“I farmacisti non collaborino all’uccisione dei nascituri”

Pubblichiamo l’appello rivolto ai farmacisti italiani, nel giorno dedicato a San Giovanni Paolo II, dal coordinamento nazionale Iustitia et Pax, da Cultura Cattolica e dall’osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân sulla Dottrina Sociale della Chiesa.

*********

Agli amici Farmacisti.

A seguito delle decisioni degli enti pubblici di liberalizzare alcuni farmaci che procurano l’aborto, cioè l’uccisione di un essere umano innocente, magari sotto la denominazione ‘umanitaria’ di ‘contraccezione di emergenza’, come fedeli di Cristo invitiamo tutti voi a rifiutarvi di collaborare con l’uccisione dei nascituri e a non vendere a nessuno i suddetti farmaci.

La Chiesa nei suoi documenti ufficiali ha espressamente indicato tra i farmaci abortivi quelli intercettivi e quelli contragestativi (evidentemente sia in pillole che in altre modalità iniettabili o a spirale): Continua a leggere

Un popolo si riappropria della Dottrina sociale

di Stefano Fontana

La Terza Giornata nazionale della Dottrina Sociale della Chiesa, tenutasi sabato scorso a Lonigo (VI), è stata molto più che un convegno: è stato un popolo che si riappropria di un insegnamento sociale che la Chiesa di oggi ha abbandonato per seguire le ideologie mondane. È stato l’inizio di un cammino per ricostruire una presenza nella società che metta al centro Cristo creatore e redentore.

************

In un grande convento francescano di una piccola cittadina veneta, sabato scorso 17 ottobre è accaduta una cosa molto significativa. A Lonigo (Vicenza) si è tenuta la III Giornata Nazionale della Dottrina sociale della Chiesa. Il solito convegno! si dirà… E invece non è stato il solito convegno ma qualcosa di meglio e di più. Lì si è dato appuntamento un popolo cattolico che non intende rinunciare alla Dottrina sociale della Chiesa così come la Chiesa l’ha sempre insegnata, che dal basso si organizza e si collega per aiutarsi a tenere fede a questo patrimonio, seriamente preoccupato da come la Chiesa stessa lo stia trascurando se non abbandonando. Continua a leggere

Giornata nazionale della DSC. La lectio del vescovo Crepaldi: Attenti alle ideologie!

LIBERARE L’ECONOMIA DALLE IDEOLOGIE:

UN PRESSANTE INVITO DELLA DOTTRINA SOCIALE DELLA CHIESA

S.E. Mons. Giampaolo Crepaldi

Lectio magistralis tenuta alla III Giornata Nazione della Dottrina sociale della Chiesa, svoltasi a Lonigo (Vicenza) presso il Convento francescano di San Daniele, sabato 17 ottobre 2020

  1. Il titolo di questo mio intervento pone in relazione la Dottrina sociale della Chiesa con le ideologie in campo economico. Credo sia utile notare subito che la Dottrina sociale della Chiesa si contrappone, per sua intima natura, all’ideologia perché è realista mentre l’ideologia è sempre un occultamento strumentale della realtà. Anche Karl Marx la definiva così, ma dentro un sistema di pensiero che era a sua volta ideologico. Pensare infatti – come egli faceva – che la verità si faccia tramite la prassi è pura ideologia. Questa osservazione ci dice una cosa importante: non è sufficiente denunciare e criticare le ideologie, bisogna anche farlo in modo non ideologico. Le ideologie si accusano spesso tra loro di essere ideologiche, ma rimanendo sempre dentro il gioco dell’ideologia. La Dottrina sociale della Chiesa, invece, lo fa dall’esterno, senza partecipare al gioco dell’ideologia. Il motivo ce lo ha detto la Caritas in veritatedi Benedetto XVI, ricordandoci che la verità si fa dono di sé senza essere nostra produzione. L’ideologia è una nostra produzione con la quale vogliamo coprire la realtà e la verità, considerate come una grande ideologia. La Dottrina sociale della Chiesa è invece realista, pensa che la verità non sia ideologica, anzi che ci liberi dalle ideologie proprio perché è ricevuta e non prodotta da noi. La verità rende liberi. L’ideologia è sempre un artificio, la Dottrina sociale della Chiesa non lo è mai. Anzi, essa educa l’intelligenza e il cuore degli uomini alla realtà, al retto ragionamento, ad una fede consapevole e ragionevole, al vero sviluppo, alla fiducia nelle risorse umane e nell’uomo come risorsa. L’ideologia è pessimista perché non vede nella realtà se non una falsificazione, la Dottrina sociale della Chiesa è invece ottimista perché rifiuta di coprire la realtà con una coltre favorevole a degli interessi di parte. La Dottrina sociale è “della Chiesa” e la Chiesa è la Sposa del Logos, della Sapienza e della Verità. Le ideologie sono delle maschere, la Dottrina sociale guarda il Volto di Cristo in cui il Padre si è rivelato e che rivela anche il volto dell’uomo.

