Segni di Dio nel mondo contemporaneo

Un grande poeta inglese, Coventry Patmore, ha scritto: “Ogni conoscenza degna di questo nome è una conoscenza nuziale“, questo è tanto più vero per la conoscenza del Dio di Gesù Cristo.

La nostra dignità di uomini è in stretto rapporto alla conoscenza che ogni giorno approfondiamo con Dio, a ciascuno di noi è data la possibilità di scoprire o riscoprire con Lui un’esperienza personale essenziale. Attingendo attraverso la vita sacramentale i tesori della Grazia, saremo in grado di aprirci alle problematiche del nostro tempo, perché i nostri contemporanei hanno bisogno di incontrare persone e gruppi che vivono intensamente la loro adesione a Cristo.

Sono soprattutto i testimoni che hanno forza persuasiva. Paolo VI scrisse: “L’uomo di oggi apprezza di più i testimoni che i maestri, o se ascolta i maestri, lo fa perché sono dei testimoni”. Sta a ciascuno di noi di essere un autentico segno di Dio nel mondo contemporaneo. Dovremmo essere capaci di una passione d’amore così forte per Cristo, che sia in grado di contagiare coloro che vivono attorno a noi. ? possibile che, attraverso di noi, Dio diventi una realtà nella storia del mondo, perché generalmente è proprio attraverso una mediazione umana che si comprende qualcosa della bellezza di Dio. Siamo chiamati a risvegliare negli uomini del nostro tempo una sorgente di stupore, per far loro scoprire che una Presenza li avvolge. Abbiamo il compito di fare della nostra vita un capolavoro di luce e di amore, bisogna che sia bella, che porti l’irradiazione della gioia. Non si tratta di chiacchierare, di assediare la gente, di fare propaganda. Se siamo portatori di gioia, se la vita si trasfigura dove arriviamo, se c’è più rispetto nel nostro ufficio, nella nostra casa, le persone vedranno in noi delle rivelazioni viventi del viso di Gesù Cristo, che vuole rivelarsi e manifestarsi attraverso il nostro. Pensiamo al credito che Dio ci fa affidando Se Stesso nelle nostre mani, diventando suoi ambasciatori.

Prestare a Dio il nostro viso

Padre Maurice Zundel diceva: “Ognuno di noi ha ricevuto da Dio un tratto del suo Viso Infinito per manifestarlo, e questa rivelazione che è il nostro stesso essere, solo noi la possiamo fare. Dobbiamo apportare agli altri infinitamente più che noi stessi nell’irraggiamento di Dio che ci abita. Tonnellate di discorsi non hanno mai cambiato niente. Lo spirito non può essere colpito fruttuosamente che per lo spirito, l’anima per l’anima, la persona per la persona, la vita per la vita. I beni dello spirito non possono essere comunicati che nella misura in cui sono vissuti”.

Dobbiamo prestare a Dio il nostro sorriso, la nostra bontà, la nostra amicizia perché queste cose colpiscono il cuore dell’uomo. S. Gregorio Nisseno ha scritto: “Occorre respirare Cristo, assimilare Cristo, per poi esprimere Cristo con la nostra vita”. Una delle cose belle della nostra vita è proprio la possibilità che ci è data di rivelare Dio; se saremo capaci di rivestirci di Cristo, secondo la stupenda espressione di S. Paolo, coloro che incontreremo nel cammino saranno certamente capaci di fermarsi e domandarsi da dove proviene la bontà e la bellezza della nostra esistenza. Fare esperienza di Dio significa vivere una forte relazione di amicizia e di amore con Lui, in cui si impara anche a farlo scoprire agli altri. Oltre a gustare le cose di Dio, ad alcuni è concesso di farle gustare a loro volta ad altre persone, vengono fatti capaci di diventare propagatori di questo desiderio del Signore, e diffusori di questa luce e letizia di Dio.

S. Escrivà de Balaguer ripeteva: “Se le persone che ci stanno accanto non migliorano la vita cristiana, se noi non abbiamo il desiderio che le persone che conosciamo stringano amicizia con Dio, fino a giungere ad una stretta intimità con Lui, significa che non stiamo corrispondendo alla chiamata ricevuta, in quanto ci sollecita a diffondere il regno di Dio, e – rendetevene conto – significa che persino su un piano umano siamo dei falliti, perché abbiamo disertato dalla strada che il Signore, nell’infinito suo amore e nella sua misericordia, ha tracciato personalmente per noi“.

