Emma Bonino raccontata da Perna

Ci sono azioni che dicono moltissimo di una persona. L'immagine di Emma Bonino che fa aborti con una pompa di bicicletta, ripubblicata da La Verità del 27 maggio, introduce molto bene la figura di una donna che vuole oggi che ...

continua a leggere...

Papa Anatema I

C'è qualcosa di inedito, oggi, per milioni di cattolici: all'assedio di una cultura avversa, nichilista ed atea, cui gli europei sono ormai abituati, più o meno, da due secoli, si aggiunge il quotidiano fuoco amico. Sino a quattro anni orsono, ...

continua a leggere...

L'Ungheria di Orban invita Eugenia Roccella

Da almeno 15 anni Eugenia Roccella partecipa a tutte le battaglie per la vita e la famiglia, con grande capacità, competenza e spirito di servizio. Molti di noi la hanno conosciuta ed apprezzata per la sua capacità di fare davvero ...

continua a leggere...

Francesco contro Medjugorje: perchè?

di Guido Villa Il duro e perentorio intervento di papa Francesco contro le apparizioni di Medjugorje durante il volo di ritorno da Fatima non è sorprendente, in quanto egli aveva in passato già espresso in modo molto chiaro la sua perplessità ...

continua a leggere...

La lotta tra desiderio del Cielo e abisso del Nulla.

Sabato scorso, 20 maggio, la città di Pisa ha vissuto due momenti apparentemente slegati tra loro ma in realtà molto uniti soprattutto per il forte richiamo e l’attrattiva che essi hanno sprigionato. La 17 edizione di “canapisa”, ha visto sfilare qualche ...

continua a leggere...

Emma Bonino raccontata da Perna

boninoCi sono azioni che dicono moltissimo di una persona. L’immagine di Emma Bonino che fa aborti con una pompa di bicicletta, ripubblicata da La Verità del 27 maggio, introduce molto bene la figura di una donna che vuole oggi che l’Italia imbarchi 16 milioni di immigrati nei prossimi Continua a leggere

I pro-life e la battaglia più antica: quella in difesa della vita

prolifeh

La storia, si sa è fatta di corsi e ricorsi, un susseguirsi di  eventi, meccanismi, idee e  battaglie sempre uguali o quasi. È questo il caso della lotta, ormai epocale che si sta combattendo oggi sul terreno della vita e della famiglia. Non passa giorno in cui la cronaca non ci consegni virulenti attacchi ai “pro-life” per le ragioni più disparate. Continua a leggere

Comperiamo La Verità.

verita

Il quotidiano La Verità (1 euro), oggi racconta, tra le altre cose, le battaglie di Emma Bonino di ieri, per l’aborto, e quelle di oggi, per l’immigrazione indiscriminata. Un quotidiano che ha questo coraggio, va sostenuto e acquistato! Comperarlo significa rafforzarlo e permettere che continui le sue battaglie

Papa Anatema I

cattura

C’è qualcosa di inedito, oggi, per milioni di cattolici: all’assedio di una cultura avversa, nichilista ed atea, cui gli europei sono ormai abituati, più o meno, da due secoli, si aggiunge il quotidiano fuoco amico. Sino a quattro anni orsono, infatti, la Chiesa aveva una sua unità: non mancavano, come non sono mai mancati, accanto gli approfittaotori e agli ipocriti, gli eretici, cioè coloro che miravano a distruggere il patrimonio profondo della fede. Ma dovevano in quale modo mimetizzarsi. Oggi non serve più: i media laicisti e la sede apostolica cantano e suonano sempre la stessa canzone. Aprite radio radicale: l’idolo è Bergoglio. Leggete Repubblica: l’idolo è Bergoglio. Ascoltate i discorsi dei campioni del mondialismo: non mancherà un ossequioso tributo all’attuale inquilino di santa Marta. Coloro che detestavano Benedetto e la Chiesa, Continua a leggere

L’Ungheria di Orban invita Eugenia Roccella

budapestDa almeno 15 anni Eugenia Roccella partecipa a tutte le battaglie per la vita e la famiglia, con grande capacità, competenza e spirito di servizio. Molti di noi la hanno conosciuta ed apprezzata per la sua capacità di fare davvero politica pro vita e famiglia, non tanto o non solo con dichiarazioni pubbliche, ma in modo concreto, come spetta fare ad un parlamentare: ideando emendamenti, tessendo alleanze, convincendo altri parlamentari…ed anche scrivendo articoli e testi informati e incisivi. Continua a leggere