Continua a leggere

La storia della pillola abortiva: dai campi di concentramento a Rockefeller, Clinton, Gates e Soros

Una precisazione: la pillola abortiva è pericolosa e riprovevole perché uccide bambini e danneggia la salute psicofisica delle madri (con rischi anche letali), non perché è prodotta da una fabbrica di proprietà del regime comunista cinese e il principale azionista dell’azienda che l’ha creata produceva il gas usato per uccidere i prigionieri dei campi di concentramento nazisti. Non vogliamo alimentare l’odio indiscriminato contro le case farmaceutiche: esse creano e rendono accessibili farmaci che salvano e migliorano la vita a milioni di persone ma questo non le rende esenti da critiche quando invece creano e distribuiscono sostanze che hanno l’unico scopo di uccidere esseri umani.

Le persone che si sono impegnate e ancora si impegnano (che tra parentesi sono al 99% maschi bianchi eterosessuali capitalisti) per diffondere il più possibile le pillole della morte sanno benissimo che esse non favoriscono l’emancipazione femminile: il loro scopo è attuare la pulizia etnica globale, colpendo le minoranze etniche e i poveri di qualsiasi colore nei paesi occidentali e tutti gli abitanti dei paesi asiatici ed africani. Continua a leggere

Amy Barrett con la sua famiglia: un manifesto vivente del “femminismo” originario

Si consuma in questi giorni, negli Usa, un grande scontro che molti, forse, non comprendono appieno: quello tra Kamala Harris, potenziale vicepresidente del paese, e il giudice Amy Vivian Coney Barrett, candidata alla Corte suprema.

La prima viene definita, sui media di tutto il mondo, “femminista”, mentre la seconda è dipinta come una donna davvero bizzarra, che con la sua idea di fede, la sua devozione alla famiglia (è sposata ed ha sette figli) e la sua contrarietà all’aborto, rinnega, incredibilmente, tutte le “conquiste” del femminismo.

In verità la questione è più complicata, come dimostrano per esempio queste dichiarazioni di Erika Baciochi, nota esponente di quello che potremmo definire “femminismo cristiano”: “La Barrett racconta che per entrambi i genitori, i bisogni dei figli vengono per primi, le carriere per seconde, eppure prosperano sia i figli che le carriere. Invece di accettare l’assunto che prendersi cura della famiglia è una “scelta” della donna da abbracciare o rifiutare in solitudine, come fa la Roe vs Wade, i Barrett riconoscono che sia le madri sia i padri sono investiti dalle responsabilità verso i figli che dipendono da loro. Questo è il nuovo femminismo”.

Continua a leggere

Sopravvivranno le democrazie?

di Claudio Forti

Per chi ha voglia di fare un salto nel nostro passato, direi remoto, per vedere che cosa pensavano i filosofi greci della democrazia, visto che nella loro terra era iniziato questo esperimento, che Churchill definiva il meno peggio dei regimi, e che ora pare traballare in vari paesi occidentali. Traggo questo scritto dalla traduzione della terza e quarta pagina di una video-conferenza dello storico spagnolo César Vidal, attualmente in esilio negli Stati Uniti. Il titolo della conferenza è:

Sopravvivranno le democrazie?

Probabilmente sapete che la parola democrazia deriva da “demos” (popolo), e da “cratia” (potere), è una parola greca. La democrazia ha avuto un percorso breve. Comincia all’inizio del Sesto secolo avanti Cristo e ha un momento di pienezza nel Quinto secolo a. C. e si conclude nel Quarto secolo a. C., senza avere alcun restauro. Ciò che seguirà non sarà più una democrazia. Ma ci sono delle ragioni per cui si è conclusa così.

Qual è la prima ragione? Bene, avrete di che sorprendervi, perché questo viene definito e affermato da parte di persone che credono nel fatto che è il popolo che ha il potere. La prima ragione è la cecità delle masse. Le masse sono cieche, le masse sono ignoranti, e questo è un brodo di cottura poco raccomandabile per la democrazia. Il grande poeta Pindaro diceva, con un atteggiamento molto pessimista ma non distante dalla realtà, che quanto più grandi sono le moltitudini, più cieco è il loro cuore. Questo succede per la loro incapacità di ragionare. Questo, naturalmente costituisce un enorme problema. Inoltre Plutarco riesce ad essere anche più duro, arrivando a dire che la democrazia come regime dimostra che nonostante che coloro che di solito prendono la parola – e i politici che di solito parlano sono i più abili -, alla fine quelli che decidono e votano sono gli ignoranti. Il che è già preoccupante all’interno del sistema democratico. Continua a leggere

“Le vie della psicologia” di Roberto Marchesini

Roberto Marchesini

Le vie della psicologia

Storia e tendenze contemporanee

Sugarco, Milano 2020

pp. 304 – € 18,80

******************

Come in un giallo, questo libro vi porterà, indizio dopo indizio, a scoprire la verità sulle vie della psicologia.

