Bioeticisti italiani chiedono l’infanticidio. Coerenti…

(AGI) – Roma, 28 feb. – Nei paesi dove e’ permesso l’aborto, perche’ non consentire anche l’infanticidio? I neonati, come i feti, non hanno infatti “lo status morale di una reale persona umana”. E’ la posizione shock espressa da due bioeticisti italiani, Alberto Giubilini e Francesca Minerva, autori di un articolo dall’incredibile titolo “Aborto dopo la nascita, perche’ il bambino dovrebbe vivere?” pubblicato sul Journal of Medical Ethics, rivista “gemella” di una delle piu’ prestigiose riviste scientifiche del mondo, il British Medical Journal. I due bioeticisti, che lavorano all’Universita’ di Melbourne in Australia, affrontano il tema seriamente: sia il feto che il neonato, sostengono, sono solo persone potenziali, senza alcun interesse. Pertanto gli interessi delle persone coinvolte con loro sono di primaria importanza fino a qualche tempo indefinito dopo la nascita. Per questo e’ lecito l’”aborto post-nascita”, come viene chiamato dagli studiosi. “Noi affermiamo – scrivono chiaro e tondo i due autori – che l’uccisione di un neonato potrebbe essere eticamente ammissibile in tutte le circostanze in cui lo e’ l’aborto. Tali circostanze includono i casi in cui il neonato ha il potenziale per avere una vita (almeno) accettabile, ma il benessere della famiglia e’ a rischio”. E, ancora piu’ chiaro: “Se i criteri come i costi (sociali, psicologici, economici) per i potenziali genitori sono buone ragioni per avere un aborto anche quando il feto e’ sano, se lo status morale del neonato e’ la stessa di quella del bambino e se non ha alcun valore morale il fatto di essere una persona potenziale, le stesse ragioni che giustificano l’aborto dovrebbero anche giustificare l’uccisione della persona potenziale quando e’ allo stadio di un neonato”.
Quanto tempo dopo la nascita e’ “eticamente lecito” uccidere i bambini? Giubilini e Minerva lasciano questa domanda a neurologi e psicologi, ma secondo loro “ci vogliono almeno un paio di settimane perche’ il bambino diventi auto-cosciente. A quel punto da persona potenziale diventa una persona, e l’infanticidio non e’ piu’ consentito”. Inevitabili le reazioni: sull’Avvenire di oggi e’ apparso il commento del neurologo Gan Luigi Gigli, che riportando alcuni passi dell’intervento scrive: “Sembra il trailer di un film dell’orrore. Invece si tratta del riassunto fedele di un articolo apparso on line pochi giorni fa sul Journal of Medical Ethics, la prestigiosa rivista della stessa editrice del British Medical Journal. Si va ben al di la’ dello stesso ignominioso Protocollo di Groningen, in base al quale dal 2002 in Olanda e’ permesso porre fine attivamente alla vita dei neonati con prognosi infausta”. Nell’articolo si afferma infatti la liceita’ morale anche dell’infanticidio per motivi economici, psicologici o sociali (auspicandone domani la liceita’ giuridica)”. Sconvolge, secondo Gigli, anche il fatto che “i due autori, Alberto Giubilini e Francesca Minerva, siano entrambi italiani”. “Forse e’ il caso che qualcuno, anche tra chi non crede in Dio, incominci a dire basta alle invasioni barbariche, per non trovarci tutti a vivere nel crepuscolo disumano della civilta’ occidentale”.

 

Nella foto: Francesco Minerva. Fa parte di una Consulta di Bioetica presieduta da Maurizio Mori, il consulente e ideologo di Beppino Englaro.

Qui il suo curriculum:

Francesca Minerva è Post-Doctoral Fellow presso il Centre for Applied Philosophy and Public Ethics (CAPPE) all’Università di Melbourne. Oltre che componente del Direttivo nazionale della Consulta di Bioetica, è co-fondatrice della sezione pisana. Si è laureata in Filosofia all’Università di Pisa con una tesi sulla bioetica nella prospettiva della Chiesa Valdese, e ha ottenuto nel 2010 il Dottorato in Bioetica all’Università di Bologna con una tesi sull’obiezione di coscienza in ambito medico. Collabora a Oxford con l’Uehiro Centre for Practical Ethics sotto la supervisione di Julian Savulescu.

Be Sociable, Share!