Francesco contro Medjugorje: perchè?

cattura

di Guido Villa

Il duro e perentorio intervento di papa Francesco contro le apparizioni di Medjugorje durante il volo di ritorno da Fatima non è sorprendente, in quanto egli aveva in passato già espresso in modo molto chiaro la sua perplessità dinanzi a questo tipo di manifestazioni soprannaturali. Lo scorso novembre, ad esempio, aveva affermato che le rivelazioni private «sono come i fuochi d’artificio, che ti illuminano per un momento» e poi non rimarrebbe nulla, con esse «non c’è crescita, non c’è luce, non c’è niente: un istante».

Ben più di Medjugorje, quindi, è in questione, anche perché la «Madonna capo dell’ufficio postale» e Gesù stesso hanno inviato «messaggi ogni giorno» anche in altre occasioni, ad esempio a santa Faustina Kowalska, apostola della Divina Misericordia, e alla stessa suor Lucia, veggente di Fatima, la quale, dopo le apparizioni “ufficiali“, ricevette messaggi per molti anni – il culto al Cuore Immacolato di Maria, oggi riconosciuto dalla stessa Chiesa, deriva da  queste rivelazioni successive alle apparizioni a Cova da Iria. A Laus, in Francia, nel XVIII secolo la veggente Benedetta Rencurel ha avuto apparizioni per ben cinquantaquattro anni, e queste apparizioni sono state riconosciute dal vescovo diocesano di Gap. Continua a leggere

La lotta tra desiderio del Cielo e abisso del Nulla.

images

Sabato scorso, 20 maggio, la città di Pisa ha vissuto due momenti apparentemente slegati tra loro ma in realtà molto uniti soprattutto per il forte richiamo e l’attrattiva che essi hanno sprigionato.
La 17 edizione di “canapisa”, ha visto sfilare qualche migliaio di giovani all’interno di una città chiusa e muta perché passasse il fumo della provocazione e dell’annichilimento, tra le vie di un centro storico blindato in una specie di coprifuoco stabilito dalle autorità cittadine che doveva garantire la libera circolazione di erba senza che nessuno potesse in qualche modo disturbare l’onda dello spinello libero che manifesta a se stessa e al vuoto della città il desiderio di sballare liberamente e nella solitudine del proprio “io”. Continua a leggere

Utero in affitto… con i soldi nostri

vendola

Nichi Vendola ci ha stressato per decenni, pontificando a favore dei poveri e dei gay. Fondatore di Sel, ha portato in parlamento un bel gruppetto di persone, tra cui la Boldrini. Poi, mentre il parlamento cercava di discutere la Cirinnà, quatto quatto si è recato in California, per comperare l’ovulo di una donna e l’utero di un’altra donna (in questo caso per nove mesi), e un bambino (che chiama figlio, pur avendoci messo solo i soldi).

Quanti soldi? Tanti. L’utero in affitto è uno dei tanti nuovi “diritti” o delitti, ad alto costo umano ed economico.

Ma i soldi? Semplice, Vendola è andato in pensione a 57 anni Continua a leggere

Il silenzio e la parola

01-il-silenzio-e-la-parola

Tra le virtù smarrite da recuperare, lo scrittore Alessandro Pronzato inserisce il “silenzio” e la “parola”. Silenzio e parola camminano insieme, sono tra loro complementari, ciascuno ha bisogno della presenza dell’altro per manifestarsi nel pieno della sua essenza e insieme generare equilibrio. “Non ci può essere parola se non c’è, insieme, silenzio – scrive Pronzato -. Pure la musica è fatta di suoni e pause. Lo scopo essenziale del silenzio è quello di conferire spessore di significato alla parola, assicurare una risonanza alla parola, farcela penetrare dentro”. Dom Bernardo Olivera, monaco benedettino e già Abate Generale dei Trappisti, osserva che silenzio e parola “hanno lo stesso valore, sono inseparabili, il valore dell’uno è correlativo al valore dell’altra”. Continua a leggere

News dalla rete