La morale progressista di Cavour.

Camillo Cavour è il protagonista indiscusso del nostro Risorgimento. Senza di lui, senza la sua genialità sregolata, senza il suo opportunismo, il suo cinismo e la sua assoluta mancanza di scrupoli, molto probabilmente la storia avrebbe preso un altro corso. Vediamo allora quali sono le convinzioni profonde, morali ed ideali, del nostro primo presidente del Consiglio. Per farlo cominciamo ad esaminare un saggio che scrive nel 1846 riguardante la situazione delle ferrovie in Italia.

Cavour è convinto che puntare sulle ferrovie sia la strada migliore per garantire lo sviluppo morale ed intellettuale della popolazione. Ecco cosa scrive: “La vita intellettuale delle masse ruota intorno ad un numero di idee molto ristretto. Fra le idee che sono in grado di acquisire, le più nobili ed elevate sono fuor di dubbio, dopo quelle religiose, le idee di patria e di nazionalità. Se al momento attuale le circostanze politiche del paese impediscono a queste idee di manifestarsi oppure imprimono loro una direzione funesta, le masse resteranno sprofondate in un deplorevole stato di inferiorità. Ma non è tutto: presso un popolo che non può andare fiero della propria nazionalità, il sentimento della dignità personale non esisterà che eccezionalmente presso alcuni individui privilegiati. Le classi numerose che occupano le posizioni più umili nella sfera sociale, per acquisire la coscienza della propria dignità, hanno bisogno di sentirsi grandi dal punto di vista nazionale. Se desideriamo con tanto ardore l’emancipazione dell’Italia, è non solo per vedere la nostra patria gloriosa e potente, ma soprattutto perché possa elevarsi nella scala dell’intelligenza e dello sviluppo morale fino al livello delle nazioni più civilizzate”. Ritenendo che moralità ed intelligenza dei cittadini siano direttamente proporzionali alla potenza dello Stato in cui vivono, Cavour auspica una radicale inversione di rotta rispetto alla storia nazionale. Stato forte e potente: tradotto in parole povere è questo che vogliono i liberali.

In polemica ed in contrasto con la storia dell’Italia cattolica profondamente segnata dalla presenza dello Stato della Chiesa che (grazie alla totale assenza di obiettivi di potere e di conquista e grazie al prestigio internazionale di cui gode) garantisce ai suoi abitanti più di mille anni di pace, questo significa in concreto prendere parte alla corsa alle colonie che occupa tanta parte della storia dell’ottocento. Il pensiero liberale è fin dall’inizio indirizzato all’espansionismo e il primo frutto di quell’espansionismo è proprio la realizzazione dell’unificazione della penisola sotto il Piemonte. L’avventura di Crispi in Africa, il nazionalismo d’inizio secolo, il desiderio di potenza che porta il paese al dramma della prima guerra mondiale, la politica mussoliniana, sono da questo punto di vista in perfetta sintonia con le posizioni espresse dal nostro primo presidente del Consiglio. Sempre interessato al miglioramento della morale popolare, il conte si preoccupa anche di come la gente comune spenda il proprio tempo libero.

Il moralista Cavour è convinto che al popolo lavoratore faccia bene lavorare. E non pensare troppo perché fa male. Con la concretezza che lo contraddistingue si domanda cosa la povera faccia nei giorni di festa: siamo sicuri che nei giorni di riposo i poveracci vivano la loro festa cristianamente? Non saranno troppe le tante feste del calendario cattolico? “Io penso -sostiene alla Camera il 9 marzo 1850- che un soverchio numero di feste torni fuor misura nocevole alle classi operanti perché siffatte feste straordinarie non si dedicano per lo più al riposo, ma si spendono in quella vece in sollazzi e mali altri usi”. Quale il rimedio? Perché la morale trionfi bisogna diminuire il numero delle feste. Detto fatto.

Print Friendly, PDF & Email
Be Sociable, Share!
    News dalla rete
    • Gente seria, tornerà di moda!

      Alcide De Gasperi è una figura gigantesca della storia italiana. Tanto centrale da risultare "utile" per leggere ed interpretare la contemporaneità.… Leggi il seguito…

    • Il Papa, il Conclave. Ogni dittatore ha bisogno di un complotto, prima o poi…

      di Marco Tosatti. Cari amici e nemici di Stilum Curiae, vorrei tornare sulle straordinarie esternazioni fatte dal Pontefice regnante durante il suo incontro con i gesuiti in Slovacchia, e di cui ha già scritto benissimo Americo Mascarucci su queste pagine. Vorrei farlo riportando il lavoro di due persone che certamente non sono sospettabili di non amare il Vaticano, la Chiesa e il Pontefice regnante: Vik van Brantegem e Luis Badilla. Ed entrambi sono rimasti colpiti, per non dire sbalorditi (giustamente….), dalle frasi di papa Bergoglio. D’altronde quando mai nella storia di un dittatore non c’è un momento in cui si grida, più o meno strumentalmente, al complotto? Prologo di chiamata alle armi dei fedelissimi, e di inevitabili purghe…Ma lasciamo direttamente la parola a loro. Buona lettura Leggi il seguito…

    • La Cei tratta (poi ritratta), ma la Messa non è negoziabile

      di Stefano Fontana. L’allineamento della Chiesa italiana continua. Il presidente della Cei Bassetti parla di trattativa con lo Stato a proposito del Green pass a Messa. Poi cerca di correggersi e dice di intendere il protocollo di un anno e mezzo fa. Ma i riferimenti al lasciapassare e al coinvolgimento dei vescovi sono indizi chiari. Però l’uso del pass per partecipare alla Messa non può essere oggetto di “trattativa”. Sarebbe intollerabile e preoccupa che Bassetti abbia usato la parola “trattativa” e abbia dato la disponibilità della Cei ad una contrattazione che sarebbe scandalosa. Leggi il seguito…

    • Riflessioni (amare) sul green pass

      di Iustitia in Veritate. Una serie di articoli, redatti dai collaboratori di Iustitia in Veritate, per approfondire la virulenza liberticida del marchio verde, così come è stato concepito e applicato in Italia.

      1. CONSEGUENZE E PRESUPPOSTI NEFASTI
      L’introduzione e l’estensione ormai indiscriminata del cosiddetto green pass costringe ad alcune considerazioni sulla sua caratura morale, sulle sue implicazioni politiche e giuridiche, sui suoi effetti sulla convivenza civile. Leggi il seguito…