Diritti umani al primate, ma quali diritti all’uomo?

L’approvazione avvenuta ieri, ad opera del Parlamento spagnolo, che prevede l’estensione della tutela dei “diritti umani” ai grandi primati , oranghi, gorilla e scimpanzé, deve essere guardata con preoccupazione, perché rappresenta l’ennesima conferma ad una tendenza culturale pericolosa, e cioè quella dell’equiparazione tra l’uomo e l’animale. Poco importano, in questo senso, le parentele biologiche – reali o presunte – tra l’uomo e il primate: la decisione di approvare il progetto Gran Simios costituisce, comunque la si pensi su Darwin ed evoluzionismo, un regresso della civiltà, perché nega un fatto di per sè evidente: gli esseri umani sono diversi, ma soprattutto sono ontologicamente superiori al mondo animale, anche alle sue espressioni più evolute.
Oggi anche epistemologi come John Searle ci spiegano e di dimostrano, in modo del tutto “laico” – per usare un aggettivo in voga – come la ragione costituisca patrimonio esclusivo degli esseri umani (Cfr. J. Searle, La razionalità dell’azione, Raffaello Cortina), che non a caso occupano il vertice, quanto a importanza, della piramide dei viventi. Ciononostante, la tendenza ad estendere al mondo animale diritti per antonomasia riservati alle persone, sembra non conoscere battute d’arresto.
Non solo. Accade di peggio: mentre l’ombrello della tutela giuridica si amplia in favore degli animali, sono gli esseri umani ad esserne progressivamente esclusi. Pensiamo all’aborto. Le stime planetarie più caute parlano, rifacendosi a dati del 2003, di 41.6 milioni di aborti annui ( Cfr. Lancet 10/2007, 370:1338-1345): un genocidio di proporzioni tremende, superiore ad ogni altro. E l’Occidente, forte delle proprie conquiste economiche e tecnologiche, che fa? Si adopera per contrastare questa strage? Manco per sogno.
Si serve delle proprie istituzioni più autorevoli – Onu e Ue in testa – per finanziare politiche abortiste ai danni del Terzo Mondo, e nel frattempo pensa a come meglio tutelare gli animali. Capiamoci: è senza dubbio importante coltivare un rapporto armonioso col mondo animale evitando, se possibile, abusi e violenze.
E’ lo stesso Dio, nell’Antico Testamento, a vietare ad esempio l’uccisione degli animali per soffocamento e a ordinare che animali così violentemente uccisi non vengano mangiati. Gli fa eco San Tommaso quando scrive che è dovere dell’uomo e della sua ragionevolezza uccidere, quando necessario, gli animali nel modo più rapido ed indolore (Cfr. S. Th. , I-II, q. 102, aa. 6 – 8). Il problema è che oggi accade l’esatto contrario: gli esseri umani – specie coloro che dovrebbero essere più tutelati perché più giovani e innocenti – subiscono, nell’indifferenza generale, atrocità di ogni genere: dall’aborto allo sfruttamento minorile, dalla pedofilia (che qualche “illuminato” ha proposto di legalizzare) a veri e propri commerci, mentre agli animali vengono elargiti diritti dei quali nessuno, nemmeno loro, sente in bisogno. Quale logica soggiace a queste paradossali manovre? E’ un caso che a ideare severe normative a protezione degli animali sia stato, a suo tempo, il governo presieduto da Adolf Hitler?
Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Quel che resta dopo il massacro

      di Marcello Veneziani. Il governo che resta ha tre problemi enormi, oltre quello di una maggioranza stentata, variabile, raccogliticcia. Il primo problema si chiama Conte. Se la politica vuole riconquistare un po’ di decenza non può lasciare che resti al governo un megalomane vanitoso, mai votato dal popolo sovrano anche se si presentò in origine come populista e sovranista, che sconfessa ogni giorno le posizioni e gli alleati del giorno precedente, campa sulla pandemia e sul panico che ne deriva, finge di essere modello per il mondo intero mentre il paese sprofonda nella sua crisi più drammatica; annuncia, sceneggia, assume poteri inauditi, cerca di galleggiare a ogni prezzo, non ha altro dio all’infuori di sé. La politica tutta, da sinistra a destra, non può accettare di essere così mortificata e commissariata, deve rimandare Conte nel nulla da cui è venuto per riprendersi la dignità Leggi il seguito…

    • Obiettivi ONU 2030: la Santa Sede faccia attenzione

      di Stefano Fontana. La Chiesa cattolica sembra partecipare con convinzione al perseguimento degli Obiettivi di sviluppo sostenibile dell’ONU per il 2030, però in quegli Obiettivi molte cose non vanno né per la morale naturale né per quella cattolica. Nelle parole melliflue riportate al punto 3.7 troviamo l’aborto universalizzato, la contraccezione finanziata o imposta, la negazione della vita e della famiglia. Quest’ultima parola – famiglia – non appare mai in tutti i 169 Traguardi ONU. Come è possibile, allora, che la Santa Sede ne sia entusiasta e vi collabori? Leggi il seguito…

    • Inizia l’era di Biden, il presidente del compromesso. Mentre Trump già prepara il ritorno in scena: come, si vedrà

      di Vito De Luca. D’accordo, Joe Biden è il nuovo presidente degli Stati Uniti, il 46°, e Donald Trump, il predecessore, è volato al caldo della Florida. Forse “The Donald” fonderà un suo partito, o un movimento, forse rimarrà all’interno del Gop, il Grand Old Party, forse darà vita ad un network tutto suo, forse si ricandiderà alla presidenza degli Stati Uniti nel 2024, forse lo farà uno dei suoi figli. Di sicuro, però, si ha che da un lato Biden sarà, sin da oggi, a partire dalla raffica degli ordini esecutivi sparati immediatamente (tra l’altro, l’unico e autentico potere governativo che hanno i presidenti americani), un presidente anatra zoppa, e dall’altro che Trump non sparirà. Leggi il seguito…

    • Perché la Chiesa ormai fa politica diretta

      Dottrina sociale di Stefano Fontana. I vertici ecclesiastici sia della Chiesa universale che di quella italiana ormai fanno politica diretta, appoggiano governi e uomini politici, ne condannano altri, sostengono formule politiche a danno di altre o addirittura collaborano a creare nuovi corsi politici. Gli esempi sono molteplici. L’appoggio a Biden, l’odio politico per Trump oppure per Salvini, l’appoggio a suo tempo al governo Monti e ora al governo Conte, il sostegno incondizionato per il governo dell’Unione Europea, la produzione di nuovi soggetti politici come per esempio il partito “Insieme” di Stefano Zamagni, l’invito ai parlamentari cattolici a sostenere un possibile nuovo partito di Conte in cui forse confluirebbe anche “Insieme”. Papa e Vescovi fanno i politicanti, non c’è dubbio. Leggi il seguito…