Lettera aperta di una ex-Guardia svizzera

Andrej Rublëv, Icona di san Paolo, 1407 ca,
Galleria Tret’jakov, Mosca

Ad onore della Parola di Dio, proclamata da Paolo e dalla Chiesa, ci preme ricordare le parole della Lettera ai Romani che chiariscono come un cristiano si debba comportare in questioni controverse e non strettamente di fede. Secondo l’Apostolo, chi compisse una azione ingiusta, da lui ritenuta

Continua a leggere

LUNEDÌ 18 OTTOBRE TRIESTE IN PIAZZA Immagini diverse

Video amatoriale della sera del 18 Ottobre 2021 a Trieste in Piazza Unità d’Italia
QUI

Quali impressioni ne ricavi?

Siamo nel mondo delle immagini in movimento e, forse, le telecamere a volte si muovono troppo, o troppo poco.

I TG hanno documentato la giornata di ieri a Trieste, dalla manifestazione al porto, non autorizzata, fino alla sera, in Piazza Unità d’Italia.

Ogni TG, come di consueto, sceglie di disporre le notizie secondo un ordine proprio. Seleziona le immagini e le riprese.

Continua a leggere

“I MALATI COVID, I GURU NO VAX SOTTO INCHIESTA” La voce di Zona Bianca a Rete 4

Il Dott. Giuseppe Brindisi a Rete 4 conduce Zona Bianca.
Puntata del 13 Ottobre 2021

Da queste pagine, abbiamo dato più volte notizia di “Fuori dal Coro” di Mario Giordano, ma ci sembra doveroso dare spazio anche a “Zona Bianca”, condotta dal giornalista Dott. Giuseppe Brindisi, che da tempo affronta le questioni legate alla pandemia.

Finalmente, dopo la recente puntata sulla “Ivermectina” a dosi da cavalli, il Dott. Giuseppe Brindisi chiama a confronto il Dr. Agostino Miozzo, ex Direttore CTS, il Dr. Andrea Stramezzi; il Vicedirettore de La Verità, Dott. Francesco Borgonovo; la giornalista Dott.ssa Sabina Scampini di Radio 105.

Continua a leggere

Pietro Nenni, l’uomo del centro sinistra in Italia

Vale la pena ricordare, seppure in breve, la storia di quest’uomo con cui Fanfani e Moro vollero condividere il governo del paese: ardente repubblicano, intimo amico di Mussolini, socialista interventista e collaboratore de Il Popolo d’Italia, avversario dei socialisti filo-bolscevichi, membro della giunta direttiva del Fascio di Bologna nel 1919, socialista e collaboratore de l’Avanti nel 1921, fiero antifascista (rimanendo però nelle grazie del Duce che lo strappò alla condanna di Hitler salvandogli la vita), rifugiato in Vaticano… poi filocomunista entusiasta di Stalin (tanto da andarlo a trovare in Russia e ricevere, lì, il Premio Stalin), avversario politico intransigente di Degasperi e della Chiesa, tessitore dell’elezione alla Presidenza della Repubblica di Gronchi, appassionato celebratore di Mao (dopo un viaggio in Cina), sempre nel 1955, ed infine, dal 1960, alleato della DC post ed anti Degasperi (appoggio esterno al governo di Amintore Fanfani nel febbraio 1962 e vicepresidente del consiglio all’epoca del Governo Moro del 1963, primo esecutivo di centrosinistra).

Alla morte di Stalin, nel 1953, si recò al suo funerale, e il 6 marzo 1953, davanti alla Camera, affermò:

Continua a leggere

“TEATRODACCAPPO” BAMBINI E FANTASIA Dall’esperienza di Max Fenaroli e Marcello Nicoli un invito alla scuola.

Da Romano di Lombardia (BG) viaggiando fino all’Isola che non c’è! “Teatrodaccapo” compie 25 anni di spettacoli con i bambini, ma anche per i giovanissimi e i giovani, nelle piazze e nelle scuole. Max e Marcello “in-segnano” attraverso il palco, la parola, il colore, i gesti, la narrazione …

Continua a leggere

Cosa pensa veramente Giorgio Parisi?

