Contrordine: Carlo Casini si ricandida. Intanto epura…

Avevamo comunicato che Carlo Casini, 77 anni, di cui oltre trenta in Parlamento e 22 come Presidente del Movimento per la Vita, aveva deciso di non ricandidarsi alle elezioni di marzo. Le sue dichiarazioni ad un settimanale diocesano facevano pensare che fosse l’ora di un rinnovamento. Abbiamo avuto però notizia, da svariate fonti (diversi consiglieri del direttivo nazionale) che non è così: nell’ultimo direttivo, infatti, Casini ha dichiarato che si ricandiderà e che sarebbe opportuno che il Movimento rimanesse unito intorno a lui. Subito rientrate alcune possibili candidature: “non vogliamo venire poi accusati, come avviene ogni volta, di dividere”…

Per leggere l’articolo sulle probabili dimissioni:

http://www.libertaepersona.org/wordpress/2012/02/carlo-casini-lascia-la-presidenza-del-movimento-per-la-vita/

Infine segnaliamo una nuova querelle nel MpV: epurazioni e colpi di scena non mancano mai, sebbene queste continue divisioni indeboliscano e creino grandi turbamenti nel popolo dei pro life e rendano sempre meno credibile un Movimento che ha, invece, tanti meriti:

http://www.federvitapiemonte.it/html/editoriale_read.php?read=132

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Aborto e Polonia, i vescovi contro il bullismo targato UE

      di Ermes Dovico. Con una lettera al presidente dell’Europarlamento, David Maria Sassoli, i vescovi della Comece hanno criticato la Risoluzione del 26 novembre 2020 che prende di mira la Polonia per le sue decisioni pro vita. La missiva smonta, Trattati alla mano, le falsità contenute nel documento approvato da 455 eurodeputati. E ricorda che l’aborto non rientra nelle competenze dell’UE e che la vita dei nascituri va protetta sempre. Leggi il seguito…

    • La prevalenza del vigliacco

      di Marcello Veneziani. Come definire quei magistrati che erano al corrente del “sistema” denunciato Luca Palamara nel suo libro intervista con Alessandro Sallusti, conoscevano quei metodi, quei veti, quelle omissioni, quei killeraggi e quelle disparità di trattamento tra compagni da salvare e nemici da sfasciare, avevano la possibilità di fermarli, di denunciarli o almeno dissociarsi ma non lo hanno fatto? Le definizioni possono essere tante, ma si riassumono in una che non si presta a equivoci: vigliacchi. Sono vigliacchi. Leggi il seguito…

    • Covid e oblio della Dottrina sociale della Chiesa sulla rivista “Communio”

      di Stefano Fontana. La rivista cattolica internazionale “Communio” [www.Communio-ICR.com], edizione americana, ha pubblicato nel suo ultimo numero un articolo di Stefano Fontana: “Forgetting the Social Doctrine of the Church in the Epoch of Coronavirus” – “L’oblio della Dottrina sociale della Chiesa nell’epoca del Coronavirus” – XLVII (2020) 3, pp. 634-648. Nell’articolo si sostiene che in questo periodo di Pandemia la Chiesa ha dimenticato di adoperare nell’analisi della situazione e nelle prospettive di soluzione la propria Dottrina sociale. Leggi il seguito…

    • L’arca di Noè e il riscaldamento globale: Bergoglio fra Greta e l’ira di Dio

      di Idefix. Giusto ieri, su questo giornale, veniva rivolto un appello ai conservatori a non regalare la questione dell’ambiente alla sinistra. A contrapporre, cioè, all’ambientalismo ideologico di quanti poi sul fronte antropologico negano il diritto naturale, non il negazionismo ambientale ma un sano ambientalismo antropocentrico. Un approccio ecologico, insomma, che va alla radice del termine e si propone di tutelare l’òikos in quanto casa dell’uomo, non di prostrarsi a un nuovo feticcio in stile vitello d’oro o “pachamama”. Leggi il seguito…