Quanto ci costerà Odifreddi a Trento?

Proprio dovunque! Che bello, anche la piccola città di Trento ospita oggi, con suono di trombe, due paginate sull’Adige e altre altrove, il mitico Odifreddi, quello per cui i cristiani sono tutti "cretini", e il cristianesimo è una religione per minus habens. Odifreddi insieme alla Hack è la faccia della scienza ufficiale, quella che sola può comparire in tv, questa grande creatrice di miti fasulli, a giorni alterni. La Hack ormai ha la sua età, mentre Odifreddi ha un ottimo fisico: riesce ad essere dovunque.

A Trento inaugurerà anche il festival della montagna: del resto nei suoi libri discetta sull’ebraico, sulla filologia biblica, cita parole in sanscrito, frasi in latino, greco…tutto, senza aver mai fatto né il classico, né l’università apposita; perchè non dovrebbe parlare anche al festival della montagna? E poi a quello del vino, della birra, a inaugurare le Olimpiadi, i mondiali, e chi più ne ha più ne metta? Tanto più che la cosa frutta i suoi soldini. Una volta invitai Odifreddi a Trento, per un confronto (conservo ancora la sua mail di risposta): dissi che avevamo pochi soldi e lui, magnanimo, volle venirci incontro: vabbè, disse, duemila euro più le spese!

A Trento abbiamo chiamato Ferrara, Socci, Messori…sono venuti tutti gratis, neppure i soldi del viaggio hanno voluto. Proposi 1500 euro. Ma Odifreddi no: “il pagliaccio, se lo faccio, penserà, almeno che sia redditizio…speriamo solo che un giorno in tv non mi chiedano di spiegare il mio passato da seminarista. Non sarebbe bello dover ammettere che sono stato un cretino anch’io…"..

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Chiesa e biopolitica: le quattro strategie fallimentari

      Dottrina Sociale di Stefano Fontana. La Evangelium vitae (1995) di Giovanni Paolo II aveva posto le questioni bioetiche dentro la questione sociale. Da qui il nesso tra bioetica e Dottrina sociale della Chiesa. Se osserviamo la realtà attuale bisogna però riconoscere che il messaggio non è stato recepito e che quell’incontro non è avvenuto. Leggi il seguito…

    • Antifascismo mitologico in affanno, tra il dottorato di Liliana Segre e il discorso di Mattarella sulle foibe

      di Cominius. All’Università di Roma antagonisti e collettivi (e chi sennò?) inscenano il solito corteo con annesso canto di “Bella ciao” (e cosa sennò?) perché in occasione del conferimento del dottorato honoris causa a Liliana Segre uno dei rappresentanti degli studenti scelti dall’ateneo per presenziare alla cerimonia è esponente di una lista di centrodestra. Dopo averlo trasformato in una frazione di secondo in fascista pericoloso, gli occhiuti democratici – a cui ovviamente non importa più di tanto della volgare e formalistica rappresentatività della lista in cui lo studente è stato eletto – pretendono che le autorità accademiche lo escludano dalla cerimonia e, manco a dirlo, gli impediscano di parlare. L’ateneo (stranamente dico io) resiste: la cerimonia si svolge, i democratici manifestano e cantano fuori, lo studente fa il suo decorosissimo e ragionevole discorso di saluto dentro, e – ora arriva il bello – la senatrice chiede di dargli un bacio, con un gesto affettuoso e denso di significato, un gesto che rompe l’incantesimo dei rituali stanchi e dei cliché dell’antifascismo di comodo: il rospo fascista, baciato dall’eroina, quasi quasi diventa principe. Bel finale. Leggi il seguito…

    • Corso intensivo sul politicamente corretto

      di Marcello Veneziani. Ma cos’è esattamente il politically correct? Lo citiamo ogni giorno senza magari coglierne tutto il significato. Provo a offrire una breve guida, un sunto critico e un succo concentrato. Per il politically correct la realtà, la natura, la famiglia, la civiltà finora conosciute, vissute e denominate, sono sbagliate. Il politicamente corretto è il moralismo in assenza di morale, il razzismo etico in assenza di etica, il bigottismo in assenza di religione. Ecco, in breve il politically correct Leggi il seguito…

    • Quella vicinanza troppo stretta tra ONU e Santa Sede

      di Edward Pentin. Il Catholic Register intervista Stefano Fontana: “Questo appiattimento sulle idee e sul linguaggio sull’ONU secolarizza la fede cattolica, togliendole dal punto di vista filosofico l’impianto metafisico, e dal punto di vista teologico l’assolutezza dottrinale. In questo modo la fede cattolica diventa un “percorso” accanto ad altri, non avendo più la pretesa di poter dire una parola di salvezza anche per le questioni temporali. Un tempo la Chiesa parlava di pace, convivenza e fraternità sulla base: a) della legge naturale, b) del Vangelo nostro Signore. Oggi ne parla nel senso della collaborazione tra le religioni. Il cambiamento è notevole. Non tutte le religioni accettano il diritto e la morale naturali e, naturalmente, il Vangelo. Pensare ad una giornata della fraternità umana da condividere con tutte le religioni significa mettere da parte la legge naturale e il Vangelo” Leggi il seguito…