Il T.A.R del piemonte e i volontari pro life nei consultori

di Anita Leone

Dunque, il T.A.R. del Piemonte ha accolto il ricorso delle femministe contro l’entrata dei “volontari per la vita” nei consultori piemontesi. Un provvedimento fortemente voluto dal Governatore del Piemonte, Roberto Cota, che aveva sottoscritto, in campagna elettorale, il “Patto per la Vita e la Famiglia”, proposto da Federvita Piemonte (Federazione dei Centri di Aiuto alla Vita e dei Movimenti per la Vita piemontesi) presieduta da Marisa Orecchia, Alleanza Cattolica ed altri.

Verrebbe, a prima vista, da credere che si tratti dell’ennesima invasione di campo della magistratura, ma in verità l’analisi deve essere più approfondita.

Ricapitoliamo dunque i fatti essenziali: dopo la sottoscrizione del Patto da parte di Cota, e l’appoggio di Federvita Piemonte, il presidente nazionale del Movimento per la Vita, Carlo Casini, eurodeputato dell’Udc, stigmatizza l’accordo e richiama la Orecchia in quanto la Bresso è appoggiata dal suo stesso partito.

Alle elezioni regionali del 2010 Cota vince, e Carlo Casini, mentre inizia una lunga operazione di attacco nei confronti di Federvita Piemonte, salta sul carro del vincitore e dichiara machiavellicamente la sua soddisfazione per come sono andate le elezioni (questi fatti, di cui sono una dei tanti testimoni, sono ben raccontati in Francesco Agnoli, “Storia del Movimento per la vita, tra eroismi e cedimenti”, Fede & Cultura).

 Divenuto Governatore, Roberto Cota mantiene gli impegni presi con Federvita Piemonte e introduce la possibilità, come si ricordava all’inizio, per i “volontari della vita”, di entrare nei consultori. Scatta, immediato, il ricorso delle femministe.

E’ a questo punto che Casini, insieme a Valter Boero, anch’egli in principio avverso all’appoggio di Federvita Piemonte a Cota, corre a Torino e, in una conferenza stampa andata deserta, dichiara che il MpV nazionale si opporrà al ricorso delle femministe, per difendere il provvedimento di Cota.

Apparentemente tutto normale: il presidente nazionale è intervenuto in appoggio ad una federazione regionale, per difenderne i successi ottenuti. La realtà è però diversa: perché Casini e Boero sono corsi subito ad intestarsi un successo non loro? Con quale diritto si sono auto-proclamati, di fronte all’opinione pubblica, difensori di un provvedimento che in verità, stigmatizzando il patto per la vita, frutto dell’accordo Cota – Federvita Piemonte, non avevano certo facilitato?

Come è possibile che il presidente nazionale del MpV vada a Torino per fare una conferenza stampa, escludendo Marisa Orecchia, cioè uno dei protagonisti del patto che ha portato, appunto, alle decisioni di Cota?

Ma non è tutto. Sin dall’inizio viene detto a Casini che non deve porsi, in quanto presidente del Movimento per la Vita, come unico rappresentante del “volontariato per la vita”, sia perché vi sono altre associazioni che si occupano del tema (ad esempio la “Giovanni XXIII”), sia perché questo fornirebbe alla magistratura il destro per invalidare il provvedimento, come discriminante rispetto al resto del volontariato.

Ma Casini, personaggio che non accetta di essere in secondo piano, continua sulla sua strada. Di più, nonostante non risulti abbia esercitato la professione forense, Casini gira l’Italia spiegando che lui è “avvocato” e che provvederà lui stesso, a difendere il provvedimento di Cota contro il ricorso delle femministe!

