La crisi di fede c’è, ma finirà

La Bella Addormentata – Perché dopo il Vaticano II la Chiesa è entrata in crisi. Perché si risveglierà. E’ questo il titolo dell’ultimo libro della premiata ditta Gnocchi e Palmaro: un agile saggio edito da Vallecchi (settembre 2011), che tenta di fornire una spiegazione del perché la Chiesa, oggi, si trovi in una situazione di difficoltà che è sotto gli occhi di tutti.
Solo per fare qualche esempio: vescovi che non obbediscono al Papa; preti che girano con vestiti di marca e con cellulari all’ultima moda; chiese in cui il Santissimo è nascosto in qualche nicchia laterale; Messe dove il prete ricopre il ruolo di attore-protagonista; la disarmante incoscienza dei fedeli rispetto l’importanza di sacramenti quali la confessione e la comunione (per non parlare del matrimonio! Ormai celebrato in chiesa solo perché la location è di gran lunga esteticamente migliore rispetto ad un ufficio del Comune)… e via di questo passo.

Come mai siamo arrivati a questo punto?
Nel rispondere, Alessandro Gnocchi e Mario Palmaro si appoggiano in particolare ai pregevoli lavori di Gherardini, De Mattei e padre Serafino Maria Lanzetta, i quali negli ultimi anni si sono impegnati nello studiare il Concilio Vaticano II nei suoi preparativi, nel suo svolgimento e, soprattutto, nella sue conseguenze.
Di capitolo in capitolo, La Bella Addormentata analizza vari aspetti delle assise conciliari: il clima culturale in cui si svolse; il ruolo determinante giocato dai mezzi di comunicazione di massa; l’apertura della Chiesa al mondo; l’attacco al latino e all’autorità stessa del Papa; la crisi liturgica che è derivata dall’oscuramento della Croce; la creazione di una vera e propria neolingua postconciliare, fondata sull’ambiguità; eccetera.

L’intera indagine di Gnocchi e Palmaro è svolta facendo affidamento sui documenti conciliari stessi e non mira a distruggere o criticare per il puro gusto di farlo, anzi. Leggendo il libro si coglie infatti molto bene come i due autori siano mossi esclusivamente da un profondo amore per la Chiesa. Una Chiesa che è oggigiorno innegabilmente in difficoltà e che ha bisogno di risollevarsi; ma per fare questo necessita di persone che ribadiscano la Verità, che è una sola da duemila anni a questa parte.

La Chiesa è addormentata, ma si risveglierà: dobbiamo solo amarla.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Chiesa e biopolitica: le quattro strategie fallimentari

      Dottrina Sociale di Stefano Fontana. La Evangelium vitae (1995) di Giovanni Paolo II aveva posto le questioni bioetiche dentro la questione sociale. Da qui il nesso tra bioetica e Dottrina sociale della Chiesa. Se osserviamo la realtà attuale bisogna però riconoscere che il messaggio non è stato recepito e che quell’incontro non è avvenuto. Leggi il seguito…

    • Antifascismo mitologico in affanno, tra il dottorato di Liliana Segre e il discorso di Mattarella sulle foibe

      di Cominius. All’Università di Roma antagonisti e collettivi (e chi sennò?) inscenano il solito corteo con annesso canto di “Bella ciao” (e cosa sennò?) perché in occasione del conferimento del dottorato honoris causa a Liliana Segre uno dei rappresentanti degli studenti scelti dall’ateneo per presenziare alla cerimonia è esponente di una lista di centrodestra. Dopo averlo trasformato in una frazione di secondo in fascista pericoloso, gli occhiuti democratici – a cui ovviamente non importa più di tanto della volgare e formalistica rappresentatività della lista in cui lo studente è stato eletto – pretendono che le autorità accademiche lo escludano dalla cerimonia e, manco a dirlo, gli impediscano di parlare. L’ateneo (stranamente dico io) resiste: la cerimonia si svolge, i democratici manifestano e cantano fuori, lo studente fa il suo decorosissimo e ragionevole discorso di saluto dentro, e – ora arriva il bello – la senatrice chiede di dargli un bacio, con un gesto affettuoso e denso di significato, un gesto che rompe l’incantesimo dei rituali stanchi e dei cliché dell’antifascismo di comodo: il rospo fascista, baciato dall’eroina, quasi quasi diventa principe. Bel finale. Leggi il seguito…

    • Corso intensivo sul politicamente corretto

      di Marcello Veneziani. Ma cos’è esattamente il politically correct? Lo citiamo ogni giorno senza magari coglierne tutto il significato. Provo a offrire una breve guida, un sunto critico e un succo concentrato. Per il politically correct la realtà, la natura, la famiglia, la civiltà finora conosciute, vissute e denominate, sono sbagliate. Il politicamente corretto è il moralismo in assenza di morale, il razzismo etico in assenza di etica, il bigottismo in assenza di religione. Ecco, in breve il politically correct Leggi il seguito…

    • Quella vicinanza troppo stretta tra ONU e Santa Sede

      di Edward Pentin. Il Catholic Register intervista Stefano Fontana: “Questo appiattimento sulle idee e sul linguaggio sull’ONU secolarizza la fede cattolica, togliendole dal punto di vista filosofico l’impianto metafisico, e dal punto di vista teologico l’assolutezza dottrinale. In questo modo la fede cattolica diventa un “percorso” accanto ad altri, non avendo più la pretesa di poter dire una parola di salvezza anche per le questioni temporali. Un tempo la Chiesa parlava di pace, convivenza e fraternità sulla base: a) della legge naturale, b) del Vangelo nostro Signore. Oggi ne parla nel senso della collaborazione tra le religioni. Il cambiamento è notevole. Non tutte le religioni accettano il diritto e la morale naturali e, naturalmente, il Vangelo. Pensare ad una giornata della fraternità umana da condividere con tutte le religioni significa mettere da parte la legge naturale e il Vangelo” Leggi il seguito…