Il figlio (nascosto) di Emma Bonino

Intervistata dal settimanale Di Più, Emma Bonino si lascia andare ad una dichiarazione impegnativa: “Non ho mai avuto il coraggio di prendere un impegno per sempre. E un figlio è l’unica cosa che è davvero per sempre. Ad un certo punto della mia vita però l’ho anche cercato un figlio” (Di Più 1/07/08, p.36). Che la celebre leader radicale non amasse impegni duraturi, potevamo anche immaginarlo, ma per il resto stentiamo a credere alle nostre orecchie, eppure – salvo rimaneggiamenti truffaldini – queste sono proprio le parole della Emma nazionale.
Chissà se pensava al figlio come ad “un impegno per sempre”, Emma Bonino, mentre praticava aborti armeggiando con pompe di bicicletta, spudorata al punto di farsi persino immortalare, al pari di un eroina intenta ad ultimare la propria impresa.
Chissà – rimanendo in tema – se la Nostra pensava sempre all’importanza di un figlio quando si batteva per la legalizzazione dell’aborto procurato, concretizzatasi in una Legge, la 194, che totalizza 3323 parole organizzate in 22 articoli, tra le quali, combinazione, manca proprio il termine “figlio”.
A chiarirci l’idee è la diretta interessata. Infatti, sempre nella sopraccitata intervista, Emma Bonino chiarisce:”Un figlio è un rimpianto che non ho”.
Meno male, che spavento ci eravamo presi!
Print Friendly
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Adozioni e utero in affitto: la nostra battaglia condivisa anche da omosessuali

      matera-tavola-rotonda di Alessandro Santini. Sabato, a Matera, ho iniziato da qui il mio intervento al dibattito “Nuovi diritti o nuove pretese?”, uno degli appuntamenti della festa nazionale di “IDEA – Popolo e Libertà” al quale sono stato invitato dal senatore Carlo Giovanardi, che ringrazio. Con lui, Francesco Agnoli, Assuntina Morresi e Marina Terragni ho avuto l'opportunità di confrontarmi su un tema di cui il centrodestra non ha mai parlato più di tanto. Leggi il seguito… 

    • “Avvenire”, ormai è solo ideologia

      avvenire-ius-soli di Stefano Fontana. Lo "strano" caso di Avvenire e della legge sullo IUS SOLI spinta dal quotidiano con ogni mezzo. Ma perché ad Avvenire non hanno fatto una copertina simile quando il Parlamento ha approvato la legge Cirinnà che di principi assoluti della morale naturale e della Dottrina sociale della Chiesa ne negava almeno un centinaio? E perché non ha fatto lo stesso quando è stata staccata la spina del ventilatore al piccolo CharlieGard? Oppure ogni anno, nella ricorrenza dell’approvazione della legge 194 sull’aborto legale? Leggi il seguito… 

    • Perché mai San Francesco avrebbe dovuto camminare alla cieca?

      the_parable_of_the_blind di Silvio Brachetta. Si è aperta ad Assisi l’edizione 2017 de “Il Cortile di Francesco”. Il problema però sta soprattutto nelle parole degli organizzatori. Il Cardinale Gianfranco Ravasi prospetta un “Cammino” fine a se stesso e fa parlare Montaigne: «A chi mi domanda ragione dei miei viaggi, rispondo che so bene quello che sfuggo, ma non quello che cerco». Dovrebbe, invece, essere ben chiaro cosa cerca il pellegrino cristiano… Leggi il seguito… 

    • Don Carlo Caffarra, incatenato alla verità come a una roccia

      di Stanislaw Grygiel - Il Foglio, 17 Settembre 2017 “So che le batoste che si prende sono destinate a me”, disse un giorno Giovanni Paolo II.Un’amicizia durata quarant’anni. Leggi il seguito…