Diritti umani al primate, ma quali diritti all’uomo?

L’approvazione avvenuta ieri, ad opera del Parlamento spagnolo, che prevede l’estensione della tutela dei “diritti umani” ai grandi primati , oranghi, gorilla e scimpanzé, deve essere guardata con preoccupazione, perché rappresenta l’ennesima conferma ad una tendenza culturale pericolosa, e cioè quella dell’equiparazione tra l’uomo e l’animale. Poco importano, in questo senso, le parentele biologiche – reali o presunte – tra l’uomo e il primate: la decisione di approvare il progetto Gran Simios costituisce, comunque la si pensi su Darwin ed evoluzionismo, un regresso della civiltà, perché nega un fatto di per sè evidente: gli esseri umani sono diversi, ma soprattutto sono ontologicamente superiori al mondo animale, anche alle sue espressioni più evolute.
Oggi anche epistemologi come John Searle ci spiegano e di dimostrano, in modo del tutto “laico” – per usare un aggettivo in voga – come la ragione costituisca patrimonio esclusivo degli esseri umani (Cfr. J. Searle, La razionalità dell’azione, Raffaello Cortina), che non a caso occupano il vertice, quanto a importanza, della piramide dei viventi. Ciononostante, la tendenza ad estendere al mondo animale diritti per antonomasia riservati alle persone, sembra non conoscere battute d’arresto.
Non solo. Accade di peggio: mentre l’ombrello della tutela giuridica si amplia in favore degli animali, sono gli esseri umani ad esserne progressivamente esclusi. Pensiamo all’aborto. Le stime planetarie più caute parlano, rifacendosi a dati del 2003, di 41.6 milioni di aborti annui ( Cfr. Lancet 10/2007, 370:1338-1345): un genocidio di proporzioni tremende, superiore ad ogni altro. E l’Occidente, forte delle proprie conquiste economiche e tecnologiche, che fa? Si adopera per contrastare questa strage? Manco per sogno.
Si serve delle proprie istituzioni più autorevoli – Onu e Ue in testa – per finanziare politiche abortiste ai danni del Terzo Mondo, e nel frattempo pensa a come meglio tutelare gli animali. Capiamoci: è senza dubbio importante coltivare un rapporto armonioso col mondo animale evitando, se possibile, abusi e violenze.
E’ lo stesso Dio, nell’Antico Testamento, a vietare ad esempio l’uccisione degli animali per soffocamento e a ordinare che animali così violentemente uccisi non vengano mangiati. Gli fa eco San Tommaso quando scrive che è dovere dell’uomo e della sua ragionevolezza uccidere, quando necessario, gli animali nel modo più rapido ed indolore (Cfr. S. Th. , I-II, q. 102, aa. 6 – 8). Il problema è che oggi accade l’esatto contrario: gli esseri umani – specie coloro che dovrebbero essere più tutelati perché più giovani e innocenti – subiscono, nell’indifferenza generale, atrocità di ogni genere: dall’aborto allo sfruttamento minorile, dalla pedofilia (che qualche “illuminato” ha proposto di legalizzare) a veri e propri commerci, mentre agli animali vengono elargiti diritti dei quali nessuno, nemmeno loro, sente in bisogno. Quale logica soggiace a queste paradossali manovre? E’ un caso che a ideare severe normative a protezione degli animali sia stato, a suo tempo, il governo presieduto da Adolf Hitler?
Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • A lezione dal virus

      di Marcello Veneziani. Sulla vita che è cambiata, seppur provvisoriamente, possiamo trarre molte lezioni. Per ora, la prima lezione è fare di necessità virtù, favorire la serendipity, cioè fare belle scoperte o riscoperte per il caso accaduto. Visto che siamo costretti, riscoprite il piacere di leggere, per esempio; che diventi virale. Riprendete le occasioni di riflessione, musica e sentimenti, per il domicilio coatto. O la grande opportunità di valorizzare il lavoro da casa, lo smart working, risorsa non ancora usata nelle sue ricche potenzialità ma che potrebbe ridare qualità alla vita, più attenzione alla famiglia e ai figli, minori ingorghi nel traffico e nei mezzi pubblici. E per chi crede alla Provvidenza, una bella profilassi spirituale è pregare. Le mani vanno lavate, ma restano pulite se sono giunte… Leggi il seguito…

    • Quarantena? Ci vorrebbe per Conte

      di Romano l’Osservatore. La polemica durissima che ha opposto il presidente del Consiglio ai governatori delle Regioni ha avuto ovvie ripercussioni sulla fiducia dei cittadini per le istituzioni. Oltretutto sono risultate a vanvera le accuse del premier Conte ai medici di Codogno, che paghiamo anche con ripercussioni internazionali. Leggi il seguito…

    • La Corte Europea dei diritti umani… e di Soros

      di Luca Volontè. Il centro studi ECLJ smaschera il conflitto di interessi della CEDU con le fondazioni di Soros. 22 giudici nel 2019 hanno o avevano avuto legami con sette ONG legate al magnate filantropo. Il Commissario dei diritti umani difenderà la giustizia europea?  Leggi il seguito…

    • I vescovi e il Dio che sostiene, ma non può fare miracoli

      di Stefano Fontana. I vescovi invitano a pregare perché Dio sostenga i malati e i medici, pochi di loro chiedono di pregare perché il Cielo sconfigga il contagio. Sembra che non si riconosca a Dio la possibilità di operare al di fuori dell’ordine del creato, come invece in San Tommaso, ma solo rispettando le leggi di questo ordine. Ecco il frutto della teologia di Rahner, dove Dio è intramondano.  Leggi il seguito…