness, il positivismo scientifico, le aberrazioni bioetiche, il sentimentalismo, il soggettivismo artistico, l’animalismo, e la Massoneria vengono analizzati sulla base della loro connessione con il declino del mondo anglosassone maturato a seguito dello scisma d’Occidente e della conseguente tragica separazione da Roma.
Con la sua divisione in due sezioni il saggio consente da una parte di capire le ragioni storiche, culturali che hanno portato all’attuale decadimento della società del Regno Unito, e dall’altra di avere un’impietosa fotografia di ciò che accade nella banale realtà del quotidiano, attraverso la raccolta cronologica di articoli. Uno dei pregi di questo saggio, infatti, è quello di mostrare, attraverso la narrazione cronachistica di eventi realmente accaduti, la fondatezza delle riflessioni storiche, filosofiche e sociologiche contenute nella prima parte del libro, che rischierebbero altrimenti di apparire come astratte disquisizioni accademiche.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Boris Johnson e noi: ultima chiamata per cambiare l’Europa

      di Eugenio Capozzi. Il trionfo di Boris Johnson nelle elezioni del Regno Unito è una svolta storica per quel paese, che ora finalmente dopo tre anni di stallo potrà proseguire sul percorso iniziato nel 2016 con il referendum sulla Brexit. Ma esso rappresenta anche l’ennesimo – forse il definitivo – avviso all’Europa e a tutto l’Occidente che il mondo è cambiato, che è necessario fare i conti con la realtà, che occorre voltare pagina e cominciare a ricostruire se non si vuole perire. Leggi il seguito…

    • Una classe dirigente cattolica che non ci fa dormire tranquilli

      di Stefano Fontana. Oggi dietro all’etichetta di cattolico non è più sicuro cosa ci sia. Il che significa che può esserci di tutto. Per questo la richiesta di una nuova classe di politici cattolici, oltre a suonare male perché c’è già, come Mattarella, Conte e Cartabia dimostrano, è un esercizio retorico o strumentale, almeno fino a che non si faccia un po’ più di chiarezza su cosa significhi essere cattolico, e poi cattolico in politica Leggi il seguito…

    • Super ex: dopo Stalin, c’è sempre un Chruščëv. Sarà Tagle?

      di Marco Tosatti. Era il 14 aprile e il cardinal Tagle lanciava l’allarme riguardo a “cordate sperando in qualcosa che solo lo Spirito Santo invece può decidere”. Si riferiva, il porporato, a presunte manovre in vista di un futuro conclave. Leggendo questo grido “disperato” pensai subito che la prima gallina che canta ha fatto l’uovo. Erano già noti, infatti, i termini della questione: Bergoglio ha stufato tutti, da un pezzo; Tagle era indicato da molti come l’erede designato da Bergoglio stesso. E guarda un po’, il Tagle lancia l’allarme riguardo ad altri, che aspirerebbero a sostituire Francesco e… lui stesso! La domanda è questa: c’è davvero una mafia di san Gallo al contrario in azione? Leggi il seguito…

    • Filoni, Tagle. L’affilata misericordia di papa Francesco

      di Marco Tosatti. Cari amici e nemici di Stilum Curiae, e soprattutto troll e curiosoni vaticani, vogliamo dedicare poche righe a una decapitazione, che però non ha avuto il rilievo che meritava, sui mass media generalisti. E cioè quella di un buon prete, il cardinale Fernando Filoni, ex diplomatico, che è stato repentinamente, e senza alcun motivo apparente, scalzato con un paio di anni di anticipo dal suo posto, quello di Prefetto della Congregazione di Propaganda Fide. Leggi il seguito…