Nei santi si intravede Qualcuno che vive in loro e la gente li segue proprio per questo motivo: il loro volto svela un altro Volto. Quale stupore nel poter vedere, attraverso il viso di un uomo, il Viso di Dio. Il grande predicatore domenicano di Notre-Dame di Parigi, Lacordaire, era solito andare ad ascoltare il Curato d’Ars, sebbene quest’ultimo non avesse la dottrina e la preparazione del primo. A chi gli faceva notare perché si scomodasse per andare fino ad Ars, Lacordaire rispondeva: “Vado a sentire cosa dice lo Spirito Santo”. Il Curato d’Ars era un vero uomo di Dio, e la gente accorreva da tutte le parti per ascoltare quest’autentico profeta del Signore, che richiamava alla conversione e alla penitenza con la santità della propria vita.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Voto Emilia Romagna, il centrodestra in coro: “Uniti si vince”

      I partiti della coalizione di centrodestra hanno festeggiato questa sera la chiusura della campagna elettorale in piazza del Popolo a Ravenna, gremita da migliaia di persone. La candidata Lucia Borgonzoni ha chiuso gli interventi dal palco sottolineando che “vinceremo perchè siamo la piazza che propone, non quella contro. Non siamo quelli degli insulti. Per me stravinciamo, ma non dobbiamo mollare fino alla fine. E dopo che ci siamo liberati, con questa squadra andiamo a prendere il Paese”. Leggi il seguito…

    • Le elezioni in Emilia fanno paura ai giallorossi: ecco tutti gli scenari

      di Giuseppe Pica. Mancano ormai soltanto poche ore all’appuntamento che in molti considerano cruciale per la sopravvivenza del governo “giallo-rosso”: le elezioni in Emilia-Romagna, infatti potrebbero rappresentare un vero e proprio spartiacque all’interno di questa legislatura. Sono in molti a credere che l’attuale maggioranza non riuscirebbe ad uscire indenne dall’ennesima sconfitta rimediata in un’elezione regionale, soprattutto dopo il disastro verificatosi pochi mesi fa in Umbria ed è inutile negare come il peso specifico del voto emiliano-romagnolo sia infinitamente più alto sia per il grande numero di elettori che coinvolge (circa tre milioni e mezzo), sia perché da sempre questo territorio ha rappresentato un inespugnabile fortino della sinistra. Leggi il seguito…

    • Ascesa e caduta di Luigi Di Maio: una fine annunciata

      di Giuseppe Pica. Alla fine, è successo: Luigi Di Maio non sarà più il capo politico del Movimento Cinque Stelle. Termina così un’avventura da leader di partito che per l’attuale Ministro degli Esteri era iniziata nel settembre del 2017, quando fu incensato da un voto plebiscitario tenutosi sulla piattaforma Rousseau: erano tempi certamente felici per i grillini, i quali già degustavano la possibilità di ottenere un grande risultato alle elezioni politiche che si sarebbero tenute sei mesi dopo. Questo però, una volta materializzatosi, ha paradossalmente rappresentato l’inizio del declino del giovane esponente politico di origini napoletane. Leggi il seguito…

    • Sardine nostalgiche. Ma non solo di “Bella Ciao”

      di Cominius. Qui Bologna: cronache dell’entusiasmo.Un ragazzo regge uno dei tanti cartelli a forma di pesce sul quale si legge che le sardine non sono mute, hanno tante cose da dire. Forse devono decidere ancora quali cose dire, quali scelte fare, è passato così poco tempo dalla loro nascita. Non sono fatte comunque per gli slogan, per le frasi a effetto. Mattia definisce questo concerto «una svolta epocale per la politica». L’inviato del Corriere non riesce a contenersi, e il rapimento è così estatico da non avvertire neppure l’effetto ossimoro: niente frasi a effetto, per carità, ma subito una bella dichiarazione all’insegna del più umile understatement, ossia il concerto come svolta epocale. Nientepopodimeno. Leggi il seguito…