Buon 8 Marzo (sperando che sia l’ultimo)

Cara Donna, approfitto di questo giorno così importante per rivolgerti un invito speciale e stravagante solo in apparenza, che sono certo farai presto tuo: inizia a dubitare dell’Otto marzo, e, quanto prima, richiedine l’abolizione; fai capire al mondo che ne hai abbastanza di questa trovata pubblicitaria senza storia e senza senso.

Senza storia perché basata su un avvenimento – il rogo di 129 lavoratrici newyorkesi dell’8 marzo 1908 – storicamente mai avvenuto e inventato di sana pianta da Clara Zetkin, femminista tedesca che, al Congresso socialista di Copenaghen del 1910, propose che questo giorno fosse proclamato "giornata internazionale della donna" in ricordo di quelle martiri sociali. Niente di strano: certe bugie hanno le gambe corte, altre durano più di un secolo, ma sempre tali restano.

Senza senso perché nemmeno il buon profumo delle mimose – te ne sarai resa conto – può coprire il fallimento di un’epoca sempre più marcia, che doveva riservarti libertà ed emancipazione, ma che nei fatti ti presenta giorno dopo giorno uno conto sempre più salato: ti avevano promesso che saresti stata finalmente libera di sceglierti il futuro, e invece ora ti ritrovi con due soli, avvilenti modelli: quello della donna-oggetto e della donna in carriera. Che poi sono due facce della stessa medaglia, quella di un’epoca che, come scrive Lori Gottlieb, femminista odiata dalle femministe, ti impone una femminilità del tutto innaturale e provvisoria.

Ti hanno presa in giro, ecco tutto. E, come se non bastasse, pensano ancora di cavarsela concedendoti un giorno all’anno, come se l’amore che ti spetta potesse essere ridimensionato all’ufficialità di una festa che, alla fine della fiera, finisce solo per dare un po’ di ossigeno a fioristi e ristoratori; tutta brava gente, per carità, ma tu meriti molto altro. In primis, meriti l’identità che ti hanno sequestrato facendoti credere che diventare mamma sia una possibilità come le altre, un’opzione, una varia ed eventuale. Che vero il diritto sia far carriera e sgobbare tutta la vita, anziché esigere che sia un marito a farlo per te ed il tuo piccolo.

Dove sono andate a finire tutte le ragazze?” si chiedeva sette anni il Financial Times, dando finalmente risalto ai 163 milioni di bambine sterminate da quell’aborto eugenetico che, con raro coraggio intellettuale, Pigi Battista oggi descrive come “selezione fredda, moderna, implacabile, governata, deliberata, di Stato. Una strage preordinata, finalizzata alla soppressione di una metà dell’umanità. La tecno scienza applicata a un progetto di annientamento” (Corriere della Sera, 8/3/2010, p.34).

Visto? In Occidente ti hanno schiavizzata, altrove non ti fanno nemmeno più nascere. Per questo, cara Donna, è tempo che ti ribelli a questa bugia planetaria e maschilista che ti hanno cucito addosso e torni ad essere quello che in cuor tuo già sei: moglie fedele e madre premurosa. Fallo e vedrai che presto anche il maschio si toglierà il costume da Peter Pan e tornerà a fare l’uomo. Dagli solo un po’ di tempo. Nella speranza quindi che la festa di oggi diventi presto reale e quotidiana, ti auguro – sperando che sia l’ultimo – buon 8 marzo.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Patria, il Comando che sfida l’ubriacatura globalista

      di Stefano Fontana. Perché la politica crede che lo Stato-nazione sia superato da una globalizzazione inarrestabile e così facendo condanna se stessa? A questo problema è dedicato l’XI Rapporto sulla Dottrina sociale della Chiesa nel Mondo dell’Osservatorio Cardinale Van Thuân. La nazione si configura come “patria” proprio perché ha le radici nei “padri” e Giovanni Paolo diceva che il dovere verso la patria deriva dal quarto comandamento: Onora il padre e la madre. Ecco perché è necessario un recupero di fronte all’attuale ubriacatura di forzato globalismo. Leggi il seguito…

    • Il tramonto di Giuseppi

      di Frodo. Un inno alla presentabilità che non è bastato: Giuseppe Conte, tra qualche settimana, potrebbe dover fare i conti con un giudizio simile a questo. Il chiacchiericcio retroscenista che limita per sentenza politologica la durata di un governo, di solito, tende ad allungare la vita dello stesso esecutivo. È una regola non scritta del giornalismo: quando si vuole fare un piacere ad un politico, bisogna darlo per politicamente morto. Chiedere, per maggiori informazioni, a Silvio Berlusconi. Ecco perché dare Conte per spacciato non conviene ad un centrodestra che bene farebbe, invece, a pensare a riorganizzarsi come una vera coalizione. Il respiro giallorosso però rimane corto. Come abbiamo già avuto modo di far notare, i nodi stanno inesorabilmente venendo al pettine. Leggi il seguito…

    • Una tolleranza totalitaria. Antologia da BXVI

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. In un recente articolo ho sostenuto che l’intervento di Mattarella e Conte in occasione della Giornata mondiale del 17 maggio scorso contro l’omofobia e la transfobia [a cui è stata aggiunta anche la bifobia (!)] usa il principio di tolleranza per istituire un regime intollerante, cioè autoritario, cioè totalitario. In questo articolo dicevo, tra l’altro: “La tolleranza assoluta è intollerante perché deve vietare di pensare che non tutto si debba tollerare”.  E aggiungevo: “Uno Stato che non conosce il limite fa paura. Uno Stato che sa dire tanti no, ma non quelli giusti, fa paura”. Leggi il seguito…

    • Nella confusione coronavirus, un confuso genitore cattolico

      di Amedeo Rossetti. Tavolo di Lavoro sul dopo-coronavirus Quando Siena nel 1400 fu colpita dalla peste, anche molti medici ed infermieri si ammalarono e morirono. San Bernardino aveva 20 anni ed insieme ai compagni della Confraternita dei Disciplinati nella quale era entrato, Bernardino si offrì come volontario, adoperandosi nell’assistenza agli appestati per quattro mesi, fino all’inizio dell’inverno, quando la pestilenza cominciò e regredire; passò successivamente quattro mesi tra la vita e la morte, essendo rimasto pure lui contagiato, ma poi guarì. Leggi il seguito…