Sono tante? Sono una sola? Ma da dove partono? E dove ci portano queste vie? Quale scegliere? Una via è più vera di un’altra?

In questo volume, avvincente come un romanzo, vengono raccolte tante prove che solo l’abile occhio investigativo dell’autore sa cogliere e sa mettere in relazione tra loro e così, una pagina dopo l’altra, come un puzzle, tutti i pezzi combaciano tra loro; ma non solo: le diverse vie della psicologia vanno a collocarsi nel panorama storico in cui si sono sviluppate, mostrando le connessioni con gli ideali e i movimenti culturali e politici del loro tempo, rendendo il libro anche un agile libro di storia moderna.

Come in una spy story, l’autore sa raccontare gli intrighi e gli intrecci che si sono svolti dietro le quinte della  versione di storia della psicologia che è stata resa nota ai più, attraverso i classici manuali universitari. Continua a leggere

The Great Reset: i globalisti vogliono resettare l’economia post-COVID

di Jeanne Smits.

Lo chiamano “The Great Reset”. Vogliono “re-immaginare” il mondo a cominciare dall’economia, approfittando perciò della finestra di opportunità offerta dalla pandemia da COVID-19. Vi sono coinvolti tutti i “big” della finanza e della politica internazionale. E anche Papa Francesco vorrebbe dare il suo contributo nel prossimo incontro d’Assisi.

“Nulla sarà più come prima”: quante volte l’abbiamo sentito nell’apice della pandemia di COVID-19? Il mondo “post-COVID”, ha ribadito l’establishment politico-mediatico, dovrebbe trovare una “nuova normalità”. E questo è davvero ciò che sta accadendo: i viaggi facili, le relazioni interpersonali calorose, i grandi incontri, le libertà individuali e persino le semplici strette di mano sembrano dover lasciare il posto al distanziamento sociale a lungo termine, a delle regole schizzinose ed a una sorveglianza potenzialmente drastica. Ma questa è solo una parte del quadro. Il World Economic Forum – quello dei famosi incontri globali di Davos – in collaborazione con il Principe Carlo d’Inghilterra e il Fondo Monetario Internazionale, ha lanciato un’iniziativa che rivela già da ora alcuni obiettivi, la cui realizzazione viene facilitata dalla grande paura del coronavirus cinese. Battezzata “The Great Reset” (il Grande Reset), tale iniziativa cercherà di “ricostruire” il sistema economico e sociale globale al fine di renderlo più “sostenibile”.

Questo cambiamento da cima a fondo è presentato come necessario a causa del crollo dell’economia mondiale, a sua volta conseguenza del lockdown generale. In un breve video su YouTube i suoi stessi promotori presentano l’idea, che ha ricevuto il pieno sostegno del segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres, ex presidente dell’Internazionale socialista dal 1999 al 2005. Continua a leggere

Forum sulla pandemia e destabilizzazione della democrazia nelle Americhe

Analisi dello storico spagnolo César Vidal

(Video caricato 3 mesi fa, ma sempre di grandissima attualità)

Traduzione di Claudio Forti

Bene, questo è un tema molto ampio per cui cercherò di esprimermi nel modo più concreto. La crisi del coronavirus si è trasformata in una grande crisi mondiale, fondamentalmente perché è stata gestita in maniera pessima, a cui si è aggiunta una martellante campagna mediatica per infondere il terrore in tutto il pianeta. A tutto ciò si è aggiunto il fatto che ci stiamo incamminando verso alcuni problemi economici che si aggraveranno in buona parte del globo. Tutto ciò non ha alcuna giustificazione, tenendo conto che l’epidemia influenzale del 2009 aveva contagiato un miliardo di persone: molto maggiore di quelle causate dal coronavirus. Quella epidemia causò 500mila morti, ma nonostante ciò i governi non entrarono nel panico, i mezzi di comunicazione non gli dettero importanza e la vita continuò il suo corso per il fatto che l’anno precedente c’era stata una crisi economica, e con una crisi economica mondiale in atto non si poteva perdere il tempo perché era in corso un’epidemia influenzale che contagiò un miliardo di persone.