Se vincerà, è chiaro, l’entrata dei volontari del MpV nei consultori diverrà automaticamente merito suo (e non dell’odiata Federazione dei MpV e dei Cav piemontesi). Ma, come si è visto, è andata male…

Il T.A.R. ha evidenziato il potenziale discriminante del provvedimento regionale verso le altre associazioni in quanto orientato solo alle associazioni pro vita e ha colto ulteriori elementi di incompatibilità o inadeguatezza (quali la preferenza per la vita piuttosto che per la scelta, la mancanza di un’adeguata e specifica formazione tecnico professionale da parte dei volontari interessati, e altro).

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Quel che resta dopo il massacro

      di Marcello Veneziani. Il governo che resta ha tre problemi enormi, oltre quello di una maggioranza stentata, variabile, raccogliticcia. Il primo problema si chiama Conte. Se la politica vuole riconquistare un po’ di decenza non può lasciare che resti al governo un megalomane vanitoso, mai votato dal popolo sovrano anche se si presentò in origine come populista e sovranista, che sconfessa ogni giorno le posizioni e gli alleati del giorno precedente, campa sulla pandemia e sul panico che ne deriva, finge di essere modello per il mondo intero mentre il paese sprofonda nella sua crisi più drammatica; annuncia, sceneggia, assume poteri inauditi, cerca di galleggiare a ogni prezzo, non ha altro dio all’infuori di sé. La politica tutta, da sinistra a destra, non può accettare di essere così mortificata e commissariata, deve rimandare Conte nel nulla da cui è venuto per riprendersi la dignità Leggi il seguito…

    • Obiettivi ONU 2030: la Santa Sede faccia attenzione

      di Stefano Fontana. La Chiesa cattolica sembra partecipare con convinzione al perseguimento degli Obiettivi di sviluppo sostenibile dell’ONU per il 2030, però in quegli Obiettivi molte cose non vanno né per la morale naturale né per quella cattolica. Nelle parole melliflue riportate al punto 3.7 troviamo l’aborto universalizzato, la contraccezione finanziata o imposta, la negazione della vita e della famiglia. Quest’ultima parola – famiglia – non appare mai in tutti i 169 Traguardi ONU. Come è possibile, allora, che la Santa Sede ne sia entusiasta e vi collabori? Leggi il seguito…

    • Inizia l’era di Biden, il presidente del compromesso. Mentre Trump già prepara il ritorno in scena: come, si vedrà

      di Vito De Luca. D’accordo, Joe Biden è il nuovo presidente degli Stati Uniti, il 46°, e Donald Trump, il predecessore, è volato al caldo della Florida. Forse “The Donald” fonderà un suo partito, o un movimento, forse rimarrà all’interno del Gop, il Grand Old Party, forse darà vita ad un network tutto suo, forse si ricandiderà alla presidenza degli Stati Uniti nel 2024, forse lo farà uno dei suoi figli. Di sicuro, però, si ha che da un lato Biden sarà, sin da oggi, a partire dalla raffica degli ordini esecutivi sparati immediatamente (tra l’altro, l’unico e autentico potere governativo che hanno i presidenti americani), un presidente anatra zoppa, e dall’altro che Trump non sparirà. Leggi il seguito…

    • Perché la Chiesa ormai fa politica diretta

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. I vertici ecclesiastici sia della Chiesa universale che di quella italiana ormai fanno politica diretta, appoggiano governi e uomini politici, ne condannano altri, sostengono formule politiche a danno di altre o addirittura collaborano a creare nuovi corsi politici. Gli esempi sono molteplici. L’appoggio a Biden, l’odio politico per Trump oppure per Salvini, l’appoggio a suo tempo al governo Monti e ora al governo Conte, il sostegno incondizionato per il governo dell’Unione Europea, la produzione di nuovi soggetti politici come per esempio il partito “Insieme” di Stefano Zamagni, l’invito ai parlamentari cattolici a sostenere un possibile nuovo partito di Conte in cui forse confluirebbe anche “Insieme”. Papa e Vescovi fanno i politicanti, non c’è dubbio. Leggi il seguito…