Dopo i grandi successi sportivi, l’Italia ha ottenuto anche il Nobel per la Fisica a Giorgio Parisi.(foto)

La scelta dell’Accademia svedese ha sollevato molti entusiasmi e qualche evitabile polemica. Giorgio Parisi risulta infatti tra i firmatari di una lettera di diversi anni orsono in cui si osteggiava la presenza di Benedetto XVI a la Sapienza di Roma, cioè presso l’università della capitale fondata proprio da un papa nel lontano 1303.

Il ricordo di questo fatto ha sollevato le gioie degli atei militanti dell’Uaar, convinti di poter usare questo Nobel per le loro battaglie ideologiche, ma anche il risentimento di tanti cattolici che si sono chiesti: “Perché il cattolico Nicola Cabibbo, nel 2010, no, e Giorgio Parisi sì?”.

Continua a leggere

Tre importanti iniziative di formazione on-line promosse dall’Osservatorio Internazionale Card. Van Thuân

Il Mini Corso di Filosofia Cristiana tenuto dal prof. Stefano Fontana parte domenica 10 ottobre e si compone di 8 video-lezioni con possibilità, per gli studenti, di interloquire in diretta con il docente

https://www.vanthuanobservatory.org/wp-content/uploads/2021/09/VAN-THUAN-2021-filosofia-mini-prog-OK.pdf

Scopo del Corso è introdurre alla Filosofia Cristiana. Continua a leggere

News dalla rete

  • Gente seria, tornerà di moda!

    Alcide De Gasperi è una figura gigantesca della storia italiana. Tanto centrale da risultare "utile" per leggere ed interpretare la contemporaneità.… Leggi il seguito…

  • Il Papa, il Conclave. Ogni dittatore ha bisogno di un complotto, prima o poi…

    di Marco Tosatti. Cari amici e nemici di Stilum Curiae, vorrei tornare sulle straordinarie esternazioni fatte dal Pontefice regnante durante il suo incontro con i gesuiti in Slovacchia, e di cui ha già scritto benissimo Americo Mascarucci su queste pagine. Vorrei farlo riportando il lavoro di due persone che certamente non sono sospettabili di non amare il Vaticano, la Chiesa e il Pontefice regnante: Vik van Brantegem e Luis Badilla. Ed entrambi sono rimasti colpiti, per non dire sbalorditi (giustamente….), dalle frasi di papa Bergoglio. D’altronde quando mai nella storia di un dittatore non c’è un momento in cui si grida, più o meno strumentalmente, al complotto? Prologo di chiamata alle armi dei fedelissimi, e di inevitabili purghe…Ma lasciamo direttamente la parola a loro. Buona lettura Leggi il seguito…

  • La Cei tratta (poi ritratta), ma la Messa non è negoziabile

    di Stefano Fontana. L’allineamento della Chiesa italiana continua. Il presidente della Cei Bassetti parla di trattativa con lo Stato a proposito del Green pass a Messa. Poi cerca di correggersi e dice di intendere il protocollo di un anno e mezzo fa. Ma i riferimenti al lasciapassare e al coinvolgimento dei vescovi sono indizi chiari. Però l’uso del pass per partecipare alla Messa non può essere oggetto di “trattativa”. Sarebbe intollerabile e preoccupa che Bassetti abbia usato la parola “trattativa” e abbia dato la disponibilità della Cei ad una contrattazione che sarebbe scandalosa. Leggi il seguito…

  • Riflessioni (amare) sul green pass

    di Iustitia in Veritate. Una serie di articoli, redatti dai collaboratori di Iustitia in Veritate, per approfondire la virulenza liberticida del marchio verde, così come è stato concepito e applicato in Italia.

    1. CONSEGUENZE E PRESUPPOSTI NEFASTI
    L’introduzione e l’estensione ormai indiscriminata del cosiddetto green pass costringe ad alcune considerazioni sulla sua caratura morale, sulle sue implicazioni politiche e giuridiche, sui suoi effetti sulla convivenza civile. Leggi il seguito…