Fecondazione eterologa: psicologia del  “donatore”

Fecondazione eterologa: psicologia del donatore

 Con la sentenza della Corte Costituzionale, presieduta dal loquace Giuseppe Tesauro, il concetto  di famiglia naturale presente nella nostra Costituzione è stato buttato alle ortiche. Come ha notato su Avvenire Paolo Maddalena, presidente emerito della Corte Costituzionale, "l’unica volta in ...

continua a leggere...

E’ il tempo della testimonianza

E' il tempo della testimonianza

Sei un prete o una suora? Su Facebook non potrai più dirlo. Una delle ultime trovate del noto social network è infatti quella di mettere al bando gli utenti i cui nomi contengono titoli religiosi, pena l’oscuramento dell’account. A breve ...

continua a leggere...

Il papa e la guerra

Il papa e la guerra

La lettera del papa al segretario dell'Onu, sui fatti irakeni, è stata variamente commentata. Chi la ha considerata troppo debole e tarda, chi troppo dura. Chi innovativa, chi nel solco della tradizione diplomatica della Chiesa. Chi scrive ritiene che la ...

continua a leggere...

La legge del Padre e la legge del Figlio

La legge del Padre e la legge del Figlio

Un conto sono le norme di una persona sana e un conto sono le regole che deve seguire un malato per guarire. L’etica cristiana sintetizza le due legislazioni perchè si riferisce a soggetti che sul piano spirituale stanno recuperando la ...

continua a leggere...

Don Pierino Gelmini: il fardello della carità?

Don Pierino Gelmini: il fardello della carità?

Ogni tanto facciamo qualche buona azione, un po' di elemosina, aiutiamo una persona in difficoltà... Ma siamo uomini, molto limitati: un grazie, ci piacerebbe. Magari non desideriamo tanto, solo sentirci un po' in pace con noi stessi, e un sorriso ...

continua a leggere...

Fecondazione eterologa: psicologia del “donatore”

donor

 Con la sentenza della Corte Costituzionale, presieduta dal loquace Giuseppe Tesauro, il concetto  di famiglia naturale presente nella nostra Costituzione è stato buttato alle ortiche. Come ha notato su Avvenire Paolo Maddalena, presidente emerito della Corte Costituzionale, “l’unica volta in cui la Costituzione fa riferimento al concetto di ‘natura’ è nell’articolo 29, a proposito del matrimonio, definito appunto società naturale”.

La fecondazione eterologa è invece quanto di più artificiale possa esistere, non solo perché smembra le figure genitoriali (dividendo padre genetico da padre sociale e madre genetica da madre sociale), e introduce di fatto l’eugenetica, ma anche perché immette nella filiazione il dominio del mercato. Trasformando la naturale procreazione in artificiale produzione.
Quale è l’elemento più evidente di questa invasione del mercato Continua a leggere

E’ il tempo della testimonianza

prete16

Sei un prete o una suora? Su Facebook non potrai più dirlo. Una delle ultime trovate del noto social network è infatti quella di mettere al bando gli utenti i cui nomi contengono titoli religiosi, pena l’oscuramento dell’account. A breve tutte le persone consacrate saranno costrette a modificare il proprio nome, e così facendo dovranno negare una parte importante della loro identità. Continua a leggere

Miracolo. Si parla ancora di miracoli

In copertina, la resurrezione di Lazzaro che Giotto ha realizzato nella cappella degli Scrovegni a Padova. Al centro, maestoso, il Cristo che con un semplice gesto della mano richiama alla vita l’amico Lazzaro, fetido, avvolto da bende nauseabonde. Lo stupore e l’indignazione, la meraviglia e lo scetticismo, la fede e la perplessità si mescolano sui volti dei personaggi attorno alla scena principale. Nella piccola immagine pittorica di Giotto c’è tutta la posizione dell’uomo su Dio e la possibilità di un suo agire, straordinario, tra gli uomini.

Continua a leggere

Il papa e la guerra

guerra

La lettera del papa al segretario dell’Onu, sui fatti irakeni, è stata variamente commentata. Chi la ha considerata troppo debole e tarda, chi troppo dura. Chi innovativa, chi nel solco della tradizione diplomatica della Chiesa. Chi scrive Continua a leggere

Papà e mamma, diritto inviolabile

papa

 

No, ieri non si è permessa alcuna adozione gay. Non formalmente, almeno. Ad essere precisi, infatti, la sentenza del Tribunale dei minorenni di Roma che sta facendo tanto discutere altro non è stata che l’esito (positivo) della procedura di adozione avanzata da una singola donna convivente con un’altra, la madre effettiva e legale della bambina. Si tratta dunque di una decisione che, come pure quella del novembre scorso Continua a leggere

La legge del Padre e la legge del Figlio

PadreFiglioSpiritoSanto

Un conto sono le norme di una persona sana e un conto sono le regole che deve seguire un malato per guarire. L’etica cristiana sintetizza le due legislazioni perchè si riferisce a soggetti che sul piano spirituale stanno recuperando la salute, ma sono tuttora affetti dal male, per cui devono seguire le regole del medico, se non vogliono morire.
Gli studi di medicina comportano tre trattati: la fisiologia, che espone le funzioni normali dell’organismo; la patologia, che descrive la malattie; e la terapia, che insegna le cure. Il patologico si riconosce e si valuta facendo riferimento al fisiologico, ossia al normale. Una volta considerato il patologico, si fa intervenire la terapia al fine di togliere il patologico e di ricondurre il malato alla salute.
Ora, nel campo della morale cristiana, il Padre celeste è il fisiologo, Mosè è il patologo e il Figlio Continua a leggere

I pellegrini della morte

suicidio

E’ oggettivamente sgradevole parlare della morte: porta riflettere sul tempo che scorre, ad interrogarsi sull’oscuro “dopo” che ci attende, a considerare la tristezza dell’ultimo saluto. Tuttavia una riflessione, a volte, sorge spontanea, tanto più alla luce del paradosso che oggi contraddistingue il tema della morte: bandita dalle cronache – centrate più sulla spettacolarità della violenza che sull’inevitabilità del trapasso – torna centrale allorquando si considera, per esempio, il fenomeno del suicidio assistito. Un fenomeno Continua a leggere

Don Pierino Gelmini: il fardello della carità?

don gelmini

Ogni tanto facciamo qualche buona azione, un po’ di elemosina, aiutiamo una persona in difficoltà… Ma siamo uomini, molto limitati: un grazie, ci piacerebbe. Magari non desideriamo tanto, solo sentirci un po’ in pace con noi stessi, e un sorriso di gratitudine. Ma i cristiani sanno che la carità è molto di più.
Mi vengono in mente questi pensieri ricordando la morte Continua a leggere

Credo

Ci sono cose che trascuriamo. Sono le realtà più vicine, conosciute. Così consuete da esserci straniere. Le diamo per acquisite, scontate. E’ quasi banale soffermarcisi, indugiare per capire meglio, per guardarci dentro, per amarle davvero. “Lo so già” è il nome di una malattia che porta a disinvestire lo sguardo, l’udito, il cuore da ciò che pare essere un dato acquisito. C’è una sorta di presbiopia a guardare la realtà vicina, come se per il fatto stesso di essermi prossima essa mi appartenesse. Per contagio. Continua a leggere

News dalla rete