In questa occasione le cose sono andate in maniera differente e tutto ha finito col trasformarsi in un brodo di cottura per mettere in atto strategie molto concrete. Fondamentalmente per attuare una agenda globalista che pretende, in concreto, di controllare le diverse nazioni, e che intende controllare in larga misura le diverse nazioni, in modo che l’America Latina diventi una serie di protettorati, e nel caso degli Stati Uniti, poter cambiare l’orientamento del sistema nordamericano, impedendo la rielezione del presidente Trump. Continua a leggere

Invito alla 3° giornata nazionale della Dottrina Sociale della Chiesa. Un evento di popolo

Cari Amici,

se Dio vuole terremo sabato 17 ottobre 2020 la TERZA GIORNATA NAZIONALE DELLA DOTTRINA SOCIALE DELLA CHIESA, a Lonigo (Vicenza) presso il Convento di San Daniele dei Frati Minori. Vi invito a leggere il programma (vedi qui) e ad iscrivervi subito perché i posti sono limitati causa Covid.

Il tema è decisivo: ECONOMIA DELLA VITA, ECONOMIA DELLA FAMIGLIA. Non una economia dell’ambiente, non un’economia delle aziende sanitarie, non un’economia dei soggetti globali, non una economia del nuovo centralismo, non un’economia dell’assistenza, ma UN’ECONOMIA DELLA VITA E DELLA FAMIGLIA. Un’economia delle GRANDI DIMENTICATE. Un’economia della sussidiarietà, della diffusione della proprietà privata, delle comunità locali, dei popoli, delle nazioni, della responsabilità imprenditoriale, della defiscalizzazione, della vera libertà Continua a leggere

News dalla rete

  • Verità senza più diritti, così cambia la dottrina, cari pompieri

    di Stefano Fontana. Molti cattolici dicono che la richiesta di papa Francesco di riconoscere giuridicamente le coppie omosessuali non intacca la dottrina. Ma la frase non nega solo la dottrina sull’omosessualità, ma anche la dottrina del diritto e dell’autorità politica. I diritti della coppia omosessuale non esistono. A nessuno fa piacere dire che il Papa sbaglia su questioni di dottrina. Ma anche la verità ha i suoi diritti. Leggi il seguito…

  • Dopo il Papa, primi vescovi allo scoperto. Serve chiarezza

    di Luisella Scrosati. Le parole di Papa Francesco sulle coppie gay stanno facendo uscire allo scoperto i primi vescovi: «Sì alle adozioni», dice il vescovo Ricchiuti. La Congregazione per la Dottrina della Fede deve intervenire e mettere in fuga ogni dubbio, è il suo compito e c'è anche già un precedente. L’errore di una possibile accettazione da parte della Chiesa delle unioni civili è stato diffuso dal Papa e ora è necessario fare chiarezza. La richiesta della Bussola.  Leggi il seguito…

  • Marcello Pera: “Così Bergoglio ci manda tutti a fondo”

    L'ex presidente del Senato commenta le frasi del Papa sugli omosessuali: “Francesco laicizza la chiesa, si adegua a un caposaldo del pensiero secolare odierno" “Che due omosessuali si uniscano in una relazione non semina scandalo. Si tratta di un rapporto di amore, amicizia, reciproco sostegno, che non deve essere discriminato e ancor meno penalizzato”. Marcello Pera, già presidente del Senato, intellettuale laico che per anni ha dialogato con Joseph Ratzinger, commenta con il Foglio le frasi di Papa Francesco sugli omosessuali contenute nel documentario presentato ieri alla Festa del Cinema di Roma. “Però – puntualizza – se questa unione si chiama ‘famiglia’, allora è un matrimonio, e se è un matrimonio, oltre che un sacramento, è un contratto che gode di tutti i diritti connessi, compreso quello ad avere figli, che nel caso di omosessuali si può soddisfare solo con l’utero in affitto”. Leggi il seguito…

  • Francesco non parlava dei gay ma del loro “diritto al figlio”. Ed è molto peggio

    di Idefix. In un certo senso è vero: papa Francesco non ha detto quello che molti pensano abbia voluto dire. Purtroppo ha detto molto di peggio. Non si tratta “soltanto” dell’invito al riconoscimento giuridico delle unioni omosessuali, fatto già abbastanza clamoroso per un Pontefice. Tantomeno si tratta del riferimento ai diritti individuali delle persone conviventi, indipendentemente dalla natura del loro rapporto: una legge del genere verrebbe approvata in cinque minuti all’unanimità. Men che mai le incaute dichiarazioni rilanciate dal documentario presentato in queste ore possono essere derubricate come una preoccupazione per il diritto degli omosessuali a non essere rifiutati dalla propria famiglia d’origine (ci mancherebbe). Leggi il seguito…